Risparmi significativi per i taxi elettrici rispetto a quelli a combustione: fino a 13.000 euro

0

Secondo uno studio, con sovvenzioni pubbliche e private, un taxi elettrico risparmia fino a 13.000 euro rispetto a un ibrido in cinque anni

Dei circa 16.000 taxi che operano a Madrid, appena lo 0,2% sono puramente elettrici. Vale a dire, circa trenta. E perché il numero è così basso? Ci sono diverse ragioni: dalla scarsa infrastruttura di ricarica al fatto che qualche anno fa l’attenzione era rivolta alla tecnologia ibrida . Ma soprattutto c’è la percezione che queste auto sono ancora molto costose. Tuttavia, uno studio recente indica che i taxi elettrici risparmiano fino a 13.000 euro rispetto ai taxi a combustione nel costo totale di proprietà. E questo solo nei primi cinque anni.

Questo calcolo è stato fatto da Free Now, la piattaforma di prenotazione di taxi mobili precedentemente conosciuta come MyTaxi, che è il risultato di una joint venture tra i gruppi Daimler e BMW. E lo ha fatto confrontando due dei cinque modelli 100% elettrici approvati per fornire questo servizio, la Nissan Leaf e la Hyundai Ioniq, con l’ibrido più diffuso, la Toyota Prius.

È vero che il prezzo d’acquisto di un’auto elettrica è ancora dal 4% al 5% superiore a quello di un’ibrida. Per questo motivo, senza sovvenzioni, il costo totale di proprietà di questi veicoli è ancora più alto dopo cinque anni; nel caso della Ioniq, circa 2.000 euro, mentre nel caso della Leaf è quasi 3.000 euro. Tuttavia, questa situazione cambia completamente non appena si aggiungono le sovvenzioni, sia pubbliche che private, nell’equazione.

In primo luogo, Free Now aggiunge i propri sconti, concordati con i produttori, che sono il 17% del valore di acquisto sulla Hyundai e fino al 22% sulla Nissan. E poi ci sono quelli del Moves III Plan . Nel migliore dei casi (consegnare un’auto di più di sette anni), il costo totale di proprietà di entrambi i veicoli dopo cinque anni sarebbe di circa 38.400 euro, mentre quello della Prius sarebbe di 51.300. Così, il taxi elettrico risparmia fino a 13.000 euro rispetto all’ibrido.

E se l’auto consegnata ha meno di sette anni? In questo caso, si tratterebbe di un risparmio di 10.000 euro; sempre, ovviamente, tenendo conto degli sconti offerti dalla piattaforma ai suoi tassisti. Un’altra domanda a cui risponde lo studio è quando un taxi elettrico diventa redditizio. E la risposta dipende anche dalle sovvenzioni. Senza, bisogna aspettare fino a sei anni. Con il solo sussidio Free Now, è redditizio dal terzo anno; e con l’aggiunta del Piano Moves, sarebbe redditizio dall’inizio.

Per inciso, questa piattaforma di mobilità ha creato un team di esperti in veicoli elettrici dedicati a chiarire i dubbi dei tassisti che operano con l’applicazione nel loro passaggio all’elettrificazione. Un altro dei dubbi più frequenti, insieme al prezzo, ha a che fare con l’autonomia, e se sarà sufficiente per le loro esigenze. Ecco perché hanno voluto chiarire la situazione. Il fatto è che i professionisti sono d’accordo che, attualmente, le batterie permettono già una giornata lavorativa senza la necessità di fermarsi per ricaricare. “Un taxi di solito copre una media di 200-250 km al giorno, e i modelli di taxi elettrici hanno un’autonomia di oltre 300 km “, sottolinea Mario Santos, un esperto di veicoli elettrici per la marca.

Questo articolo è stato pubblicato su Autobild da Iván Fombella.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.