Sir Sam Mendes si sente “a casa” in un cinema

0

Sir Sam Mendes si è sempre sentito a “casa” in un cinema.

Il regista 57enne è stato un grande fan dei film sin dalla sua infanzia e ha sempre provato un senso di “rassicurazione” ogni volta che visitava un cinema.

Ha spiegato: “Il cinema è il posto in cui vai quando ti perdi, o quando senti il ​​bisogno di rassicurazioni o un senso di casa.

“Quei luoghi sono stati creati, non solo per guardare film, ma per permetterti di esplorare un lato del tuo fisico e il tuo intero paesaggio emotivo che altrimenti verrebbero ignorati”.

Durante la sua infanzia, Sam ha visitato il cinema come mezzo per sfuggire ai suoi problemi quotidiani.

Al regista piaceva anche avere un po’ di libertà.

Ha detto alla rivista Empire : “Ricordo, in particolare da adolescente, essere in grado di uscire di casa, lontano dai problemi, e andare da qualche parte dove non sei conosciuto e non ci si aspetta nulla da te”.

Nel frattempo, nel 2020, Sam ha affermato che i lavoratori del teatro potrebbero facilmente “cadere nelle fessure” durante la pandemia di COVID-19.

L’industria è stata gettata nel caos nel Regno Unito dalla pandemia e Sam ha esortato le star del cinema, i servizi di streaming e gli studi a prestare il loro sostegno ai lavoratori del teatro.

Riflettendo sulla risposta del governo del Regno Unito alla crisi, disse all’epoca: “C’è un grande pericolo in questo pacchetto di salvataggio e nel mondo dell’arte in generale che le persone che creano il lavoro reale cadano nelle fessure.

“Queste sono le persone che effettivamente realizzano gli spettacoli che il pubblico paga per vedere.

“Quindi c’è il pericolo che tu abbia alcune amministrazioni artistiche, dipartimenti contabili, foyer e librerie molto sani, ma non avrai alcun lavoro da mettere sui palcoscenici, perché le persone che fanno quel lavoro, che costituiscono il 70% dei dipendenti dell’industria teatrale, vengono di fatto ignorati”.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.