Recensione di Evil West

0

Venite alla stalla di macellazione.

Eurogamer.net - Distintivo consigliato

Un allegro splat-‘em-up con un’adorabile serie di trucchi.

Adoro i lupi mannari. I lupi mannari, propongo, sono un’occasione per i progettisti di giochi di essere irragionevoli. I lupi mannari non aspettano educatamente di attaccare. Non strisciano e non si raggruppano come zombie, colpendovi alla cieca con il polso anziché con la mano. Non hanno armi a rotaia che devono essere alimentate. Invece, i lupi mannari spuntano dal nulla e si avvicinano all’improvviso. Non riconoscono il vostro spazio personale. I lupi mannari sono una raffica di terrificanti fendenti con gli artigli, sono energia da berbero e lunghe barre della salute. I lupi mannari sono degli idioti e li amiamo per questo.

C’è un equivalente di un lupo mannaro in Evil West, e ritengo che questo sia il fulcro di questo videogioco euforico, sciocco e divertente. È molto semplice. Quando si incontrano per la prima volta i lupi mannari sono assolutamente terrificanti. Sono travolgenti. Ognuno di loro è una boss fight a sé stante. Wow! Che cos’è stato? Spero di non vederne altri, amico! Ma ne vedrai, ne vedrai ancora, amico. Vengono in branco. Vengono insieme ad altri nemici. Vengono insieme ai boss.

Eppure, alla fine del gioco li metti da parte. Li hai respinti. Gli si stacca la testa e gli si spappola il corpo. Questo è Evil West: ha la grande caratteristica del Double-A, la ridicola curva di potenza. Alla fine del gioco si è praticamente un dio. E gli dei danno davvero la possibilità ai progettisti di giochi di essere irragionevoli.

Trailer di Evil West.

Togliamoci di dosso la trama. L’Occidente malvagio. Questa è la trama. È il vecchio West, ma ci sono mostri, orrori striscianti, vampiri e tutto il resto nelle terre selvagge. Si fa parte di una squadra che prende queste bestie e mostra loro chi è chi. Le cose si complicano un po’, ma non troppo. Questo è un gioco in cui uno zeppelin carico di orrendi incubi bavosi si schianta sull’equivalente narrativo della Casa Bianca. La trama è il carburante, la propulsione che vi spinge verso un massacro più grande.

Si tratta di un picchiaduro in terza persona, ispirato al recente God of War, ma che arriva direttamente da qualche parte intorno al 2011. Siete enormi sullo schermo e prendete a pugni i mostri in combo, e potete anche calciarli per darvi un po’ di spazio. E poi potete colpirli elettricamente, tirarli verso di voi o voi verso di loro con un congegno elettrico che vi permette di dare quel delirante pestaggio a scaglioni dei giochi Arkham, con gli scheletri che ronzano al loro interno mentre lavorate a causa di tutti i volt. Potete lanciarli in aria e lanciarli a cannone contro gli spuntoni, l’uno contro l’altro. Si può colpire il terreno e farli praticamente evaporare sul posto, il tutto una volta che si è entrati nella campagna e si è piacevolmente potenziati.

Tempio dell'Occidente malvagio
Evil West pretty canyon
Evil West hub
L’ultima immagine è l’hub, che ha il suo pianista.

Non si tratta solo di pugni. Questa potrebbe essere la tagline di Evil West. Il West è malvagio, giusto, ma non basta prenderlo a pugni. Si ha a disposizione una pistola a sei colpi e un fucile per i nemici lontani. Non ci sono munizioni da raccogliere, tutte queste cose funzionano a freddo. E tutto questo può essere potenziato con l’elettricità. Lo stesso vale per le armi speciali, come i lanciafiamme, la balestra e altre cose che non voglio svelare. Non ci sono munizioni, basta cronometrare i tempi di raffreddamento. Nel frattempo, tieni d’occhio la tua salute e la tua energia elettrica.

Collezionabile Evil West
Collezionabile Evil West
Evil West da collezione
Mi sono fissato con i collezionabili.

I nemici si ripetono facilmente, ma non importa perché sono per lo più splendidi. Ogni tipo di nemico del 2011 è qui e aspetta di abbracciarti. Quelli che ti corrono incontro ed esplodono. Quelli che scavano e spuntano dal terreno. Quelli con lo scudo da affiancare. Quelli che si librano nel cielo e di tanto in tanto si schiantano sulla terra. Tutti questi nemici possono essere colpiti o fatti esplodere, e tutti hanno dei momenti di debolezza in cui i punti luminosi emettono un arco di luce e un segnale acustico, incoraggiandovi a colpirli per ottenere danni ingenti o una perdita di salute. Nemici semplici e prevedibili, che si aggiungono gradualmente nel corso della campagna – questo è uno di quei giochi in cui i mini-boss vengono rapidamente inseriti nel campo generale dei nemici – e che si presentano in nuove combinazioni, in nuove arene, perfette per farvi provare il vostro ultimo gadget. A volte è quasi Robotron.

Punto debole dell'Occidente malvagio
Fiamme di Evil West
Lotta contro l'Occidente malvagio
Combattimento con l'Occidente malvagio
I combattimenti sono l’evento principale.

Cos’altro? Per cominciare, è sorprendentemente bello, in quanto offre una corsa attraverso diversi tipi di ambientazioni western: canyon dal cielo azzurro, paludi infestate, miniere, montagne, creste ghiacciate, tutto quanto. Le stragi sono intervallate da momenti di attraversamento o da un enigma, che in genere coinvolge l’elettricità o un po’ di carrelli da spingere in giro. Non si tratta di nulla di sconvolgente, ma solo di una perfetta pulizia per prepararsi alla prossima rissa. Sussurra: c’è un hub, ed è delizioso. E per tutto il tempo si raccolgono pezzi di storia e denaro per i potenziamenti – buoni potenziamenti, è sempre una sfida sceglierli – e per i vantaggi che si ottengono quando si sale di livello e che ci fanno passare da una persona che ha paura dei lupi mannari a una che li nota a malapena.

Si tratta, in altre parole, di un videogioco davvero ben fatto. Sa cos’è: il tipo di gioco con i lanciatori, il tipo di gioco in cui il protagonista ha battute come “Non avrei mai pensato di far saltare in aria la mia casa!” E riesce a soddisfare i suoi semplici piaceri con bellezza e varietà. C’è la possibilità di giocare in cooperativa online per due giocatori, che non ho avuto modo di testare, e mi sembra di capire che le console possano presentare un po’ di stuttering, anche se non ho avuto problemi su PC. Ma per il resto Evil West è meravigliosamente brutale, affascinante e luminosamente vecchio stile. È Bulletstorm. È Painkiller. È un gioco di lupi mannari in piena regola. E mi sono divertito moltissimo.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.