Il regista del nuovo film di Johnny Depp accusa lo studio di “seppellire” il progetto

0

Andrew Levitas ha accusato lo studio MGM di aver “seppellito” il suo film Minamata dopo la caduta in disgrazia della sua star Johnny Depp.

Nel dramma, Depp interpreta il famoso fotoreporter W. Eugene Smith, che ha documentato gli effetti devastanti dell’avvelenamento da mercurio sui cittadini di Minamata in Giappone negli anni 70. Il film è stato presentato in anteprima al Festival Internazionale del Cinema di Berlino nel febbraio 2020, dopo di che la MGM, attraverso il suo rilanciato banner American International Pictures (AIP), ha acquistato i diritti di distribuzione negli Stati Uniti.

Poco dopo l’acquisizione, la star dei Pirati dei Caraibi ha perso la sua causa per diffamazione contro The Sun su un riferimento alle accuse di essere stato violento nei confronti della sua allora moglie Amber Heard, e successivamente ha perso il suo tentativo di ribaltare la sentenza. Come risultato del verdetto, Depp ha perso il suo ruolo nel franchise di Fantastic Beasts.

Minamata doveva originariamente uscire negli Stati Uniti a febbraio, ma questo non si è avverato, e in una lettera inviata alla MGM lunedì, Levitas ha esortato lo studio a riconsiderare la sua decisione a causa dell’importanza del soggetto.

“MGM era intenzionata a portare alla luce la sofferenza delle migliaia di vittime di uno dei più atroci incidenti di inquinamento industriale che il mondo abbia mai visto”, si legge nella lettera di Levitas, ottenuta da Deadline. “Ora, immaginate la devastazione quando hanno appreso la scorsa settimana che, nonostante un lancio globale di successo, la MGM aveva deciso di ‘seppellire il film’ (parole del capo dell’acquisizione Sam Wollman) perché la MGM era preoccupata della possibilità che i problemi personali di un attore nel film potessero riflettersi negativamente su di loro e che dalla prospettiva della MGM le vittime e le loro famiglie erano secondarie a questo.

“Sì, avete legalmente il diritto di seppellire la loro storia come molti hanno fatto prima, ma avete l’obbligo morale di fare meglio di così e come minimo vi imploriamo di parlare direttamente con (le vittime) per offrire loro la dignità di capire in prima persona perché pensate che la vita personale di un attore sia più importante dei loro figli morti, dei loro fratelli, dei loro genitori e di tutte le vittime dell’inquinamento industriale e del malaffare aziendale.”

Ha concluso la sua lettera affermando che sperava che la MGM “si mettesse dalla parte giusta di questi problemi”.

Rispondendo alle accuse, un portavoce della MGM ha detto a Deadline che il film “continua ad essere tra le future uscite AIP” e la sua data di uscita negli Stati Uniti deve essere annunciata.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.