Il direttore dei giochi di Google Stadia lascia per unirsi a Google Cloud

0

“Il gioco è uno dei principali verticali in cui stiamo investendo.”

Il direttore per i giochi di Google Stadia, Jack Buser, ha lasciato il team di Stadia per assumere una nuova posizione come direttore delle soluzioni di gioco globali di Google Cloud.

Secondo a ZDnet, Buser – che assumerà il nuovo incarico da domani, 13 settembre – riferirà al VP of Industry Solutions Lori Mitchell-Keller, e accenna a un rinnovata attenzione in Google per pubblicare titoli di terze parti e rafforzare la sua posizione nello spazio di gioco.

“Google Cloud registra uno slancio incredibile in tutti i settori e il gaming è uno dei principali verticali in cui stiamo investendo”, ha dichiarato a ZDNet un portavoce di Google.

“L’assunzione di Jack illustra il continuo investimento di Google Cloud nella nostra strategia di gioco globale, incentrata sul cliente, e i suoi cinque anni in Google aiuteranno ad aprire le porte a partnership strategiche più ampie con i clienti su YouTube, Stadia e altro ancora “, ha detto Mitchell-Keller in una nota. “Jack porta 20 anni di esperienza nel settore e una miscela unica di conoscenze commerciali e tecniche per espandere ulteriormente la nostra capacità di servire i clienti di gioco.”

Buser ha precedentemente ricoperto diverse posizioni esecutive presso PlayStation , inclusi PlayStation Now, PlayStation Plus e PlayStation Home – che potrebbe tornare in scena .

Google ha recentemente annunciato una serie di nuovi schemi

progettati per incoraggiare più sviluppatori a utilizzare la sua piattaforma di streaming basata su cloud. Come riportato da Tom all’epoca, molti di questi piani, come una quota delle entrate derivanti dal servizio di abbonamento Pro di Stadia e i pagamenti per la conversione dei clienti Stadia in abbonati Pro, sembrano direttamente volti a potenziare l’offerta di abbonamenti a pagamento.

Per i singoli giochi, c’è una nuova suddivisione delle entrate dell’85% per i titoli venduti dopo il 1 ottobre fino alla fine del 2023 e fino ai primi 3 milioni di dollari guadagnati. Questo è simile alle politiche degli app store di Google e Apple, che prendono anche solo il 15% del taglio delle entrate rispetto allo standard del settore del 30%, fino a una certa soglia.

Stadia ha anche aggiunto di recente Chromecast con supporto per Google TV e, a maggio, ha detto al nostro sito gemello GamesIndustry.biz che era “vivo e vegeto”.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.