Glenda Jackson ricorda di essere stata avvertita dell’industria cinematografica

0

Glenda Jackson è stata avvertita che difficilmente avrebbe avuto successo come attrice fino all’età di 40 anni.

La star 86enne vincitrice di un Oscar ha studiato la sua arte nel prestigioso film drammatico scuola RADA e sebbene i suoi insegnanti sapessero che aveva talento, le hanno consigliato che non avrebbe trovato molto lavoro fino a più tardi nella sua vita perché sarebbe stata scelta per le parti del “personaggio”.

Glenda ha detto Il grande problema: “Quando ho lasciato la RADA, il capo mi ha detto di non aspettarmi molto lavoro prima dei 40 anni perché ero essenzialmente un’attrice caratterista, e all’epoca mi sembrava abbastanza ragionevole.

“Ma quando sono andato via ho trovato subito lavoro.

“Comunque, dopo aver lavorato abbastanza assiduamente per circa due anni, poi non ho lavorato più in teatro per altri due anni. Questo è il teatro che fa per te.

“Quindi non avevo molti soldi, ma una piccola somma significava che a quei tempi potevi ancora vivere a Londra.”

Nonostante il suo successo, la star di ‘Women in Love’ non ha mai dato per scontato che avrebbe continuato a trovare lavoro.

Ha detto: “Non sono mai arrivata a un punto in cui non preoccuparti che non avrei più lavorato come attore.

“Ho sempre pensato che l’ultima performance di qualunque cosa stessi facendo sarebbe stata l’ultima volta che avrei mai lavorato.

“È una professione molto sovraffollata, particolarmente sovraffollata se sei una donna.

“Gli autori non trovano le donne così interessanti.”

Glenda ha vinto due volte il premio come miglior attrice agli Oscar, per ‘Women in Love’ nel 1969 e quattro anni dopo per ‘A Touch of Class’.

Ma anche se il plauso della critica è “bello”, non è mai stata la priorità di Glenda.

Ha detto: “È stato bello vincere un Oscar. È bello che un ruolo venga apprezzato. Ma è il lavoro che conta.

“Realizzare ‘Women in Love’ è stato fantastico. È stata la prima volta che ho lavorato con Ken Russell ed è stato assolutamente straordinario.

“Sono stato molto fortunato con i registi con cui ho lavorato.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.