Zuckerberg consiglia i videogiochi per i bambini

0
Le parole di Zuckerberg sono state: “Sicuramente io non mi sarei mai lanciato sulla programmazione se non avessi giocato ai videogiochi”.

Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, potrebbe non aver mai programmato se non fosse stato per i videogiochi, così ha rivelato il miliardario 31enne durante una sessione di domande e risposte. Come parte della propria presentazione, Mark Zuckerberg ha consigliato ai genitori presenti di lasciare che i bambini giochino ai videogiochi.

Lasciarli giocare è una delle migliori cose che potete fare”, sarebbero state le parole di Mark Zuckerberg secondo quanto riportato da USA Today.

Mark Zuckerberg Videogiochi

Mark Zuckerberg, che è cresciuto an New York, ha rivelato che siccome le sue sorelle non volevano giocare alla guerra di palle di neve con lui, aveva deciso di crearsi un videogioco di lotta con palle di neve. “Era un gioco terribile”, ha confessato, ma è convinto che aver lavorato a quei progetti lo abbia ispirato a scegliere la strada della programmazione.

Credo che questa dinamicità vicino ai bambini che crescono, creando e giocando giochi, sia importante perché credo che in questo modo un sacco di bambini si butteranno sulla programmazione”, ha spiegato. “Io sicuramente non avrei mai programmato se non avessi giocato ai videogiochi da bambino”.

La maggior parte degli ingegneri che conosco, che sono alcuni dei migliori ingegneri al mondo, hanno imparato da soli”, aggiunge. “Dobbiamo lavorare su questo per ottenere il massimo dalla gente”.

Durante la sessione Q&A ha anche rivelato che l’obiettivo di Facebook per gli Oculus Rift possa essere eventualmente un aggiornamento al design per somigliare più a normali occhiali. La versione consumer degli Oculus Rift arriverà durante il primo quadrimestre del 2016, il che significa che dovrebbero arrivare prima di aprile 2016.

Via|Gamespot

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.