Recensione del Kirby’s Dream Buffet

0
Divertimento zuccheroso per quattro giocatori.

Ogni gioco ha bisogno di un momento, un momento che solo lui può offrire. Penso al blocco fusibile di Lumines, in cui si incatena un singolo colore attraverso una massa di blocchi e poi lo si fa esplodere e ci si rende conto che l’intero gioco consiste in realtà nello stendere canali di dinamite. Oppure il simpatico rombo ondulato di WarioWare Twisted, in cui si ruota l’intero GBA per spedire una capsula giocattolo lungo uno scivolo fino alla mano. (Esempi casuali; ho giocato a entrambi nel fine settimana).

Kirby’s Dream Buffet ha quel momento. È il momento che appartiene esclusivamente a Kirby’s Dream Buffet. Arriva alla fine di una delle gare. Avete lottato contro i rivali e vi siete precipitati su percorsi tortuosi e insidiosi fatti di waffle, strisce di bacon, Victoria sponge, pozze di glassa al cioccolato. Siete in testa al gruppo e quando arrivate al traguardo potete tuffarvi in una ciotola di fragole molto, molto grande. E poi? Poi si fa girare il bastone sinistro – credo sia il bastone sinistro; a questo punto sono sempre travolto dall’ondata di zucchero – per mangiare tutte le fragole. Chomp chomp chomp. È una cosa favolosa. Un’ultima fragola prima di morire!

All’inizio questo momento è solo una parte del gioco in un gioco fatto di parti del gioco. All’inizio, infatti, non si gioca tanto a Kirby’s Dream Buffet, quanto piuttosto si vive in un’ondata di colori e di cinguettii anticonformisti. Lentamente, però, lentamente e costantemente, emerge la struttura. Ma anche all’interno della struttura permane una certa selvaticità. Come con un gatto di casa, non si può mai domare del tutto Kirby’s Dream Buffet.

Kirby’s Dream Buffet trailer

L’idea è una sorta di mix tra Fall Guys e Katamari e un mucchio di altre cose che spuntano fuori di tanto in tanto. Devo aggiungere che l’elemento “Fall Guys” mi è stato fatto notare perché l’estetica di Kirby è così opprimente che non l’avevo notato. Il tema è il budino, la colazione e il pranzo: panini spugnosi per hamburger e pancake burrosi. Questo è ciò di cui è fatto il mondo. In ogni Gran Premio – la modalità centrale – il budino e la colazione e il pranzo formano due piste su cui voi e altri tre giocatori potrete correre, mangiando fragole e ingrandendovi man mano. Poi si formano le arene per i minigiochi e per la battaglia royale finale. Chi avrà mangiato più fragole e sarà cresciuto di più, alla fine di tutto, vincerà. Fatto.

Le gare sono molto divertenti. I tracciati sono inventivi e ingegnosi, con chicane di asparagi, ad esempio, o una montagna di waffle impilati che si possono scalare dopo aver ricevuto un aiuto per il rimbalzo dal tuorlo di un uovo fritto. Il percorso è disseminato di potenziamenti, come quello che vi trasforma in una ciambella da corsa e un altro che vi permette di dare fuoco ai nemici. Se si cade, si ottiene una sorta di periodo di galleggiamento alla Yoshi per tornare in pista.

L’aspetto confuso è che non si corre solo per raggiungere il traguardo. Si cerca anche di mangiare il maggior numero di fragole, per lo più, e queste, insieme a qualche mirtillo e altro, sono sparse un po’ ovunque. Il motivo per cui state gareggiando è che chi arriva al traguardo per primo può mangiare un mucchio di fragole davvero grande – ecco il momento della firma – ma c’è ancora un po’ di, non proprio di tattica, ma del fratello zuccherato della tattica. Andare piano e prendere quante più fragole possibile, oppure correre e guadagnare la grande ciotola di fragole alla fine? Come molti degli enigmi della vita, sto ancora riflettendo su questo.

Kirby's Dream Buffet
I soliti sospetti (1995)

Tra una gara e l’altra si svolgono dei mini-giochi, tendenzialmente dall’alto verso il basso e profondamente caotici. Raccogliete le fragole che cadono dal cielo o che nascono nelle tazze da tè! Sconfiggete i nemici mentre raccogliete le fragole! Come nel caso della battaglia royale climatica, che vi vede rimbalzare i vostri nemici fuori dalla mappa per fargli perdere le fragole che hanno raccolto, è conveniente essere grandi, e si diventa grandi mangiando fragole. Quindi credo che Kirby’s Dream Buffet abbia una ricchezza tematica, o almeno una forte attenzione: ABES, come potrebbe gridare il tizio di Glengarry Glenn Ross tra una minaccia di licenziamento e l’altra: Always Be Eating Strawberries.

È un gioco da ragazzi, che dà il meglio di sé quando abbraccia il caos piuttosto che puntare alla precisione. I percorsi sono rapidi e gomito a gomito, i minigiochi sono pieni di disastri accidentali. Il tutto si conclude con quattro Kirby-alike messi sulla bilancia, mentre vengono applicati vari bonus e vince il Kirby più grande. Quattro giocatori danno vita a partite molto combattute e ci sono molti tira e molla per aggiudicarsi il primo posto. Mi sono divertito molto e per qualche sera Kirby ha messo da parte Mario 3D World come gioco multigiocatore da giocare con mia figlia.

È possibile giocare online – c’è una discreta base di giocatori da quello che posso dire – o con avversari della CPU. È anche possibile giocare in locale a due giocatori contro l’online o la CPU, ognuno con un Joy-Con, o in locale a quattro giocatori, ma ognuno avrà bisogno della propria Switch e di una copia del gioco, e anche come fan di Kirby penso che sia ottimistico. Tra un Gran Premio e l’altro, è possibile affrontare gare individuali e minigiochi, giocare in modalità libera e dare un’occhiata agli sblocchi raccolti, che credo possano essere utilizzati per decorare una torta o trasformare il proprio personaggio in un pirata e tutto il resto.

È divertente, credo: un Kirby economico che consiste nel rotolarsi e infastidire i propri amici, un amuse bouche, che potrebbe o meno essere il modo in cui si scrive questa frase. Temo che non ci vorrà molto tempo prima che questo gioco si affossi nelle classifiche di casa nostra e scompaia dallo schermo principale di Switch, ma lascerà dietro di sé alcuni bei ricordi zuccherosi. E forse il desiderio inconscio di mangiare un sacco di fragole.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.