Facebook Portal+ 14″, recensione e opinione

0

Ci sono molti, molti modelli e gamme di altoparlanti intelligenti, ma qualcosa che sta diventando di moda è aggiungere uno schermo per poter consultare più informazioni o espandere le informazioni date dall’assistente stesso.

Ce ne sono alcuni molto semplici, come l’orologio di Xiaomi con Google Assistant, ma anche altri molto più complessi, come l’Echo Show 10 –recensione– o il Nest Hub 2 –recensione– che sfruttano davvero lo schermo per offrire un’esperienza molto più completa.

Ora arriva Facebook –Meta– con la sua nuova generazione di Portale con Alexa integrata e poi diamo uno sguardo a Facebook Portal+.

Facebook Portal+
Display Risoluzione di 2.160 x 1.440 pixels | Can be tilted
Screen dimensions 14″
Camera Wide-angle 131° | 12 Mpx camera
Control Touch screen | Voice commands with Alexa
Connectivity Bluetooth 5.1 | Wi-Fi 2,4 o 5 GHz
Altoparlanti 2 x 5 W | 20 W woofer
Privacy Microfono muto e pulsante di spegnimento della videocamera | Copri videocamera manuale
Microfoni Quattro microphones with background noise reduction
Sensor Tone and brightness sensor for display
Power Proprietary with power supply
Ports USB-C
Precio

Sezioni della recensione di Facebook Portal+:

Il design è realizzato meticolosamente e non sembra affatto uno smart speaker

Iniziamo con il design perché qui dobbiamo dare credito a Facebook per un ottimo lavoro nel garantire un’esperienza utente impeccabile.

Tutto inizia con un unboxing molto ‘Apple-like’ o Microsoft-like con Xbox Series X –review-. Dall’unboxing è già chiaro che questo è un prodotto premium in termini di prezzo, ma non appena lo mettiamo sul tavolo, la sensazione di un prodotto TOP viene mantenuta.

La caratteristica più sorprendente è l’enorme schermo da 14″. Ne parleremo di più in un attimo, ma quello che dobbiamo dire è che ha delle cornici molto piccole, anche se il mento è più largo, e la fotocamera che non mi piaceva all’inizio, ora la capisco persino.

È come se avesse una webcam sopra il monitor e all’inizio è un po’ uno shock che un prodotto così ben costruito abbia quella piccola cosa lì, ma poi si può capire perché la lente è grandangolare e ha bisogno del suo spazio, ha un pulsante, due microfoni e una copertura fisica.

E wow, in questo modo si sta anche, in ogni momento, segnando l’utente dove guardare in una videochiamata. Non male.

Lo schermo è attaccato al diffusore con una cerniera che permette un certo grado di inclinazione, ma non permette al pannello di essere ruotato. La fotocamera cerca di accontentarsi di un sistema software molto interessante, ma sicuramente mi atterrò al concetto di Echo Show 10 e alla sua base rotante.

L’altoparlante ha una microfibra grigia, come il Nest di Google, e ha un design OK. Non che si vedrà perché lo schermo lo mette in ombra, ma saremo in grado di posizionarlo vicino a un muro senza problemi grazie al retro piatto.

E, sul retro, c’è la porta di alimentazione proprietaria, il cui connettore va fino in fondo, e una USB-C che possiamo usare, fondamentalmente, per caricare un dispositivo, anche se la potenza non è alta.

È un design che, come ho detto, mi piace e Penso che sia abbastanza premium, ma avrei introdotto un paio di pulsanti per controllare il volume e, soprattutto, un sistema che consente di ruotare lo schermo automaticamente o manualmente.

14″ con una risoluzione spettacolare

Ma andiamo allo schermo perché è forse il migliore che monta uno smart speaker. È un pannello da 14″ e Meta non ne specifica il tipo, ma direi che, visti gli angoli di visualizzazione, è un IPS.

Non è il miglior pannello IPS sul mercato, ma è certamente più che all’altezza di ciò che il sistema ha da offrire.

Oltre alla qualità del pannello stesso in termini di riproduzione del colore, abbiamo una risoluzione che è il vero punto forte del set.

Ed è meglio di pannelli 14″ di molti portatili che abbiamo recentemente recensito sia in luminosità, con una media di 1.148 lux con una deviazione di 26 lux, spettacolare in questo senso, e per la risoluzione.

