Soul Hackers 2: il nuovo Persona-lite di Atlus ha grandi problemi tecnici

0

Un gioco intrigante, ma con una grafica primitiva e prestazioni sconcertanti.

Qual è l’attesa più lunga che avete fatto per un sequel di un videogioco? Devil Summoner: Soul Hackers è uscito nel lontano 1997 su Sega Saturn, un JRPG dungeon crawler in prima persona realizzato dallo sviluppatore Atlus. Quattro generazioni di console più tardi abbiamo finalmente un sequel, Soul Hackers 2, anche se si tratta in realtà di un gioco a sé stante con collegamenti per lo più tematici con l’originale. 25 anni sono un periodo lungo per la grafica computerizzata e Soul Hackers 2 dispone di un’ampia varietà di tecnologie potenzialmente utilizzabili, ma i primi filmati non hanno impressionato più di tanto. Non c’è molto che faccia pensare che l’attuale ondata di console sia stata messa a dura prova da questa versione di Persona-lite, e l’effetto a catena sembra essere che le macchine di ultima generazione ricevano dei port scioccanti, soprattutto la Xbox One vanilla.

Soul Hackers 2 prende in prestito i suoi elementi di gioco da altri titoli recenti di Atlus, quindi, a livello di base, si tratta di un RPG a turni orientato allo sfruttamento dei punti deboli, un sistema abbastanza piacevole ma niente di eccezionale per i veterani degli RPG. Ci sono alcuni colpi di scena, come una meccanica di tipo overkill che premia il gioco strategico, e molta personalizzazione. Ma non si tratta di nulla di particolarmente innovativo. In altri ambiti, invece, questo gioco brilla davvero. Soul Hackers 2 è un titolo orientato al party che intreccia più personaggi attraverso una storia tortuosa e seriale. I conflitti interpersonali e le interazioni sono al centro dell’attenzione e un sistema sociale rende più giocose le interazioni fuori dal combattimento, dando alle semplici conversazioni conseguenze reali. È più simile a uno show televisivo che a un film, con una narrazione in stile “cattivo della settimana” che presenta più archi narrativi brevi che si sviluppano nel tempo.

Questa formula è piuttosto nuova per gli standard del settore, ma se avete giocato ad altri recenti giochi di ruolo di Atlus – in particolare Persona 5 o Tokyo Mirage Sessions – saprete cosa aspettarvi. Fortunatamente, questo si estende anche al resto del pacchetto, con un acuto senso dello stile visivo. Ma non si può fare un videogioco solo con le rifiniture artistiche: come si comporta il rendering 3D?

Soul Hackers 2 – la recensione tecnica di Digital Foundry, in forma di video.

Cominciamo con le cose positive. Il lato positivo è che i modelli 3D dei personaggi hanno una fedeltà grafica ragionevolmente elevata. Presentano un numero di poligoni adeguatamente elevato, hanno un buon lavoro di texture e sono cel-shade uniformi. Il rendering dei personaggi non è all’avanguardia, ma non ne ha bisogno e funziona perfettamente in questo caso, dato lo stile visivo.

Tuttavia, le ambientazioni mettono davvero a nudo le debolezze del rendering. I punti fermi dell’ottava generazione, come i materiali basati sulla fisica, l’illuminazione globale e i riflessi nello spazio dello schermo, sembrano essere del tutto assenti, ma questo è solo l’inizio. Tutta l’illuminazione ambientale sembra essere cotta a puntino e non influisce minimamente sul contrasto con le ombre. Il budget per la geometria è piuttosto limitato, il che produce superfici curve dall’aspetto goffo. La risoluzione delle texture è discutibile e la varietà delle texture è minima. Le cubemaps sono notevolmente semplici e poco allineate. Anche la post-elaborazione è limitata, in quanto il gioco manca di motion blur per pixel e di profondità di campo bokeh.

Soul Hackers 2 gira sul motore Unity senza il set di funzionalità High Definition Render Pipeline (HDRP), quindi non mi aspettavo una parità di livello tecnico con un software avanzato. Ma i risultati sono molto semplici e non sono molto superiori ai titoli per PS3 e Xbox 360. È particolarmente strano se si considerano gli obiettivi delle piattaforme per questo progetto – PS4, Xbox One, PS5, Xbox Series e PC – che sono tutte perfettamente in grado di gestire risorse più ambiziose, come minimo.

