La Repubblica Ceca dichiara guerra alle auto elettriche

0

Con il divieto di diesel e benzina all’orizzonte nel 2035, un paese in Europa ha già dichiarato guerra all’auto elettrica. Sapete quale?

Da quando il piano della Commissione è stato presentato a luglio , che fissa al 2035 l’anno in cui la vendita di nuovi veicoli a combustione sarà vietata in Europa, si sono sentite solo timide critiche dagli stati membri.

Francia e Germania hanno inizialmente suggerito che ci sono cose da appianare, come un margine più ampio per gli ibridi. E la settimana scorsa è stato riportato che l’Italia stava chiedendo un’esenzione per le supercar. Ma finalmente abbiamo il primo paese in Europa a dichiarare guerra all’auto elettrica. E, per cambiare, è un paese dell’est.

In particolare, la Repubblica Ceca, la casa di Škoda, il cui primo ministro, Andrej Babiš, ha fatto dichiarazioni infiammatorie alla stampa locale sulla proposta di Bruxelles.

Non sosterremo un divieto delle auto a combustibile fossile. Non possiamo. Quello che i fanatici ambientalisti del Parlamento europeo decidono non può essere trasposto qui”, il politico ha detto al giornale ceco iDnes… che, per inciso, è il suo proprietario.

E la lettura degli affari non si è fatta attendere. Questa reazione ha portato molti a sospettare che il gruppo Volkswagen stia accelerando l’elettrificazione dei marchi tedeschi, come Volkswagen e Audi, a scapito degli altri. E che Škoda o Seat potrebbero essere lasciati indietro.

Questa supposizione si basa su un certo substrato: che la strategia di entrambe le aziende è molto meno chiara di quella di molte altre aziende europee, che stanno già annunciando scadenze e obiettivi.

Tuttavia, ci potrebbe essere più di quello che si vede. Infatti, questo piccolo paese, che è meno di un quinto della Spagna, con appena 10 milioni di abitanti, è uno dei più grandi produttori di automobili al mondo pro capite.

Un terzo della sua economia dipende dall’industria automobilistica e, nel 2020, un milione di veicoli è stato assemblato lì. E non solo Škoda. Hanno anche impianti Toyota o Hyundai, e l’impegno della società giapponese per ibridi potrebbe essere una delle chiavi.

Cioè, se le dichiarazioni hanno qualcosa a che fare con l’industria automobilistica a tutti. Perché la Repubblica Ceca è attualmente in piena campagna elettorale.

Fra tre settimane, il primo ministro è in lizza per la rielezione. E potrebbe essere che mostrarsi come l’unico paese in Europa che ha dichiarato guerra alla auto elettrica non è altro che un messaggio interno ai suoi elettori. Un modo per mostrarsi come un leader forte che si ribella ai mandati europei

In effetti, Babiš, come Vladimir Putin, è un ex agente dei servizi segreti comunisti che, con la caduta della cortina di ferro, è diventato un oligarca. Poi, in poche parole, ha usato le sue risorse economiche (è il secondo uomo più ricco del paese) per comprare giornali e stazioni televisive, come iDnes.

E, nel 2011, ha fondato un partito politico chiamato ANO (in inglese sarebbe stato un acronimo molto infelice, ma in ceco significa “sì”), con un discorso duro e populista.

Da quando è salito al potere nel 2017, è stato sempre più inserito nel gruppo delle democrazie illiberali, insieme all’Ungheria di Viktor Orbán e alla Polonia del partito Diritto e Giustizia, con cui forma il cosiddetto Gruppo di Visegrad. E ha virato sempre più verso l’euroscetticismo, un’idea che ha abbastanza successo tra la popolazione.

Quindi non sarebbe sorprendente se questo fosse un proclama puramente elettoralistico, e se col tempo dovesse svanire.

Questo articolo è stato pubblicato su Autobild da Iván Fombella.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.