Rebel Wilson descrive le riprese di The Almond and the Seahorse come “tortuose”

0

Rebel Wilson ha ammesso che l’intera ripresa di The Almond and the Seahorse è stata “un po ‘tortuosa”.

Dopo aver raggiunto la fama con le commedie in studio, l’attrice australiana ha ottenuto il suo primo ruolo drammatico nel film indipendente, in cui interpreta un’archeologa che cerca di far fronte al marito che si riprende da un trauma cranico.

In un’intervista con The Hollywood Reporter, Rebel ha ammesso che l’intera ripresa è stata davvero difficile ed era preoccupata di non essere in grado di portare i benefici drammatici.

“L’intera faccenda è stata piuttosto tortuosa. Non c’era una scena facile nella sceneggiatura”, ha confessato. “Prima dell’inizio delle riprese, ho trascorso due settimane in quarantena in un hotel di Londra. Volevo davvero portarlo e non deludere nessuno, quindi ho passato tutto il tempo a provare le scene ogni giorno. Ho solo eseguito le battute per tutto il tempo perché ero paranoico che l’emozione non ci sarebbe stata perché non avevo mostrato quei muscoli per un po’”.

Il dramma è stato girato nel nord dell’Inghilterra lo scorso anno e il 42enne è scoppiato in lacrime girando una scena in condizioni di neve.

“Mi stavo congelando le t * ts ed è stato così difficile”, ha condiviso. “Sono crollato così tanto e stavo piangendo, piangendo, piangendo. Non è nel film perché penso che forse fosse troppo ma sì, quella è stata dura. Tutte le scene erano difficili. Penso che sia perché la scrittura è così buono.”

La mandorla e il cavalluccio marino è ora nei cinema statunitensi.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.