Il confronto tra Soul Hackers 2 e l’ultimo gioco di Atlus mette in evidenza questi problemi. Shin Megami Tensei 5 è uscito l’anno scorso su Nintendo Switch e condivide molti elementi con Soul Hackers 2, compresa la maggior parte dei modelli di nemici. Tuttavia, nonostante la limitata potenza hardware di Switch, le tecniche di rendering sono molto più mature e le risorse sono generalmente di qualità superiore. Le differenze di motore sono certamente parte del quadro, ma non sono l’intera storia.

I dungeon copia-incolla di Soul Hackers 2 sono uno degli aspetti peggiori del design visivo del gioco.

Si può dire con certezza che non sono entusiasta della resa di Soul Hackers 2. Ma c’è un problema ancora più evidente nella grafica, secondo me. Soul Hackers 2 presenta una grafica ambientale molto elementare per la maggior parte. I dungeon consistono in corridoi dall’aspetto identico in ambienti aridi e in stile industriale, come cantieri navali e terminali della metropolitana. C’è poco da distinguere tra una stanza e l’altra, con corridoi copia-incollati e illuminazione piatta. Ogni dungeon può avere una piccola manciata di design di stanze e corridoi, che si ripetono fino alla nausea nel corso di ore e ore di gioco.

Per fortuna c’è una mini-mappa a cui si può accedere durante l’esplorazione, altrimenti sarebbe estremamente facile perdersi. Le aree cittadine del gioco hanno comunque un aspetto decente. È vero che queste zone sono piuttosto piccole e i difetti di rendering sono comunque fastidiosi. Ma se i dungeon avessero un livello di cura e attenzione per i dettagli simile a questo, ci sarebbe molto meno da lamentarsi.

Anche la qualità dell’immagine è, forse non sorprendentemente, indietro rispetto alla curva. Non c’è alcun tipo di anti-aliasing. La relativa mancanza di geometria, ironicamente, aiuta un po’ in questo senso, riducendo al minimo l’aliasing visibile in alcune scene. Tuttavia, aspettatevi una presentazione poco nitida. Nemmeno le alte risoluzioni risolvono il problema. PS5 e Series X offrono entrambe modalità grafiche e prestazionali, che sono essenzialmente la stessa cosa, con una che funziona alla piena risoluzione 4K con un limite di 30fps, e l’altra a 1800p60. Xbox Serie S? C’è solo un’opzione, che offre una bizzarra risoluzione di 2048×1152, con un frame-rate sbloccato. La mancanza di AA non aiuta nessuna di queste versioni, ma la Serie S è quella che ha ottenuto il trattamento peggiore.

La modalità Performance su PS5 va generalmente bene, ma la Serie X ha inspiegabilmente problemi a garantire 60fps negli ambienti più complessi.

Dal punto di vista delle prestazioni, le modalità grafiche a 4K30 funzionano come previsto, senza cali di prestazioni evidenti, come ci si aspetterebbe da un gioco relativamente poco impegnativo. Su PS5, la modalità prestazioni raggiunge quasi sempre i 60fps. L’unica eccezione è rappresentata da alcuni attacchi che riempiono lo schermo durante il combattimento, in particolare gli attacchi “a soffio” che emettono un’alta densità di particelle alfa. Spesso si nota un breve calo di fotogrammi quando questi attacchi sono sullo schermo. Al di fuori di questi casi, tuttavia, il gioco si blocca a 60 fps ed è il modo migliore per giocare.

La Serie X non se la cava altrettanto bene con questa opzione. I brevi cali durante i combattimenti ritornano, ma il gioco fa davvero fatica in alcune aree cittadine, scendendo a 40 e 50 per lunghi periodi. Anche alcune scene tagliate vedono cali di prestazioni prolungati. I problemi di combattimento sono comprensibili, ma gli altri problemi non hanno altrettanto senso. La Serie S si comporta in modo molto simile, anche con un numero di pixel drasticamente ridotto.

