Alan Wake Remastered: il classico 360 può tagliarlo su console PS5 e Xbox Series?

0

Prendi una torcia elettrica, prendi un thermos e prepara le tue macchine da scrivere perché è ora di tornare a Bright Falls – con Alan Wake che finalmente fa un salto da Xbox 360 ad altre console, la prima volta è fatto fin dalla sua prima uscita nel 2010. Ora rimasterizzato su PC, insieme alle console PlayStation e Xbox vecchie e nuove, la recente versione arriva per gentile concessione di D3T Studios in collaborazione con lo sviluppatore originale Remedy Entertainment. Alan Wake era sicuramente un gioco visivamente impressionante per i suoi tempi, ma questo remaster fa sicuramente molto per aggiornare il titolo per le specifiche hardware moderne.

Rispetto alla versione originale per Xbox 360, il gioco è forse per necessità rielaborato in diverse aree chiave. Gli effetti, l’illuminazione e la qualità delle ombre sono stati migliorati, i modelli dei personaggi sono stati rielaborati con nuovi shader per pelle e capelli, mentre la risoluzione delle texture è stata aumentata. E, naturalmente, su console di fascia alta come Xbox Series X, S e PS5, ottieni un aumento della risoluzione e un gameplay di 60 fotogrammi al secondo. Guardando indietro, Alan Wake è stato una sorta di vetrina tecnica al momento del rilascio, come esclusiva Xbox. Nebbia, fisica degli oggetti e ombre dinamiche hanno impressionato 11 anni fa, e in gran parte ancora resistono, anche se la risoluzione a 544p del gioco era alquanto controversa. Anche l’interazione con la luce si è rivelata cruciale. Non solo tecnicamente, ma anche come meccanica del gioco: per indebolire i corrotti e per risolvere enigmi. Come precursore di Quantum Break and Control, questo è stato l’inizio di qualcosa di speciale per Remedy.

La ripartizione video di Digital Foundry di Alan Wake Remastered su console PS5 e Xbox Series.

Il remaster è essenzialmente un rinnovamento del PC 2012 rilascio, senza modifiche o modifiche al gioco principale stesso. Remedy rende assolutamente chiaro che questa è la stessa esperienza, in esecuzione sullo stesso motore, anche se con una suite di aggiornamenti visivi, anche se nessun supporto HDR o ray tracing è un po’ deludente (DLSS è almeno un’opzione su PC). Per Xbox Series X e PS5, la risoluzione nativa è aumentata a un target di 2560×1440. È interessante notare che manteniamo l’MSAA 4x che Remedy ha usato per abbellire la risoluzione a 544p di Xbox 360 (e per rendere il fogliame presentabile!) molte generazioni dopo l’uscita di Xbox 360. MSAA non è affatto comune in questi giorni, specialmente in quest’era di tecniche e ricostruzioni post-process, ma dato che stiamo usando codice legacy, ha senso vederlo tornare. Per quanto riguarda Xbox Series S? Forse non sorprendentemente, 1080p è l’obiettivo del rendering. Il resto dei punti di confronto tra i tre è minimo in base a test ravvicinati: ombre, texture e aggiornamenti di illuminazione beneficiano tutti della rimasterizzazione in egual misura, e non c’è molto da dividere le tre console qui.

Il remaster affronta anche un limite chiave della versione 360 ​​di Alan Wake: i buffer a bassa risoluzione per effetti di luce e ombre. Sia la luce che l’ombra sono dinamiche, con anche la dispersione delle nuvole in alto, il che era impressionante per i suoi tempi. Il rovescio della medaglia è che questi elementi sono visibilmente degradati per supportare un frame-rate giocabile su Xbox 360. Nei boschi, ad esempio, vedrai pesanti artefatti di aliasing (o dithering) nei punti in cui la luce si interseca con la nebbia, producendo visibili gradienti di ombra su aree illuminate. È previsto vista l’età della tecnologia Xbox 360, ma le nuove console risolvono tutto questo con buffer di illuminazione ad alta risoluzione, effetti nebbia e ombre.

C’è un altro pilastro importante in questo remaster però: i personaggi stessi. I modelli dei personaggi vengono aggiornati con nuovi shader per pelle e capelli e, a tutto tondo, i design ora si manifestano in modo molto diverso dall’originale Xbox 360. Le proprietà di illuminazione sono più esatte sui nuovi materiali e i capelli assumono un aspetto più lucido in alcuni scatti. I materiali di abbigliamento sono anche visibilmente più nitidi per i personaggi e Alan sfoggia persino una barba più folta. Detto questo, alcuni esempi potrebbero essere troppo lontani per i puristi, per i fan dei design originali.

Anche i filmati sono stati aggiornati. L’originale Alan Wake mescolava scene pre-renderizzate, ma con una rielaborazione così pesante di personaggi e ambienti, molti di questi dovevano essere “re-renderizzati” per rimanere coerenti con il gameplay. Di conseguenza, abbiamo filmati completamente nuovi, che sfortunatamente rimangono a 30 fotogrammi al secondo, il che può essere un po’ stridente a causa del gameplay a 60 fps. Prestazione? Questo era problematico su Xbox 360, con un livello di prestazioni di 20-30 fps e alcuni evidenti tearing a schermo intero. Le nuove console sono radicalmente migliorate. I 60 fps sono la regola, ma ci sono delle eccezioni: le grandi battaglie che utilizzano la pistola lanciarazzi, ad esempio, riducono le prestazioni fino agli anni ’50, e molto, molto raramente al di sotto. Non è un vero rompicapo, ma è comunque una sorpresa che le console più potenti sul mercato non possano abbastanza taglia. Entrambe le console Xbox Series mostrano anche alcuni strappi nella parte superiore dello schermo. PS5 sembra comportarsi in modo simile a Series X, con la differenza che non c’è strappo ma un grado leggermente più alto di stutter v-sync. Tutto sommato, è un risultato decente per la maggior parte del tempo su tutte e tre le macchine: non aspettatevi un blocco solido come una roccia a 60 fps qui, per come stanno le cose attualmente.

Alan Wake resiste alla prova del tempo sorprendentemente bene e, come remaster, è stato molto piacevole vedere il gioco così bello sulle ultime console. La narrazione di Remedy, la sua tecnologia – e persino i controlli – si traducono bene ai giorni nostri, un segno di quanto Alan Wake fosse lungimirante quando è stato lanciato nel 2010. Gli aggiornamenti visivi aiutano a smussare i punti difficili, così come il salto a 60fps sulle console moderne. Forse più divisive sono le modifiche ai modelli dei personaggi, ma è innegabile che nel complesso sia un pacchetto presentato meglio. Alan Wake ha stabilito uno standard all’interno di Remedy che ha gettato le basi per ciò che il team avrebbe ottenuto in seguito in Quantum Break and Control. Per coloro che desiderano ripercorrere l’eredità dello sviluppatore negli anni e tornare a uno dei giochi più affascinanti dell’era Xbox 360, vale la pena dare un’occhiata.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.