Lupita Nyong’o sostiene la decisione di non riformulare T’Challa nel sequel di Black Panther

0

Lupita Nyong’o pensa che sia stata la decisione giusta non riformulare T’Challa in ‘Black Panther: Wakanda Forever’.

La star 39enne riprende il suo ruolo di spia Nakia nel sequel del Marvel Cinematic Universe (MCU) e sostiene la scelta di non sostituire Chadwick Boseman dopo la sua morte nel 2020 dopo una battaglia privata contro il cancro.

Lupita ha detto a The Hollywood Reporter: ” Questa non è la morte di Black Panther, questo è il punto.

“Sta riposando (T’Challa) e permette alla vita reale di informare la storia dei film. So che ci sono tutti i tipi di motivi per cui le persone vogliono che venga rifuso, ma non ho la pazienza. Non ho la presenza di spirito, o non ho l’obiettività per discuterne. Io non. Sono molto di parte.”

Lupita ha parlato del processo di realizzazione del film mentre è in lutto per Chadwick e ha elogiato il regista Ryan Coogler per aver onorato l’eredità del compianto attore con il sequel.

L’attrice di ‘Star Wars’ ha dichiarato: “Ryan ha scritto qualcosa che onorava così tanto la verità su ciò che ognuno di noi stava provando, quelli di noi che conoscevano Chadwick.

“Ha creato qualcosa che potesse onoralo e porta avanti la storia. Alla fine, stavo piangendo.”

Lupita ha anche parlato delle modifiche che dovevano essere apportate al film dopo la morte di Chadwick.

Ha detto: “Perdendo il tuo fulcro, tutto è cambiato. Quando dici che il mondo ruotava attorno a lui, ruotava attorno a lui, così è stato.

“La sceneggiatura che abbiamo scritto prima della morte di Chadwick era molto radicato nella prospettiva di T’Challa. È stato un film enorme ma allo stesso tempo uno studio sul personaggio che ha approfondito la sua psiche e la sua situazione.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.