Sono 2.560 x 1.440 pixel e si dice “wow, che bestione”, ma in pratica è una risoluzione che, sì, porta nitidezza e fa sembrare lo schermo grande, ma non è un elemento di differenziazione nella vita quotidiana a causa del tipo di interazione che avremo con questo schermo.

Ma è una risoluzione molto buona, questo non è discutibile, e si può dire che lo schermo è di qualità. Per esempio, ho anche amato la sensibilità del pannello e come risponde bene ai gesti e ai tocchi che facciamo.

Suono capace di riempire una stanza, ma un passo lontano dalla gamma TOP

Design raffinato, schermo TOP, ma…. come funziona nel suo ruolo di altoparlante intelligente?

Andiamo giù al suono, sia riproduzione e cattura, come è molto importante in questo tipo di dispositivo.

Abbiamo un array di quattro microfoni che viene utilizzato per le chiamate e che, sì, stiamo andando a sfruttare per Alexa. Se non si fa troppo affidamento su un solo assistente, qui abbiamo Amazon e Facebook nell’equazione.

Ma hey, ci sono quattro microfoni, come ho detto, e la verità è che ‘catturano’ la nostra voce abbastanza bene, anche se c’è rumore nella stanza o stiamo suonando musica ad un volume considerevole.

Nelle chiamate, l’esperienza, secondo quello che ci dice chi sta dall’altra parte della comunicazione, è buona.

E riguardo l’altoparlante, la verità, buone parole. Per il prezzo ci si aspetta che un altoparlante intelligente così costoso risponda bene, ma considerando che lo schermo non deve essere stato economico, ho avuto i miei dubbi.

Alla fine, quello che ho trovato è stato un pacchetto molto solido.

Abbiamo due altoparlanti da 5 W e un woofer da 20 W e il suono è davvero incisivo. In qualsiasi genere musicale è all’altezza del compito, ma nella musica alternativa o più elettronica dove c’è una base potente, il woofer brilla.

Ho provato ad alzare il volume al massimo in qualche occasione, ma solo una volta perché il volume massimo è notevole e disturberebbe i vicini, ma con il livello al 40% circa, l’esperienza per un salotto medio è adeguata.

Molto felice in questo senso e lo sto usando attivamente come altoparlante in queste settimane. Finora tutto bene.

12 megapixel che ti seguono e inquadrano automaticamente

Anche se ci sono eccezioni, gli altoparlanti intelligenti con uno schermo di solito hanno anche una fotocamera integrata. Questo serve per fare videochiamate tra dispositivi e, a seconda della famiglia, app compatibili.

In questo caso abbiamo una fotocamera che serve per fare videochiamate WhatsApp, ma anche per applicazioni come Zoom, foto creative che salviamo sul dispositivo o per lo spazio di lavoro di Facebook.

È una fotocamera grandangolare che ha una copertura di 131º e la qualità delle immagini è… decente per una videochiamata. È come la webcam di un portatile di fascia alta di ultima generazione.

La cosa divertente è che, come gli ultimi dispositivi Apple o l’ultima videocamera Logitech, che è quella che usiamo nei nostri podcast, fa l’inquadratura automatica via software.

Questo significa che, all’interno di un certo angolo, la telecamera ci “segue” e fa un’inquadratura specifica se siamo una persona o se siamo diversi, che apre l’inquadratura.

Questo è molto utile, soprattutto se ti stai muovendo nella stanza mentre fai una videochiamata o se stai parlando con qualcuno e improvvisamente un’altra persona appare nella tua inquadratura, poiché la telecamera la inquadra automaticamente.

E mi è piaciuto, ad essere onesti, il problema è che gli usi sono limitati. Non abbiamo il nativo Meet o Skype. Capisco che non c’è Skype perché è di Microsoft, OK, ma visto che offrite servizi di Google come il Calendario nativo nel sistema, perché chiudere la porta a qualcosa di così popolare come Meet?

Sì,dal browser potremo accedere a Meet e Skype, ma c’è una pietra che non sono riuscito ad aggirare. E cioè, abbiamo Chromium, quindi saremo in grado di andare alla configurazione dei siti web e abilitare l’uso della fotocamera e del microfono.

Ma questi servizi ti chiedono espressamente di indicare che permetti l’accesso alla telecamera e al microfono e, siccome questo viene fatto attraverso un pop-up e il browser non mostra pop-up , così non puoi accedere.

