Call of Duty: Modern Warfare 2 ottiene una data di uscita a ottobre

0

E i personaggi di ritorno confermati.

Il prossimo capitolo della longeva serie Call of Duty dello sviluppatore Infinity Ward, che in precedenza era stato confermato essere il sequel del prossimo futuro Modern Warfare 2 (da non confondere con l’omonimo gioco del 2009), sarà lanciato il 28 ottobre. Le piattaforme non sono ancora state dettagliate.

Activision Blizzard ha rivelato formalmente Modern Warfare 2 e il suo logo in aprile, dopo mesi di indiscrezioni e persino un annuncio ufficiale preliminare in febbraio.

Dopo la conferma della data di uscita di oggi, i dettagli rimangono estremamente scarsi, ma il trailer privo di gameplay che accompagna l’annuncio di Activision Blizzard include una descrizione che rivela qualcosa in più su ciò che ci aspetta.

Call of Duty: Modern Warfare 2 – Artwork Reveal.

“La Task Force 141 fa il suo massiccio ritorno con una squadra globale di iconici veterani”, si legge. “Questi operatori includono il capitano John Price, Simon ‘Ghost’ Riley, John ‘Soap’ MacTavish, Kyle ‘Gaz’ Garrick e l’introduzione del colonnello delle forze speciali messicane Alejandro Vargas”.

Fortunatamente, le fughe di notizie del mese scorso avevano detto qualcosa di più, suggerendo che, oltre alla campagna per giocatore singolo e alla modalità multigiocatore, Modern Warfare 2 avrebbe introdotto anche una nuova “terza modalità”, nota come DMZ, che sarebbe una modalità di estrazione simile a quella di Escape From Tarkov. Inoltre, il leaker seriale Tom Henderson ha affermato che torneranno alcune delle mappe preferite dai fan dell’originale Modern Warfare 2, tra cui Highrise, Quarry, Terminal e Afghan.

Oltre al lancio di ottobre di Modern Warfare 2 – che Activision Blizzard spera possa contribuire a risollevare le vendite in calo di Call of Duty – è previsto anche il seguito dello spin-off di battle royale Warzone, che promette “innovazioni rivoluzionarie” e che sarà svelato nel corso dell’anno.

L’annuncio di oggi arriva mentre Activision Blizzard – che a gennaio è stata acquisita da Microsoft per 69 miliardi di dollari – continua a cercare di lasciarsi alle spalle l’ultimo anno di accuse scioccanti sulla sua cultura del lavoro.

Dopo la presentazione di una causa da parte dello Stato della California lo scorso luglio, che descriveva l’editore come un “terreno fertile per le molestie e le discriminazioni contro le donne”, l’amministratore delegato Bobby Kotick è stato al centro di un rapporto schiacciante in cui si affermava che era a conoscenza di comportamenti sessuali scorretti all’interno della società “da anni”. Più di recente, i genitori di un’ex dipendente di Activision Blizzard morta suicida durante un ritiro aziendale nel 2017 hanno avviato una causa contro l’editore per morte ingiusta, sostenendo che il suicidio sia stato il risultato di molestie sessuali da parte dei colleghi di lavoro.

È di ieri la notizia che un gruppo di 28 tester QA dello studio Raven Software di Activision Blizzard, con sede nel Wisconsin, ha vinto il proprio voto per la sindacalizzazione, nonostante i continui sforzi antisindacali dell’editore. Dopo l’annuncio, un membro del team ha dichiarato che la vittoria significava che i dipendenti della società assediata sarebbero stati finalmente in grado di “lottare per il rispetto, lottare per salari migliori, migliori benefici, migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, lottare per la sostenibilità e la sicurezza del lavoro, e continuare a lottare per i nostri compagni di lavoro in modo solidale”.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.