Willem Dafoe voleva un ruolo importante in Spider-Man: No Way Home

0

Willem Dafoe ha accettato di recitare in ‘Spider-Man: No Way Home’ solo se avesse avuto un ruolo sostanziale nel film.

L’attore 66enne ha ripreso il suo ruolo del cattivo Norman Osborn/Green Goblin nel recente blockbuster di supereroi e ha spiegato che voleva garanzie dai boss del film che il suo ruolo fosse più di un cameo – scherzando che non voleva diventare un “meme”.

Willem ha detto al quotidiano New York Times: “Quando Amy Pascal (produttrice di Spider-Man) e Jon Watts (il regista di ‘No Way Home’) mi hanno chiamato e mi hanno detto che vorremmo presentarti questa idea, ho pensato: è una follia. Ma vediamo cosa hanno da dire.

“Non volevo davvero fare un cameo. Volevo assicurarmi che ci fosse qualcosa di abbastanza sostanzioso da fare che non fosse solo una punta di cappello”

La star di ‘Grand Budapest Hotel’ ha continuato: “E l’altra cosa è che ho detto che voglio davvero che ci sia azione – voglio essere nelle scene d’azione. Perché è davvero divertente per me. Questo è l’unico modo per radicare il personaggio. Altrimenti, diventa solo una serie di meme”.

Dafoe ammette che c’è una “vulnerabilità” nell’interpretare i cattivi sul grande schermo ed è stato affascinato dal concetto di cattivo fin dalla giovane età.

Ha spiegato: “Ogni volta che interpreti un ruolo, sei tu e non sei tu.

“Se stai per interpretare uno di questi arcivillain, è la cosa più naturale del mondo coltivare l’opposto di ciò con cui conducono. Sviluppi una vulnerabilità e un’insicurezza contro la sicurezza dell’aggressione.

“Abbiamo tutti quel piccolo diavolo su una spalla e quell’angioletto sull’altra. Ricordo che da bambino vedevo i cartoni animati con quell’immagine. Dio sa che mi è rimasta impressa”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.