iPad Pro 12.9″ (2021): prime impressioni sul tablet più premium che Apple abbia mai fatto

0

L’offerta di Apple di posizionare l’iPad come sostituto di un computer convenzionale è più vicina che mai con l’arrivo dell’ultimo lotto di iPad Pro che equipara l’hardware dei suoi tablet più potenti a quello dei suoi computer e laptop.

Abbiamo ricevuto questo iPad Pro 2021 con aspettative molto alte dato che ha una nuova tecnologia dello schermo e un processore che ha sorpreso tutti con prestazioni eccezionali.

Tra qualche giorno vi porteremo un’analisi completa e dettagliata dell’iPad Pro 12.9 pollici 2021 con tutti i test completi e i benchmark abituali nelle nostre recensioni.

iPad Pro 12,9″ (2021) iPad Pro 12,9″ (2020)
Dimensiones 280,6 x 214.9 x 6.4 mm | 684 gr 280.6 x 214.9 x 5.9 mm | 643 gr
Display Liquid Retina XDR miniLED | 12.9″ (2.732 x 2.048 pixel) | 264 ppi | 120 Hz | Tecnologia True tone Liquid Retina IPS | 12.9″ (2.732 x 2.048 pixels) | 264 ppi | 120 Hz | Tecnologia True tone
Processore Apple M1 A12Z Bionic
RAM 8 GB | 16 GB 6 GB
Storage 128GB | 256 GB | 512 GB | 1 TB | 2 TB 128GB | 256 GB | 512 GB | 1 TB
Camera posteriore Principale: 12 Mpx f/1.8 | Ultra Wide: 10 Mpx f/2.4 125° Main: 12 Mpx f/1.8 | Ultra Wide: 10 Mpx f/2.4 125°
Fotocamera frontale True Depth Ultra wide angle con 12 Mpx f/2.2 True Depth 7 Mpx f/2.2
Sensori Face ID | LIDAR | Giroscopio a tre assi | Accelerometro | Barometro | Sensore di luce ambientale Face ID | LIDAR | Giroscopio a tre assi | Accelerometro | Barometro | Sensore di luce ambientale
Batteria 40.88 Wh (3.7 V) / 11.048mAh | 18 W USB-C Charger 36.71 Wh (3.7 V) / 9,921 mAh | 18 W USB-C Charger
Prezzo €1,699 1.259 euro

Stesso iPad Pro…ma migliore

Se dovessimo riassumere in una frase le sensazioni che trasmette l’iPad Pro sarebbe proprio quella che dà titolo a questa sezione. Perché in sostanza quello è l’iPad Pro del 2021.

La sensazione è proprio quella, è lo stesso iPad Pro che avevamo già, con gli stessi materiali e finiture di qualità, le stesse forme rettilinee e gli angoli arrotondati, ma migliorato in diversi punti chiave, ma mantenendo i suoi punti di forza.

Per quanto riguarda il design è praticamente impossibile differenziare a colpo d’occhio un iPad Pro 2020 -che abbiamo analizzato qui– dalla versione 2021. Condividono le dimensioni con 280,6 x 214,9 mm ma il nuovo modello ha accusato la mancanza di attività durante il confinamento e è ingrassato leggermente a 6,4 mm aumentando il suo peso a 684 grammi .

Oltre a questo, né le cornici né il resto degli elementi visibili sono cambiati troppo. Per esempio, la stessa configurazione di telecamere posteriori composto da un 12-megapixel stabilizzato sensore principale e un’apertura f/1.8, un obiettivo ultra grandangolare di 10 megapixel con apertura f/2.4 e una gamma focale di 125 ° con cui si ottiene un zoom ottico di 2x e digitale 5x.

Condividendo lo spazio con le telecamere ripete esperienza il sensore LiDAR con cui Apple ha dotato l’iPad Pro con il superpotere di dominare lo spazio intorno a lui per individuare elementi di realtà aumentata più accuratamente.

Né abbiamo cambiamenti evidenti nell’aspetto della parte anteriore, dove le cornici continuano a offrire quel buon equilibrio tra sfruttare lo spazio dello schermo e fornire un comodo luogo di riposo per le dita mentre si tiene il tablet.

La cornice superiore è molto affollata da tutti i sensori che compongono il sistema di riconoscimento Face ID e una nuova fotocamera True Depth 12 megapixel che viene a migliorare la qualità delle chiamate video costante a cui siamo stati sottoposti telelavoro.

Questa stessa fotocamera ha una delle caratteristiche che più hanno catturato la nostra attenzione durante la presentazione di questo iPad, che è la funzione di autoframing durante le videochiamate.

Naturalmente, una delle prime cose che volevamo vedere da soli è come funziona questa funzione nella vita reale, così abbiamo impostato una videochiamata con Google Meet e abbiamo iniziato a muoverci.

All’inizio timidamente da un lato all’altro della sedia controllando come la telecamera ci segue in modo fluido e senza scatti, poi ci siamo alzati dalla sedia e abbiamo iniziato a muoverci mentre l’iPad ci teneva in piano e anche zoomato per inquadrare il viso.