Sebbene Soul Hackers 2 sia tecnologicamente poco ambizioso e in qualche modo poco performante, è comunque un grande, grande miglioramento rispetto alle versioni per la scorsa generazione. A partire da Xbox One S, le prestazioni sono miserevoli. Soul Hackers 2 tende a girare tra i 15 e i 35 fps, con gli ambienti cittadini che si rivelano estremamente impegnativi. La maggior parte delle scene d’intermezzo si attesta sui 20 secondi, mentre i combattimenti fluttuano in modo anomalo. Per qualche ragione, Atlus ha optato per un frame-rate non limitato che sembra totalmente inadatto a questi frame-rate.

Forse la risoluzione di rendering a 1080p è in parte responsabile, anche se con queste immagini è difficile capire da dove provenga il collo di bottiglia. Le prestazioni calano ulteriormente quando si va avanti velocemente nelle sequenze di cutscene, anche se tutte le macchine di ultima generazione hanno problemi in questi segmenti. One X se la cava un po’ meglio. Il framerate sbloccato è tornato, ma le prestazioni sono migliorate di circa 5-10 fps in un gameplay simile e la risoluzione è quadruplicata a 4K. Questo funzionerebbe con un limite di 30fps (che il gioco non ha), anche se le escursioni verso i 20fps sono ancora troppo frequenti per i miei gusti.

Anche Xbox ha difficoltà con le macchine di ultima generazione. La versione One S è estremamente approssimativa e mentre One X funziona a 4K, le prestazioni non sono eccezionali. Sono la PS4 e soprattutto la PS4 Pro, focalizzate sui 1080p, a funzionare meglio.

La PS4 è la prima macchina di ultima generazione che riesce a fornire una sorta di prestazioni costanti. Possiamo ancora spingere la macchina verso i 20fps in alcune scene, ma criticamente c’è un limite di framerate di 30fps. Otteniamo una risoluzione di 1080p, proprio come Xbox One, ma con prestazioni minime più vicine a quelle di One X e con un limite massimo di 30 fps. PS4 Pro rimane a 1080p senza alcun incremento visivo rispetto al codice PS4, ma le prestazioni sono molto, molto vicine ai 30fps, con solo l’impegnativo ambiente della città di Karachuko a causare problemi. Tra tutte le macchine di ultima generazione, questa è sicuramente quella da preferire. Le decisioni di Atlus con Soul Hackers 2 sembrano però molto strane. Perché lasciare le versioni per Xbox One non limitate? Perché far girare One X a 4K e PS4 Pro a 1080p? Sono sinceramente sconcertato. Anche se il gioco sembra inspiegabilmente pesante, i problemi di configurazione sulle macchine last-gen non fanno che peggiorare una brutta situazione.

Adoro i giochi di Atlus in generale, ma sono in disaccordo con Soul Hackers 2. Il gioco in sé è molto buono, e combina una vasta gamma di giochi di ruolo con un’ottima qualità. Il gioco in sé è molto buono, combina personaggi forti, un sistema di combattimento soddisfacente e musiche eccellenti. È molto in linea con altri titoli Atlus e, anche se probabilmente non è rifinito o esteso come un gioco come Persona 5, è un gioco solido per chi ama questo tipo di titoli. Inoltre, ci sono elementi visivi che resistono molto bene, in particolare l’artwork 2D, le animazioni, i modelli dei personaggi e i menu.

La grafica, tuttavia, è semplicemente molto al di sotto della media. La tecnologia di rendering è primitiva sotto ogni punto di vista, anche se è un aspetto che può essere trascurato una volta che ci si abitua. Anche così, le risorse dei dungeon sono offensivamente basilari, con brutti corridoi copia-incollati in tutte le sezioni di combattimento del gioco. Il gioco presenta alcuni preoccupanti problemi di prestazioni su molte delle piattaforme supportate, con la Xbox One S in particolare che presenta alcuni dei peggiori frame-rate che abbia mai visto negli ultimi tempi. Come gioco contemporaneo a prezzo pieno, Soul Hackers 2 è al di sotto di ogni standard tecnico. Ma se siete interessati a questo titolo, vale la pena giocarlo, a patto di tenere sotto controllo le aspettative tecnologiche.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.