Brad Pitt afferma che Angelina Jolie “cercò di infliggere danni” vendendo una quota del vigneto

0

Brad Pitt ha accusato Angelina Jolie di “cercare di infliggergli del male” vendendo una partecipazione nel loro vigneto a uno “straniero”.

Nel 2011, le star di Hollywood hanno investito nella cantina francese Château Miraval in collaborazione con l’enologo Marc Perrin.

In seguito alla scissione del 2016, Jolie ha venduto le sue azioni a Tenute del Mondo, una sussidiaria del Gruppo Stoli, e ora Pitt ha affermato in un deposito legale presentato alla Corte Superiore della Contea di Los Angeles che il suo ex -la moglie voleva “mettere a rischio la reputazione del marchio” con le sue azioni.

Inoltre, i presunti boss di Pitt alle Tenute del Mondo sono “intenzionati a prendere il controllo di Miraval” che è “indirettamente posseduta e controllata da Yuri Shefler, il miliardario russo che controlla il Gruppo Stoli”.

“Jolie ha perseguito e poi consumato la presunta vendita in segreto, mantenendo di proposito Pitt all’oscuro e violando consapevolmente i diritti contrattuali di Pitt”, si legge nel documento, secondo People.

Pitt, 58 anni, ha anche affermato che lui e Jolie, 47 anni, avevano concordato di non vendere le loro partecipazioni nella società senza il reciproco consenso.

L’attore de Il Curioso Caso di Benjamin Button chiede il risarcimento dei danni “per un importo da provare a processo” e vuole che la vendita delle azioni della Jolie sia dichiarata “nulla”.

I rappresentanti della Jolie non hanno ancora risposto alla causa.

Pitt e Jolie, che condividono sei figli, hanno ufficialmente divorziato nell’aprile 2019.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.