Molto piacevolmente sorpreso con le buone prestazioni della fotocamera anteriore e vi invitiamo alla recensione completa di questo iPad Pro che pubblicheremo in pochi giorni in cui descriveremo più in dettaglio il comportamento delle loro telecamere.

Va come un colpo, ma pesa iPadOS

Letteralmente, il processore M1 che debutta nell’iPad in questa versione, è una bestia che spinge e spinge i suoi otto core di elaborazione e 8 core GPU integrati aggiuntivi alla ricerca di un limite che non sembra mai raggiungere.

Uno dei pochi test che abbiamo avuto il tempo di fare in questo primo contatto è giocare a Genshin Impact, uno dei giochi più esigenti con il processore e la sua GPU integrata. La verità è che, con i parametri originali del gioco, le prestazioni erano eccellenti. Ma siamo qui per giocare, quindi: grafica al massimo e proviamo l’avventura!

Siamo rimasti davvero sorpresi dal risultato. Non solo ha mantenuto la stessa fluidità dopo l’aumento della richiesta grafica , ma è rimasto fresco in ogni momento come se invece di giocare a uno dei titoli più difficili per l’hardware attuale, stessi scrivendo un testo nell’applicazione Note. Impressionante ciò di cui è capace questo processore M1.

Nella recensione completa dell’iPad Pro 2021 che pubblicheremo tra qualche giorno quantificheremo le prestazioni di questo processore con benchmark e test di confronto, ma questo primo contatto ci è servito per scoprire l’efficienza di questo processore integrato in un dispositivo molto portatile.

Tuttavia, in questo iPad ho sentito come in nessun altro, che iPadOS nella versione 14.6 attualmente installato è un freno al potenziale di questo titano che Apple ha prodotto.

L’azienda stessa è consapevole che l’hardware dell’iPad Pro è molto più avanti del software, rendendo l’iPad Pro un portatile molto potente, leggero e versatile che qualsiasi professionista può utilizzare senza problemi, ma che è appesantito dall’impossibilità di utilizzare software professionale che o è limitato ai sistemi operativi desktop, o non sfrutta ancora la potenza dell’M1.

Non fraintendeteci, iPadOS gira alla grande su questo iPad Pro, non potrebbe essere altrimenti con 8 o 16 GB di RAM (dipende dalla capacità di archiviazione scelta), e una capacità di fino a 2 TB di storage. Ma sento che il sistema costringe l’utente a modificare il suo flusso di lavoro rispetto ai computer Mac per superare le sue limitazioni.

Polemiche a parte, il display è molto migliorato

L’iPad Pro da 12,9 pollici nel 2021 è il primo tablet sul mercato a presentare un display con tecnologia miniLED. Questa tecnologia è un’evoluzione del sistema di retroilluminazione degli schermi LCD.

Il miglioramento della qualità dei colori e della luminosità dei nuovi schermi Liquid Retina XDR miniLED è evidente fin dal primo sguardo, fornendo neri molto più pronunciati che fanno guadagnare gli altri colori in intensità aumentando il contrasto.

Nel nostro contatto abbiamo scoperto uno schermo che sembra più luminoso del modello precedente (Apple sostiene di fornire picchi fino a 1.600 nits). Soprattutto con colori più vividi e che si comporta meravigliosamente quando ci si muove attraverso i testi grazie alla sua nitidezza.

Poiché l’innovazione miniLED riguarda solo la disposizione della luce dietro il pannello LCD, le caratteristiche di questo pannello rimangono le stesse dell’iPad Pro 2020. Cioè, display ProMotion a 120 Hz , risoluzione di 2.732 x 2.048 pixel , 264 pixel per pollice e tecnologia True tone .

Sotto questo pannello è integrata una maglia di 10.000 mini LED raggruppati in più di 2.596 zone che cambiano la loro intensità o si spengono a seconda del contenuto dello schermo per aumentare il contrasto.

In realtà questa non è una tecnologia assolutamente nuova. In effetti, si basa su ciò che è stato utilizzato per alcuni anni in molti televisori di fascia media e alta, ma mai prima in un dispositivo così piccolo o utilizzando un sistema mini LED.

La tecnologia mini LED è a metà strada tra il tradizionale LCD basato su una matrice di LED con zone di oscuramento locale (Full Array Local Dimming o FALD) e gli schermi OLED, quindi è vicino ad alcuni dei vantaggi degli schermi OLED, come il contrasto migliorato e la precisione di luminosità e colore; ma anche trascina alcuni dei difetti degli schermi LCD come è l’inquinamento luminoso tra le aree, un effetto normale in schermi LCD LED ma riducendo l’area di ogni zona di oscuramento diventa più visibile.

Al di là delle assurde polemiche sui problemi inerenti agli schermi LCD a LED che alcuni “esperti” hanno scoperto solo ora, l’unico problema che abbiamo trovato con questo schermo è che la cornice proietta una certa ombra all’interno dello schermo e diventa particolarmente visibile quando viene visualizzato uno sfondo bianco. Questo è qualcosa che indagheremo per la recensione completa che pubblicheremo tra pochi giorni dopo aver messo questo iPad Pro 2021 attraverso la nostra batteria di test.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.