Recensione Vagante

0
Un’eccellente, ingannevolmente poco appariscente miscela di platform e roguelike.
Per un genere definito dall’imprevedibilità, i roguelikes spesso suonano incredibilmente noiosi. Sono giochi per iniziati, fatti a immagine e somiglianza di celebri antenati – bisogna almeno sapere cos’è Rogue, mentre uno sparatutto in prima persona parla da solo. Sono anche fermamente orientati ai sistemi fino all’aridità. Come tale, i loro materiali di marketing tendono a leggere come liste di controllo anatomiche, gli stessi organi vitali passati da sviluppatore a sviluppatore.

La scheda delle caratteristiche di Vagante su Steam non ha certo incendiato il mio mondo: generazione procedurale, “scegli come giocare”, “duro ma giusto”, alcuni debiti sfacciati verso Spelunky più un pizzico di livellamento in stile RPG. Probabilmente non c’è bisogno di dirvi che è un affare di pixelart. Ma poi ho giocato per 15 minuti, mi sono seduto su un Baby Dragon e mi sono reso conto che Vagante è un gioco di tranquilla originalità e verve. Con le mie scuse allo sviluppatore Nuke Nine per essere uno stronzo presuntuoso, ecco alcuni punti della mia creazione.

Vagante è cupo, ma la cupezza cresce su di te. L’ho recensito su Switch, che per molti versi è in assoluto la peggiore piattaforma su cui giocare, perché Vagante ama il buio, e ama anche le piastre a pressione larghe un pixel, e gli spuntoni che aspettano sotto le scale come i cani sotto i gatti sugli alberi, e le trappole a freccia negli angoli lontani che devono essere anticipate piuttosto che individuate.

Ecco il trailer di Vagante per la console prima dell’uscita della nuova piattaforma.

La schermata del titolo vi dà un breve sguardo a una foresta sorprendente – tronchi come intrecci di seta, una luna che sorge solennemente dall’ultima, sbiadita fascia di luce del giorno, un carro che arranca verso sinistra tra superfici di rame inclinate. Brilla come un manoscritto illuminato. Poi il gioco spazza via tutto e ti butta in un sistema di caverne con stalattiti umide e nebbia di guerra. Riuscirete a tornare in superficie nella seconda area, che ha l’atmosfera di uno stagno sonnolento trafitto dai raggi del sole. Ma dopo arrivano le Catacombe, che – beh, potete immaginare.

E’ un gioco abbastanza bello quando lo si vede chiaramente, con alcune scelte di colore lucide e organiche e animazioni degli sprite elegantemente squillanti, che fanno sentire il gusto di Nuke Nine per le ombre incredibilmente perverso. Ma dopo un po’ gli occhi si adattano. La sensazione di scrutare attraverso il buco della serratura ha l’effetto di insegnarti a soffermarti sui dettagli, specialmente quelli con i bordi taglienti: funghi incandescenti, tronchi squisitamente decorati, sarcofagi arrugginiti sullo sfondo. Qui c’è un bel incrocio tra l’apprezzamento estetico e obiettivi più pratici. Ci si sente come se si venisse addestrati ad assaporare il mondo anche mentre si impara ad abbassarsi con cautela nei punti bui, e a scrutare le stanze del tesoro in cerca di linee rivelatrici di ardesia o di verde.

Vagante è stranamente non-frustrante – per un gioco che ha una così malsana fissazione per le trappole. Non posso contare il numero di volte in cui sono stato su un rotolo, facendo esplodere i livelli grazie a una combinazione vincente di caratteristiche dell’equipaggiamento, solo per essere gettato sugli spuntoni e in qualche modo rispondere non con un urlo di sdegno, ma con una risatina di stanca indulgenza alla Mr Bean. Tsk tsk, quelle punte! Dove salteranno fuori la prossima volta? Forse è la sindrome di Stoccolma a parlare, ma le trappole non sembrano mai ingiuste, per quanto inaspettate. In parte è dovuto al fatto che funzionano anche contro i nemici – non c’è niente di più soddisfacente che vedere la carica di un Re Goblin bruscamente interrotta dalla caduta di una roccia – e in parte è dovuto ad una premurosa procedura di sblocco all’inizio del gioco, che assicura che tornerete tipicamente dalle profondità con una nuova classe o sfondo da provare. A proposito…

Vagante ha classi seriamente flessibili. Le opzioni iniziali sembrano routine – Mago, Cavaliere e Furfante – ma cambiano nell’attimo in cui metti le mani su un nuovo pezzo di equipaggiamento, e ti spingono verso uno degli innumerevoli stili ibridi. Il vostro mago potrebbe avere un martello davvero dolce, che sputa sfere di homing e succhia la salute. Questo potrebbe convincervi a salire di livello in forza e vitalità nei falò che chiudono i livelli, piuttosto che nei percorsi di abilità basati su incantesimi e alchimia del mago. Pochi livelli dopo, il vostro che una volta era un flirtatore di mana è diventato un attaccabrighe che tiene qualche fulmine nella manica per gli incontri ravvicinati.

