Le console di ultima generazione sono in grado di gestire Saints Row?

0

Meglio di quanto si possa pensare, ma difficile da consigliare.

Ho passato l’ultima settimana a giocare a Saints Row su sistemi PS4 e Xbox One di ultima generazione – e onestamente? Non è poi così male. I problemi tecnologici fondamentali rimangono: l’evidente pop-in delle ombre è tornato – e in realtà qui è un po’ peggiorato. Ritornano anche le animazioni e la fisica degli NPC, che non sono sempre perfette. Infine, l’obiettivo dei 60 fps delle versioni PS5 e Serie X lascia il posto a qualcosa di più basso sulle macchine di ultima generazione: un frame-rate inferiore ai 40 fps o addirittura inferiore ai 30 in scenari di stress-test. Anche le prestazioni sono ancora sbloccate, quando un limite di 30fps avrebbe fatto davvero una differenza positiva, ma sono entrato in questo gioco con aspettative basse, che le versioni last-gen superano comodamente.

Analogamente a Xbox Series S, sono scomparse le numerose varianti di modalità di prestazione viste nelle versioni Series X e PS5. Non ci sono più opzioni grafiche di alcun tipo. Inoltre, le funzioni di ray tracing sono assenti, ovviamente, ma va bene così. Sembra che i pixel siano fissi su tutti i sistemi e che non ci sia un evidente ridimensionamento dinamico della risoluzione, ma ciò che è interessante è che l’overlay dell’HUD sembra cambiare la risoluzione. È molto, molto strano. Non si può escludere del tutto il DRS in-game, ma il gioco sembra coerente in termini di qualità dell’immagine, con solo l’HUD tremolante che dà il senso di un cambiamento di risoluzione.

Considerando le qualità delle versioni last-gen, ci si aspetterebbe che Xbox One X offra la migliore resa del gioco, ma questo è vero solo in parte. Almeno per quanto riguarda la qualità dell’immagine, si ottiene un risultato molto decente a 2560×1440 nativi, rispetto ai 1080p non proprio stellari di PlayStation 4 Pro. I 1440p di One X superano anche l’uscita full HD di Series S, ma le impostazioni di qualità sono ridotte (in particolare in termini di densità del fogliame) e il livello di prestazioni sbloccato è in realtà peggiore dell’esperienza di PS4 Pro. In questo caso, non c’è un vero e proprio “vincitore” in termini di macchine di ultima generazione, perché mentre la One X sembra significativamente più pulita, il frame-rate può raggiungere un nadir di 24 fps – la Pro è complessivamente più fluida, anche se tutt’altro che omogenea e costante nella sua erogazione.

Altre quattro versioni di Saints Row passano al microscopio. Riusciranno le versioni last-gen a reggere il confronto con l’attuale ondata di console non proprio al meglio?

Le console last-gen sono in grado di gestire Saints Row? Finora abbiamo visto che le macchine potenziate perdono un po’ di dettagli e un bel po’ di prestazioni rispetto alle loro controparti più moderne, ma a parte il frame-rate approssimativo, il gioco sembra simile con solo piccole modifiche alle impostazioni. Sulle macchine di base, invece, lo sviluppatore Volition deve tagliare di più. È interessante notare che la PS4 vanilla opera con la stessa risoluzione di rendering della Pro – full HD 1080p – ma la densità dell’erba subisce un calo, la distanza di disegno delle ombre è notevolmente ridotta, mentre la qualità delle ombre stesse e la qualità degli effetti hanno una risoluzione molto inferiore. Non sorprende che questi stessi compromessi siano stati adottati anche su Xbox One S, che vede anche il conteggio dei pixel scendere a 1536×864, rendendola la versione più sfocata del lotto.

Forse il problema più grande delle versioni base di PS4 e Xbox One è il frame-rate. Le prestazioni si aggirano sulla linea dei 30 fps sulla macchina Sony, oscillando appena sopra e sotto per tutto il tempo. A volte la variazione è di due o tre fotogrammi al secondo, ma è sempre intorno a questo valore. Il fatto che si stabilizzi intorno ai 30 fps suggerisce ancora una volta che il DRS potrebbe essere in vigore, ma il 1080p viene fuori in ogni singolo conteggio di pixel. Quindi, una teoria è che forse c’è una natura dinamica nelle impostazioni visive stesse, nell’occlusione ambientale, nei post-effetti e altro ancora, simile al funzionamento di Elden Ring.

Questo spiegherebbe certamente come e perché il frame-rate si mantiene sui 30fps, quasi come se fosse guidato verso quella soglia e spiegherebbe anche come faccia a farlo senza un limite di 30fps. Nelle scene tagliate, invece, le prestazioni scendono a poco meno di 20 fps. I risultati in termini di prestazioni sono inaspettati con Xbox One, che in realtà funziona leggermente meglio di PS4 in molte aree, fino a cinque fotogrammi al secondo. Anche con il suo deficit di risoluzione, si ha la sensazione che ci sia molto di più di quanto sembri, considerando il livello di prestazioni più elevato sulla macchina last-gen meno capace.

La nostra analisi iniziale del reboot “divertente ma imperfetto” di Saints Row, qui testato su console PlayStation 5 e Xbox Series.

Tutto sommato, Saints Row non è un disastro su nessuno di questi quattro vecchi sistemi, nonostante la natura incoerente del gioco che gira sulle macchine più recenti e molto più capaci. PS4 Pro offre il frame-rate più fluido del gruppo, mentre Xbox One X ha la migliore qualità dell’immagine – ma anche la Xbox One S di base registra un frame-rate spesso superiore ai 30fps. I tagli visivi sono evidenti, soprattutto su PS4 e Xbox One di base, ma tutte le versioni sono giocabili – e ne trarrebbero ulteriore beneficio se le prestazioni fossero limitate a 30 fps con una distribuzione uniforme dei fotogrammi, invece del frame-rate sbloccato visto qui.

Come ho già detto, ho iniziato con poche aspettative e, per essere chiari, questo non è certo il modo ideale di giocare, ma non è radicalmente fuori strada se confrontato con le versioni current-gen che abbiamo visto in precedenza. Al di là dell’aggiornamento della risoluzione, delle migliori distanze di disegno e delle ombre migliorate, il gioco è paragonabile e le nuove console non offrono esattamente un miglioramento generazionale. Quello che vediamo in Saints Row è un progetto chiaramente costruito tenendo conto dei limiti delle vecchie PS4 e Xbox One.

Con i bug di Saints Row e la sua mancanza di pulizia, insieme alle stranezze visive presenti su ogni sistema, il gioco appare e gira meglio di quanto si possa pensare su hardware di ultima generazione. Nonostante ciò, è difficile raccomandare con tutto il cuore una qualsiasi delle versioni last-gen. Per lo più, mi aspettavo il peggio, soprattutto per quanto riguarda la Xbox One di base, ma è emerso che tutte e quattro le console fanno girare Saints Row abbastanza bene e che lo sviluppatore ha trovato il modo di rimettere in sesto questo gioco, al di là delle correzioni dei bug (abbiamo già parlato di un limite di 30 fps?). I problemi ci sono, ma non sono insormontabili, per cui resto fiducioso che ulteriori aggiornamenti possano risollevare le sorti di questo gioco.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.