Keke Palmer attribuisce a Queen Latifah e Ice Cube il merito di aver dato il via alla sua carriera

0

Keke Palmer crede che Queen Latifah e Ice Cube siano in parte responsabili dell’avvio della sua carriera.

La star di Nope ha debuttato come attrice nel 2004 in Barbershop 2: Back in Business come nipote di Latifah personaggio Gina. Il film era interpretato da Ice Cube e lui e Palmer hanno collaborato per la seconda volta per interpretare uno zio e una nipote in The Longshots del 2008.

In un’intervista con la rivista Glamour, l’attrice ha detto che spera di creare più opportunità per il talento in erba del cinema nero, proprio come hanno fatto per lei Latifah e Cube.

“Quando penso a Queen Latifah o Ice Cube, queste sono alcune delle persone che mi hanno aiutato a iniziare la mia carriera. Grazie al loro successo, ho avuto un’opportunità”, ha spiegato Palmer. “Molti giovani vogliono trovare un modo per entrare nel mondo degli affari e pensano che l’unico modo in cui potresti esserlo è sullo schermo. Abbiamo i gaffer, abbiamo le prese chiave e abbiamo persone che lavorano nell’elettrico. Spero un giorno potrò essere in grado di produrre e creare opportunità per le persone nella mia comunità, non solo sullo schermo ma dietro lo schermo”.

La 28enne ha aggiunto che spera di scrivere, dirigere e produrre di più in futuro e “fornire altre opportunità a più persone interessate a lavorare dietro le quinte”.

Dopo essere apparsa in diversi piccoli ruoli, Palmer ha avuto la sua grande occasione recitando come protagonista nel film del 2006 Akeelah and the Bee. Nell’intervista, ha detto che non ha ancora problemi a essere riconosciuta per uno dei suoi ruoli da bambina.

“Alcune persone dicono sempre, ‘Oh, Keke Palmer, di Akeelah e l’ape!’… ma non ho alcun rancore al riguardo. Semmai, io Penso che sia pazzesco che quel personaggio abbia ancora avuto un impatto su così tante persone. Mi lascia senza fiato perché alcune persone non ottengono quel tipo di ruolo durante l’intera carriera”, ha osservato.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.