I 6 trucchi definitivi per risparmiare la durata della batteria sul tuo telefono Android

0

Decenni fa i telefoni cellulari duravano settimane e non sapevamo quanto fossimo fortunati. Caricare il telefono il lunedì e avere il 15% di autonomia la domenica era la norma, tanto che non l’abbiamo apprezzato.

Quando arrivarono gli smartphone, le cose cambiarono drasticamente, al punto che gli inizi furono disastrosi, con batterie davvero piccole e durate che non raggiungevano, a volte, un giorno intero.

E, anche se ora le marche si sforzano di mettere batterie da 4.000 mAh in su, ottenere una buona autonomia non è facile, anche se ci sono trucchi che aiutano ad allungare diverse ore la vita del nostro Android. E non sono aggiustamenti complicati o che richiedono tempo.

Detto questo, rivediamo cosa possiamo fare per l’autonomia del nostro cellulare:

  1. Monitorare l’uso della batteria per scoprire il guzzler
  2. Tenere traccia delle nuove applicazioni installate
  3. Luminosità automatica, modalità scura e ridurre il tempo acceso
  4. Imposta la modalità aereo quando hai bisogno di concentrarti
  5. Cambia rete quando non hai bisogno di molta velocità
  6. Controlla bluetooth, NFC e posizione

1. Monitorare l’uso della batteria per scoprire il guastafeste

Questo suggerimento sembra molto semplice ma è assolutamente necessario, poiché non sappiamo con certezza quale applicazione o quali applicazioni consumano più batteria. Ed è un’opzione che spesso dà sorprese.

WhatsApp, Instagram e TikTok sono di solito quelli che consumano più batteria, ma non preoccuparti perché è logico che siano quelli che usi di più.

Tuttavia, se non li usi quasi mai e li hai nelle prime posizioni, potrebbe esserci un problema con loro.

Una volta che hai controllato questa lista se non sei d’accordo con nessuna delle applicazioni, puoi monitorarla, per vedere se sta tirando il GPS, o se è in background per più tempo di quanto dovrebbe essere.

E ricordate che la disinstallazione delle applicazioni è gratuita, e che spesso è difficile sbarazzarsi di un’applicazione anche se non la si usa da mesi.

Anche se non si usa attivamente l’applicazione, spesso concediamo permessi di localizzazione e di tanto in tanto l’applicazione fa richieste in background che finiscono per impattare l’autonomia del nostro cellulare.

2. Tieni traccia delle nuove applicazioni installate

A volte succede che, da un giorno all’altro, la batteria del nostro smartphone comincia a perdere autonomia. Passa dal reggere bene tutto il giorno all’arrivare a casa la sera con la necessità di collegarlo al caricatore.

Questo di solito ha un responsabile diretto, e di solito è quell’applicazione che hai installato di recente e a cui non hai prestato molta attenzione (o il contrario, che guardare 7 ore di video TikTok consuma molta batteria)

A seconda del tipo di app che hai scaricato, il comportamento del tuo Android può cambiare, in quanto può richiedere troppe risorse in background.

Un semplice controllo può darti le informazioni necessarie per sapere se tutto sta andando secondo i piani.

3. Luminosità automatica, modalità scura e riduzione del tempo di accensione

Siamo ad un punto chiave, perché lo schermo è la parte più affamata di energia del nostro smartphone. E di gran lunga.

Ecco perché le raccomandazioni che stiamo per darvi ora sono davvero la parte che non dovreste saltare in nessun modo. Prima la luminosità, poi la modalità scura e infine il tempo dello schermo su .

In primo luogo, la luminosità. Anche se è possibile regolare la luminosità dello schermo in qualsiasi momento, la cosa più intelligente da fare è lasciarla sulla luminosità automatica , che si regola tutto il tempo a seconda della luce che abbiamo in quel momento. Questo farà in modo di non avere mai la luminosità eccessivamente alta e di risparmiare la durata della batteria.

