La California si oppone al recente accordo Activision Blizzard, affermando che causerà “danni irreparabili” ai suoi procedimenti legali

0

Cita “disposizioni che sanzionano l’effettiva distruzione e/o manomissione delle prove”.

Il Department of Fair Employment and Housing della California ha presentato un’obiezione a un recente accordo tra Activision Blizzard e la Equal Employment Opportunity Commission, sostenendo che causerebbe “un danno irreparabile” ai suoi procedimenti legali in corso.

L’accordo, annunciato a settembre, ha visto Activision Blizzard accettare di accantonare $ 18 milioni di dollari per i dipendenti interessati dopo un’indagine EEOC risalenti al 2018 hanno scoperto che il personale dell’editore di videogiochi era stato molestato sessualmente, discriminato per essere rimasto incinta e aveva subito ritorsioni da parte dell’azienda dopo aver lamentato il comportamento.

L’indagine EEOC, sebbene lunga in lavorazione, ha colpito solo i titoli dopo che una causa del Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo della California ha suscitato scosse in tutto il settore a luglio, accusando molestie sessuali, discriminazione, e una cultura del lavoro “frat boy” in Activision.

Le conseguenze della causa del DFEH è stato immediato e significativo – scioperi dei dipendenti , la partenza del presidente Blizzard J. Allen Brack e altro personale di alto profilo, ulteriori azioni legali e persino un’indagine separata da parte della US Securities and Exchange Commission seguito – ma ora il DFEH ha formalmente presentato obiezioni al recente accordo EEOC, sostenendo che l’accordo pregiudicherebbe le sue rivendicazioni in corso contro Activision Blizzard.

Il Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo della California, che in precedenza si era opposto all’accordo “precipitoso” di Riot con le lavoratrici, intende opporsi all’accordo della Commissione per le pari opportunità di lavoro proposta con Activision.

Dice che potrebbe danneggiare il caso di DFEH.

Nuovi documenti:

pic.twitter.com/tHBQ8aFj5O

— Stephen Totilo (@stephentotilo) 7 ottobre 2021

Nei documenti condivisi da Stephen Totilo di Axios , il DFEH afferma che l’accordo EEOC causerebbe “danni irreparabili” alla propria causa se approvato dal tribunale, dato che i suoi termini richiederebbero, tra le altre cose, ai dipendenti di liberare Activision Blizzard dai reclami ai sensi della legge statale della California.

“L’azione esecutiva pendente del DFEH contro i Convenuti sarà danneggiata da deroghe non informate che il decreto proposto subordina alle vittime per ottenere un risarcimento”, scrive il Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo nel suo deposito di opposizione. “Il decreto di consenso proposto contiene anche disposizioni che sanzionano l’effettiva distruzione e/o manomissione di prove critiche per il caso del DFEH, come file personali e altri documenti che fanno riferimento a molestie sessuali, ritorsioni e discriminazioni.”

In risposta all’ultima azione del DFEH, Activision Blizzard ha dichiarato GamesIndustry.biz, “Ci impegniamo a rendendo Activision Blizzard il luogo di lavoro più accogliente, inclusivo e sicuro possibile. Il nostro accordo con l’EEOC riflette tale impegno per miglioramenti significativi e trasparenza, oltre a rendere disponibile un compenso immediato ai dipendenti idonei che scelgono di partecipare. Activision Blizzard garantisce un luogo di lavoro libero da discriminazioni, molestie o disparità di trattamento di qualsiasi tipo.”

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.