Spero che venga sistemato con un aggiornamento, visto che sembra Android, anche se abbastanza controllato, perché non poter usare, soprattutto, Meet è qualcosa che non capisco.

Altrimenti e con le app compatibili? Le videochiamate sono molto soddisfacenti.

Un portale per un piccolo gruppo di app

Il tono di questa recensione di Facebook Portal+ è molto positivo perché, davvero, tutto ciò che riguarda l’hardware è all’altezza, ma ahimè, il software.

Nella sezione precedente ho parlato dell’esperienza con le app compatibili come molto buona. WhatsApp (anche se limitato alle chiamate e videochiamate), funziona alla grande, così come il browser stesso, Zoom, la suite di lavoro di Facebook, Calendar, Spotify e pochi altri che possiamo scaricare.

Il problema è che ci sono molto poche applicazioni che possiamo scaricare e, come si può vedere nel seguente video in cui vi mostriamo l’interfaccia, non c’è un negozio di applicazioni, per così dire.

Quelli che ci sono sono quelli che ci sono, a parte alcune applicazioni che si aprono direttamente nel browser.

Per molti questo non sarà un problema, ma non capisco che si ottiene un browser Chromium , uno schermo eccellente e un ottimo altoparlante e non abbiamo, per esempio, un’app nativa di YouTube o un browser completo.

Non abbiamo nemmeno l’app di Facebook o Instagram, e lo trovo… curioso, visto che fanno ancora parte dell’ecosistema di Facebook.

Ma hey, il sistema funziona, la navigazione con i gesti è fluida, apre le app abbastanza rapidamente e gli sfondi sono carini.

Inoltre, incorpora Alexa e sarete in grado di utilizzare il sistema come se fosse un normale altoparlante Echo. E sì, abbiamo il Bluetooth, quindi possiamo usarlo come un normale altoparlante Bluetooth per riprodurre contenuti mobili.

Consumo energetico: moderato quando non in uso

Prima di finire, diamo un’occhiata al consumo energetico. Per il fatto di essere acceso e mostrare qualcosa sullo schermo, il Portal+ consuma circa 5 W, più o meno con la luminosità al 50% e circa 9 W con la luminosità al 100% . Può oscillare e consumare un po’ di più o un po’ di meno, ma è quello che “mangia” se non gli chiediamo niente.

Se chiamiamo Alexa, il consumo arriva a 7 W durante i secondi in cui ci dà informazioni su qualcosa e se suoniamo musica con il volume al 50%, consuma circa 6 W .

Non è un consumo esagerato e sì, è chiaro che qualcosa è alla fine dell’anno perché è ancora un dispositivo ‘vampiro’, ma ehi, è quello che assumiamo quando abbiamo qualcosa di questo stile.

Inutile dire che abbiamo misurato il consumo perché lo facciamo sempre, ma i valori sono completamente normali e questo non influisce nulla alla nota, è qualcosa di strettamente informativo.

L’hardware c’è, ma mancano gli sviluppatori

Abbiamo raggiunto la fine dell’analisi di Facebook, o Meta, Portal+ e la sensazione che ci rimane è dolceamara.

Da un lato abbiamo un hardware spettacolare che penso sia di gran lunga il migliore che abbiamo mai visto per un altoparlante intelligente con un display.

È elegante, ben costruito con materiali interessanti, si adatta a qualsiasi spazio e lo schermo con cornici così piccole mi sembra una delizia.

È nitido, ha ottimi angoli di visione e la sensibilità al tocco è giusta . Il suono è buono e mi piace la fotocamera e la sua funzione di auto-tracking software.

Portal+

Portal+

Il Portal+ è un altoparlante intelligente con uno spettacolare display QHD da 14″. Ha Alexa integrata ed è molto concentrato sull’uso professionale nelle videochiamate.

Ora, c’è una mancanza di applicazioni, ma pazzo. Quelli che ci sono funzionano molto bene, ma il problema è che sono pochi, troppo pochi per un altoparlante che costa 369 euro e che, alla fine, è ‘salvato’ perché integra Alexa.

Penso che Meta deve dare una svolta a questo perché penso che sia facile risolvere attraverso gli aggiornamenti, ma oggi, mi sembra un dispositivo costoso non per l’hardware, ma per il software, che è il cuore di questi dispositivi.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.