Ubisoft afferma che Assassin's Creed: Valhalla è il suo “secondo gioco che genera profitti”

0

E The Division: Heartland ottiene un ritardo.

Ubisoft ha pubblicato il suo

rapporto sugli utili del secondo trimestre che, oltre a confermare la sua lista di rilascio 2022-23 e un ritardo per The Division: Heartland, ha rivelato che Assassin’s Creed: Valhalla è il suo “secondo gioco che genera profitti”.

Valhalla, che è stato precedentemente descritto come il “più grande lancio per qualsiasi gioco di Assassin’s Creed fino ad oggi”, ha raggiunto quel traguardo in meno di 12 mesi (il suo anniversario arriva il 10 novembre), con Ubisoft che ha dichiarato il titolo ha “superato Assassin’s Creed Odyssey su tutta la linea sin dalla sua uscita. In particolare, evidenzia entrate medie giornaliere “più elevate” per utente e “coinvolgimento record” per la sua espansione Siege of Paris.

L’editore tocca anche il secondo anno di contenuti di Assassin’s Creed: Valhalla recentemente annunciato nel suo rapporto sugli utili, dicendo che prevede di “offrire nuovi fantastici contenuti… in particolare nella seconda metà dell’anno fiscale in corso”.

Assassin’s Creed Valhalla – Ubisoft Forward giugno 2021.

Fino ad oggi, Ubisoft ha rivelato molto poco sui suoi piani futuri per Valhalla, a parte stuzzicando molti nuovi espansioni. Datamining ha suggerito che la prima di queste espansioni si chiamerà Dawn of Ragnarök, ma non dovrebbe passare molto tempo prima riceviamo i primi dettagli ufficiali dato che sappiamo ora di aspettarci nuovi contenuti in qualsiasi momento prima di marzo 2022.

Altrove nel suo rapporto sugli utili, Ubisoft ha reiterato la sua prossima lista di rilasci, con l’unico il cambiamento è un ritardo per lo spin-off free-to-play di The Division Heartland , che è ora previsto per il rilascio nell’esercizio 2022-23, anziché, come inizialmente annunciato, quello in corso.

Tutto il resto rimane come già sapevamo; l’avventura pirata Skull & Bones a lungo ritardata è ancora prevista per l’uscita nell’anno fiscale 2022-23, come sono Avatar: Frontiers of Pandora, Mario + Rabbids: Sparks of Hope, Roller Champions, il recentemente ritardato Rocksmith+, e il ancora mancante in azione Prince of Persia: The Sands of Time remake.

Ubisoft completa il suo rapporto finanziario con un aggiornamento delle risorse umane, affermando che continua il suo lavoro costruendo un “posto di lavoro sicuro, rispettoso e inclusivo per tutti” presso l’azienda e continua a impegnarsi con i suoi team globali “per compiere progressi incrementali e significativi verso questo obiettivo”.

È una nota che allude alla resa dei conti inquietante che Ubisoft ha dovuto affrontare la scorsa estate quando i dipendenti hanno iniziato che denunciano condizioni di lavoro tossiche all’interno dell’azienda – comprese le accuse di gravi abusi sessuali rivolte ai membri dell’alta dirigenza.

In seguito a quegli eventi, Ubisoft Il CEO Yves Guillemot si è impegnato a “fare tutto in potere di far sì che tutti… si sentano accolti, rispettati e al sicuro”. Tuttavia, nonostante tali assicurazioni, oltre 1000 dipendenti Ubisoft attuali ed ex ha firmato una lettera aperta a luglio criticando le “promesse vuote” della leadership di Ubisoft nell’affrontare una cultura aziendale presumibilmente piena di “discriminazione sistemica, molestie e bullismo”.

In risposta, Guillemot ha detto ai dipendenti: “Abbiamo sentito chiaramente da questa lettera che non tutti sono fiduciosi nei processi che sono stati messi in atto per gestire le segnalazioni di cattiva condotta”, prima di evidenziare le sessioni di ascolto, un sondaggio a livello aziendale, e un audit globale, tra le altre iniziative.

All’epoca, un dipendente Ubisoft ha dichiarato a Eurogamer che la società “continua a proteggere e promuovere i criminali noti e i loro alleati. Vediamo che la direzione continua a evitare questo problema.”

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.