Riepilogo della Eurogamer Pride Week 2021 2021

0

Ciao! Per tutta questa settimana Eurogamer ha celebrato il Pride con una serie di storie che esaminano la confluenza delle comunità LGBT+ e il gioco nelle sue numerose forme diverse, dai videogiochi e giochi da tavolo fino ai giochi di ruolo dal vivo.

Se ti sei perso qualcosa della serie e hai voglia di sistemarti per quella che speriamo sarà una lettura del fine settimana divertente, istruttiva, forse anche stimolante , troverai i link a tutte e sette le nostre funzioni della Pride Week 2021 (e un breve assaggio di ciascuna) in una comoda posizione di seguito.

E, naturalmente, un enorme grazie ancora una volta a ciascuno dei contributori stellari di questa settimana (in ordine di apparizione): Jay Castello, Sharang Biswas, Lottie Lynn, Evan Torner, Dr Lloyd (Meadhbh) Houston, Alex Meehan, and Eli Cugini.

Il gioco queer è ovunque

Jay Castello invest cancelli il mondo gioiosamente queer, creato dalla comunità di Blaseball e oltre:

“Blaseball è piuttosto difficile da spiegare. Sulla sua superficie è un simulatore di sport fantasy basato su browser. I giocatori con nomi generati casualmente come Zephyr McCloud e Justice Spoon battono e si fanno strada attraverso 100 partite a settimana per squadre come gli Ohio Worms e gli Hellmouth Sunbeams. E anche lungo la strada le persone vengono incenerite, o fanno acrobazie con lo skateboard, o si scontrano con gli dei. anche abbastanza comunemente considerato come un gioco queer.”

[Read the full article here]

21

Hunky Dads & Voxel Flags – Videogiochi e il nostro futuro queer

Sharang Biswas sui giocatori che usano i videogiochi per esplorare un futuro migliore e più strano:

“Quando si parla di videogiochi come ‘ evasione”, tendiamo a concentrarci sulla provenienza: stiamo fuggendo dalla monotonia dei nostri lavori, dei nostri obblighi, dei piccoli orrori che riempiono la vita moderna. Raramente ci concentriamo sulla destinazione. Dove stiamo scappando? È davvero un mondo migliore di quello che stiamo cercando di lasciarci alle spalle? I videogiochi possono offrirci mondi in cui ci piacerebbe vivere; possono offrirci mondi in cui possiamo vivere? E in particolare per le persone queer, che aspetto ha quel mondo?”

[Read the full article here]

A Summer’s End – Hong Kong 1986 è una storia di storia d’amore lesbica e coming out

Lottie Lynn approfondisce l’acclamata visual novel A Summer’s Fine – Hong Kong 1986:

“Molti membri della comunità LGBT+ hanno vissuto viaggi simili a Michelle e, anche quando fa passi falsi, è facile entrare in empatia con lei, perché capisci cosa l’ha spinta a prendere quella decisione. Quando raggiungi la conclusione del gioco, vuoi davvero che Michelle abbracci il suo sé autentico, sia nei termini della sua sessualità sia lavorando per la vita che desidera condurre.”

[Read the full article here]

1

Alla ricerca della stranezza in Larp

Evan Torner offre un’introduzione alla scena in continua espansione del larping queer:

“Ritratti dei media che vanno dalla battaglia degli orchi del 2003 ‘Lightning Bolt!’ video alla copertura patinata del popolare larp della scuola di magia del College of Wizardry ha introdotto il mezzo e la sottocultura al pubblico mainstream… qualcosa che non sono. Ma una cosa è certa riguardo al larp nell’attuale momento culturale: la scena globale attiva è irriducibilmente e impenitentemente queer.”

[Read the full article here]

1

5Disidentificazione e Lady Dimitrescu – Pride in Queer Thirst

Dr Lloyd (Meadhbh) Houston su Tall Vampire Lady di Resident Evil Village e cosa possono insegnarci sul processo di disidentificazione:

“Nel caso del gotico, [film theorist Harry M. Benshoff] sostiene che questa stranezza è simboleggiata dalla figura “oltraggiosa” del mostro, le cui buffonate “sadomasochiste” servono costantemente a distogliere l’attenzione dai protagonisti “banali e sottosviluppati” della narrazione e interrompere la loro traiettoria di vita razionale, borghese, eteronormativa. .. Light rally più grande della vita, [Read the full article here] si sforza contro i confini dell’ordine sociale normativo (e la porta della Save Room), mescolando il gioco del sangue con l’apprezzamento per il vino d’annata, formando una famiglia scelta di “figlie” ‘ da donne locali decedute/gruppi senzienti di mosche, e condannando violentemente la presenza della “cosa da uomo” (Ethan) ovunque lei lo incontri.”

[film theorist Harry M. Benshoff]
71

Dicebreaker consiglia Monsterhearts 2 – un gioco di ruolo sull’essere queer e amare i demoni

Alex Meehan di Dicebreaker esplora Monsterhearts 2 del designer Avery Alder, un gioco di ruolo da tavolo che abbraccia i temi della stranezza, della queerness e gioventù:

“Essere in grado di esplorare la mia sessualità così apertamente attraverso a n RPG e creare legami, anche se fittizi, con altre persone queer nel mondo del gioco ha reso la storia molto più di una semplice cosa stupida che stavamo facendo per uno stream. Anche se ho superato la mia adolescenza, scopro che sto ancora cercando di capire me stesso, e Monsterhearts 2 ha in qualche modo aiutato in quel viaggio.”

[Read the full article here]

71

7 Giochi di spago e le persone trans che li amano

Eli Cugini conclude questa settimana di storie LGBT+ di Eurogamer con uno sguardo ai creatori trans abbracciando la scena della fiction interattiva di Twine:

“Questi giochi sono progettati per centrare un tipo di esistenza in cui la tua realtà di base è regolarmente negata da altre persone, dove tutta la tua vita è come una serie di minigiochi a cui giochi per tenerti al sicuro. Quindi, per una volta, in questi giochi, non c’è niente da dimostrare. Se sei entrato in questo mondo, è perché vuoi o hai bisogno di esserci, e se vuoi restarci, puoi.”

[Read the full article here]

2

Leggi di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.