Al contrario, il tuo cavaliere potrebbe inciampare in un mucchio di libri di incantesimi overclockati e guanti che aumentano l’intelligenza e decidere di mettere il cervello prima dei muscoli – almeno finché non trovi un paio di sandali che ti trasformano in Sonic the Hedgehog. C’è una discreta varietà anche se ci si attiene devotamente ai tre o quattro percorsi di abilità unici di ogni classe. Il Rogue può essere un arciere che fa capriole o un fantasma dalle dita leggere. Il bruto può essere un berserker ubriaco di pugni o un druido ninja. L’Houndmaster può fare ogni genere di cose con i cani, spesso con loro grande sofferenza.

E poi ci sono i Backgrounds – modificatori scarsamente drammatizzati, che offrono sia aiuti ai nuovi arrivati che sfide piacevolmente distorte per i giocatori esperti. “Asceta” migliora le tue statistiche ad ogni livello, più a lungo rimani senza equipaggiamento, per esempio. “Analfabeta” ti dà un elmo carbonizzato e bombe con cui giocare, a scapito dell’apprendimento degli incantesimi. Adoro quando i giochi fantasy pasticciano con archetipi che conosco fin troppo bene, e Vagante esegue le sue classi con malizia coinvolgente.

Vagante è una festa di stili di attraversamento. La varietà tra le costruzioni è più pronunciata nel modo in cui si sondano e si muovono in ogni layout procedurale. All’inizio sembra tutto elementare – un salto, una presa della sporgenza, piattaforme che puoi far cadere o saltare – ma di nuovo, le possibilità si moltiplicano rapidamente. Gli incantesimi di dash e teletrasporto ti permettono di aggirare i punti critici, una volta che hai capito la loro portata. I rampini e i guanti da arrampicata ti permettono di scendere in corda doppia dai boss più pesanti e di colpirli con le frecce dal soffitto. I salti tripli e le ali d’angelo ti permettono di volare, anche se la tentazione di prendere un po’ d’aria può essere una responsabilità nel sottosuolo. C’è un equipaggiamento che ti permette di respirare sott’acqua o di passare attraverso i muri. Anche le armi modellano la tua comprensione della geografia. Tutte hanno diversi tempi di attacco, archi e gittate – il flail è un giocattolo particolarmente difficile ma molto divertente, con un drammatico vento che colpisce chiunque si avvicini alle tue spalle.

Vagante has sneakily destructible environments. Ero a poche ore di gioco quando mi sono reso conto che l’acqua ha fisica e volume. Troverete livelli che vengono lentamente allagati, cadaveri che galleggiano in giro e un singolo ratto che sguazza via sfiduciato mentre le uscite vengono gradualmente oscurate. È anche possibile manipolare i corpi d’acqua per un guadagno tattico – forse utilizzando una bacchetta di perforazione per inzuppare la tana di un drago bambino che sputa fuoco. Non fraintendetemi – questa non è Noita. La deformazione è ben lontana dal rompere il gioco, ma in qualche modo, questo lo rende più avvincente. Noita (che adoro) è un pozzo ribollente di reazioni a catena, con intere caverne che spesso si autodistruggono prima ancora di averle viste, mentre le possibilità degli spazi di Vagante devono essere prese in considerazione con attenzione.

Vagante parla di oggetti che ti mentono. Cosa fa questo strano nuovo spadone? Oh diamine, è una lama maledetta che non può essere disarmata e che ti fa affondare come una pietra. Cos’è questa invitante pozione di colore viola? Oh diamine, ha appena dimezzato la tua Resistenza al Fuoco. Meglio iniziare ad accumulare quelle pergamene di identificazione (che devono essere identificate a loro volta), perché le proprietà degli oggetti cambiano da un livello all’altro con poco riguardo per le aspettative degli altri giochi. Come ho scoperto a mie spese, un infuso verde non è sempre una pozione di rigenerazione. I maghi troveranno più facile navigare in questo labirinto: il percorso di abilità Alchimia include uno sblocco che identifica automaticamente tutte le pozioni. Puoi anche dare in pasto oggetti che non vuoi alle incudini e ai calderoni misteriosi che costellano i livelli. Fai attenzione, però: i risultati non saranno sempre benefici.

