Lo studio MechWarrior si scusa dopo che la sua sorveglianza dei messaggi sui diritti trans in-game ha suscitato preoccupazione

0

“Possiamo e faremo meglio insieme!”

Piranha Games, sviluppatore di MechWarrior Online, si è scusato per aver costretto i giocatori a rinominare una squadra competitiva intitolato “Trans Fights” e “Trans Rights”, dopo aver affermato in precedenza che stava semplicemente applicando i Termini di servizio e il Codice di condotta del gioco.

Il boss dei Piranha, Russ Bullock, ha inizialmente suscitato ira su Twitter quando ha spiegato il ragionamento dello studio dietro la mossa, così come la sua decisione di vietare un utente che ha pubblicato continuamente il messaggio “Diritti trans”.

“Non ho dubbi su personale in questo senso tutti sono inclusi al 100% senza pregiudizi”, ha scritto Bullock

durante il fine settimana, in risposta alla gestione della situazione da parte dei Piranha. “Per ragioni super obv che la parola Trans e altre sono e sono state escluse dall’EULA per molto tempo.”

Bullock ha suggerito che la parola “Trans” sia stata bandita a causa di “cattivi troll” e che mentre “va bene essere delusi e desiderare aveva in qualche modo trovato un modo per aggirare questa difficile situazione… è ipocrita chiamare immediatamente anti trans ecc. Sfortunatamente le mele marce creano situazioni che limitano la scelta per il gruppo più numeroso.”

Oggi, il manager delle operazioni live dei Piranha, Matt Newman, si è scusato per la risposta e ha detto che Bullock aveva risposto senza saperlo di azioni di moderazione specifiche, incluso il blocco di un giocatore che ha postato ripetutamente la frase “diritti trans”. sembrava mostrare a questo utente che veniva detto dall’assistenza clienti che “sebbene le discussioni politiche nella vita reale siano importanti, non crediamo che questo sia l’ambiente appropriato per tale discussione”.

Alcuni utenti hanno contrastato questo affermando che i diritti trans non dovrebbero essere classificati come politici e che un divieto generale di evidenziare tali questioni ha favorito coloro che si oppongono al movimento per i diritti trans. Altri hanno anche evidenziato il recente sostegno dei Piranha al Pride e lo hanno contrastato con la sua risposta qui.

“In primo luogo, lasciatemi dire, non c’è fanatismo o rancore verso il trans commu nity da Piranha Games, me stesso o il team di assistenza clienti”, ha scritto Newman in un blog pubblicato sul sito ufficiale di Piranha questo pomeriggio. “Facciamo del nostro meglio per applicare i ToS e CoC nel modo più equo possibile. Non siamo perfetti.

“In particolare, è stata intrapresa un’azione di moderazione per rinominare una squadra competitiva utilizzando i nomi Trans Combattimenti e diritti trans. Questa non era la decisione corretta. Avremmo dovuto fare più domande e determinare il vero intento dietro la selezione del nome e coloro che hanno problemi con loro.

“Le nostre azioni ovviamente feriscono e hanno offeso le persone, mi scuso. Faremo meglio . Con la consapevolezza che i diritti delle persone trans non sono una questione politica, consentiremo al team di utilizzare una delle scelte originali come nome del team. Inoltre, annulleremo qualsiasi azione di moderazione intrapresa in relazione a questa moderazione.”

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.