Jessica Chastain: La brava infermiera è stata snervante

0

Jessica Chastain dice che ‘The Good Nurse’ è stato il film più “snervante” della sua carriera.

L’attrice premio Oscar interpreta l’infermiera Amy Loughren, che l’ha aiutata a sconfiggerla il collega serial killer Charles Cullen (Eddie Redmayne) – nel nuovo film di Netflix e ha spiegato la pressione unica di avere la Loughren nella vita reale che osserva la sua esibizione.

Parlando con IndieWire, Jessica ha detto: “È stato diverso da qualsiasi altra cosa che abbia mai fatto perché non ho mai filmato una scena della vita di qualcuno mentre mi osservavano mentre la recitavo.

“Era al monitor. È stata una cosa molto snervante e snervante da fare. È una grande responsabilità ogni volta che interpreti la storia di qualcuno, ma soprattutto mentre ti guardano mentre la fai.”

La star di 47 anni ha elogiato Loughren per essere stata così “generosa” mentre ha aiutato a creare scene del film.

Jessica ha detto: “Era come un angelo”.

Il film è stato diretto da Tobias Lindholm ed è adattato dal libro di Charles Graeber del 2013 con lo stesso nome e il regista ha elogiato lo sceneggiatore Krysty Wilson-Cairns per aver raccontato la storia in modo così vivido.

Ha detto: “Quando ho letto la sceneggiatura per la prima volta… (mi) mi ha ricordato di mia madre nel caso era il ritratto di una madre single in difficoltà che ha sconfitto il serial killer più prolifico della storia americana con l’aiuto della gentilezza. Quello era il suo superpotere.

“E questo mi ha ricordato tutte le mamme laboriose là fuori, gli eroi sconosciuti di cui non parliamo mai, quindi è stato il mio modo di entrare, celebrare Amy e il suo eroismo”.

Lindholm ha spiegato che è stata una “grande sfida” evitare di cadere nella struttura tipica dei film di serial killer.

Il regista danese ha detto: “Ci sono tanti cliché in questo genere, quindi essere in grado di trovare nuove strade e trovare modi più realistici per avvicinarsi a questo era l’obiettivo.

“Ma è difficile perché sono schiavo delle convenzioni come chiunque altro. Quindi abbiamo dovuto affrontarlo, ed è probabilmente per questo che ci è voluto così tanto tempo.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.