Vagante ha una brutale botta di difficoltà a metà gioco. C’è la speranza che le cose si stiano allentando quando si mette piede per la prima volta nell’area della Foresta, con le sue visuali relativamente generose (e i cecchini pixie), ma le Catacombe che assicurano i freni con nuove forme di trappola a spuntoni, mani disincarnate con pretese di Facehugger, e fantasmi che sono invisibili finché non sono vicini. Il Rift, infine, è un orribile cocktail di gocce letali e tipi di nemici che ti puniscono se stai fermo.

Ci sono anche i boss di livello, che evolvono rapidamente da mascotte dei cartoni animati che a volte possono essere sconfitti con un semplice scambio di colpi, a cavalieri e demoni malvagi che possono massacrarti in un paio di colpi. I boss contengono le chiavi per le casse del tesoro e le aree opzionali, ma è spesso possibile, e pratico, saltarli se il vostro inventario è già pieno di strumenti incantati (o se state cercando di fare una corsa veloce). Anche se hai buone possibilità, è importante conservare la salute per le aree successive: puoi sempre recuperare un po’ ai falò, ma prevenire è decisamente meglio che curare.

Vagante ti permette di fare cose quando sei morto. Ci sono alcune opzioni divertenti per i partner co-op uccisi che impediscono che l’errore di un giocatore vanifichi il divertimento di tutti gli altri. Puoi auto-rivivere come uno scheletro, che non può usare l’equipaggiamento ma può fare ricognizione e raccogliere oggetti per quelli ancora in vita. I giocatori scheletrici recuperano la loro carne e il loro sangue tra un livello e l’altro, per fortuna. Muori come scheletro e non temere, puoi sempre riapparire come Wraith, che è fondamentalmente un apparecchio di illuminazione molto depresso. Non sono stato in grado di inserire molto multiplayer grazie all’assenza di giocatori prima dell’uscita su console, ma è sufficiente dire che ha molto fascino.

Vagante ha un misterioso autista di caravan. È lì in basso a sinistra ogni volta che si inizia una corsa, con lo sguardo torvo fuori dallo schermo. Quanti eroi ha portato questo traghettatore ad una fine ignobile per mano di un negromante o di un negoziante irascibile (sì, Vagante ha anche questi, e no, non lasciano andare i ladri al primo reato)? Quante altre anime perse ha nascosto nelle profondità del Tardis di quel carro coperto? Un tempo era lui stesso un avventuriero? E’ un impiegato che approfitta dell’arroganza degli audaci – magari dividendo le sue consegne tra Vagante e l’Amleto di Darkest Dungeon – o un mostruoso avatar della foresta stessa, mandato ad adescare gli incauti con promesse di cappelli che trasformano l’oro in salute? Prova il minimo rimorso per le sue azioni? Quando finirà? Inoltre, i suoi muli hanno un nome e perché non posso accarezzarli?

Vagante è, tutto sommato, la definizione di una gemma nascosta. Anche se dovresti assolutamente usare uno scroll di identificazione prima di equipaggiarlo. Sono contento di aver giocato su Switch, nonostante l’affaticamento degli occhi, perché lo schermo più piccolo rafforza ciò che mi piace di più del gioco: la sua compattezza e delicatezza. I Roguelikes sono spesso venduti come spettacoli di varietà, ma io li apprezzo altrettanto per il loro senso di economia, le stesse parti che si dispiegano in molte combinazioni diaboliche. Vagante è davvero un piccolo coltellino svizzero elaborato, anche se probabilmente non è un gioco da prima pagina.

È vero, non ha il caos crudo di Noita, in cui un singolo sblocco di teletrasporto su danno può portarti a metà strada senza che tu nemmeno tocchi i controlli. Né ha la personalità e il sex appeal di Hades, o l’ingegnosità concettuale di Loop Hero. Ma grazie alla sua ingannevole immediatezza, sembra più facile da prendere rispetto a molti dei suoi simili. Su questa nota, è ora di pranzo. Esco per un altro viaggio attraverso le grotte.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.