Poi abbiamo la modalità scura, un’opzione che Android include già nel menu delle impostazioni stesso e che ci permette di avere lo smartphone sempre in toni scuri , sia nei menu di Android che nelle applicazioni (che sono compatibili). Questo farà anche risparmiare la durata della batteria.

E infine, c’è il tempo di spegnimento per inattività. Da 15 secondi a 5 minuti, nelle impostazioni dello schermo possiamo selezionare per quanto tempo lo schermo deve rimanere inattivo prima di iniziare a oscurarsi e infine spegnersi.

E, anche se può sembrare di poco conto, potremmo risparmiare diverse ore alla settimana di tempo di schermo non necessario.

4. Mettere la modalità aereo quando abbiamo bisogno di concentrarci

Questo consiglio è uno dei più facili da fare quotidianamente, perché è molto veloce e perché ha un impatto diretto sull’autonomia del nostro smartphone.

Tutto quello che devi fare è prendere il tuo telefono quando vai a lezione o al lavoro, proprio in quei momenti in cui hai bisogno di concentrarti di più, e metterlo in modalità aereo .

In questo modo tagliamo tutte le comunicazioni dello smartphone, quindi il telefono difficilmente consumerà energia durante quel periodo , dandoci un buon margine per dopo.

Tuttavia, tenete presente che taglia anche la copertura del telefono, quindi se state aspettando una chiamata importante è meglio non attivarlo, ma solo disattivare le reti mobili, Wi-Fi e Bluetooth.

5. Cambia rete quando non hai bisogno di molta velocità

Ora che il 5G sta diventando un’opzione reale in sempre più paesi, dobbiamo prendere in considerazione uno degli aspetti più negativi di questa tecnologia: il consumo di energia.

A causa della grande differenza di velocità e latenza tra il 5G e le altre reti, la nuova rete mobile consuma molta più energia di quanto desiderato, anche se questo è il prezzo da pagare per la super velocità di internet.

Quindi, per quelli di voi che hanno un Android con connettività 5G e hanno una tariffa 5G, la cosa migliore da fare è cambiare le preferenze di rete nelle impostazioni del telefono.

E impostare le reti 4G come reti preferite quando non abbiamo bisogno di un’alta velocità di download ci farà risparmiare qualche minuto ogni giorno.

6. Controlla Bluetooth, NFC e posizione

Ogni volta che sblocchiamo il telefono e trasciniamo il dito dall’alto verso il basso si apre il menu rapido di Android, quel posto dove alcune persone hanno attivato troppe opzioni, che è un danno per la batteria.

Per default, le app chiedono i permessi per funzionare. Che se il Bluetooth per collegare l’orologio, che la posizione per dare più precisione nell’applicazione shopping di turno o che se il NFC da parte della banca.

E la verità è che durante la giornata se usiamo una qualsiasi di queste applicazioni è per un minuto al massimo.

Pertanto, la cosa migliore che puoi fare è disconnettere queste opzioni per impostazione predefinita e attivarle quando Google Maps o l’app BBVA ti chiede di attivare qualche parametro, perché in queste connessioni si sprecano inutili minuti di durata della batteria.

Bonus track

Infine, come una punta finale ma non introduciamo nella lista perché non fornisce una maggiore durata della batteria, ma ciò che ottiene è una maggiore durata di questo, la cosa migliore che puoi fare è caricare il tuo Android con il caricatore normale che hai a casa, invece della carica veloce che è venuto con il tuo smartphone.

Anche se questi caricatori 35W o 65W sono molto buoni per quando abbiamo fretta di caricare il telefono, degradano le batterie più rapidamente dei caricatori tradizionali.

Quindi, se non ne hai troppo bisogno, è meglio impiegare due ore per caricare il tuo smartphone che 45 minuti. Il tuo telefono ti ringrazierà tra qualche mese.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.