POCO M3 Pro, analisi e opinione

0

Xiaomi sta inondando il mercato con prodotti e quasi ogni settimana abbiamo un terminale -a volte due- nuovi portatili nelle mani della società cinese.

Ci sono alcuni più consigliato di altri e ci dà la sensazione, a volte, non abbiamo troppo chiaro il pubblico di destinazione per alcuni modelli, ma con il Poco M3 Pro 5G abbiamo chiaro.

Se avete bisogno di un mobile 5G sì o sì per qualsiasi motivo , questo terminale vuole diventare la vostra prima scelta abbassando il prezzo sotto i 200 euro, in particolare per 179 euro.

Sì, se non hai bisogno di un cellulare 5G a buon mercato, ci sono opzioni migliori e vi diciamo il bene, e il meno bene, questo POCO M3 Pro 5G in questa analisi .

POCO M3 Pro 5G
Display 6.5 “pannello IPS | Risoluzione di 2.340 x 1.080 pixel | 90 Hz | Corning Gorilla Glass 3
Processore Mediatek Dimmensity 700 5G
RAM 6 GB LPDDR4x
Storage 128 GB UFS 2.2
Fotocamere principali 48 Mpx f/1.8 principale | 2 Mpx f/2.4 macro e profondità
Fotocamera frontale 8 Mpx f/2.0
Batteria 5.000 mAh | 18 W di ricarica | 22.5 W caricatore incluso
Sistema operativo MIUI 12 per POCO + Android 11
Dimensioni e peso 161,81 x 75,34 x 8,92 mm | 190 grammi
Prezzo Da 159 euro

Analisi di POCO M3 Pro per sezioni:

Buone sensazioni di tocco e uno schermo che offre a 90 Hz

POCO non ha una linea di design troppo chiara. Abbiamo visto quest’anno il POCO F3 –analisi-, il POCO X3 Pro e POCO M3 –analisi– che hanno linee molto diverse sul retro. Vediamo che il nome POCO è grande sul lato, ma è l’unica cosa che unisce i diversi dispositivi.

Non c’è, per così dire, una chiara linea di design, un’identità come una famiglia o qualcosa che li rende riconoscibili se togliamo quel logo di ‘POCO’, ma bene, alla fine questo non interessa o colpisce la grande maggioranza degli utenti e stiamo solo commentando il fatto per POCO di fare un passo avanti.

Ora, se entriamo nel design e nei materiali, abbiamo un cellulare che non ha nulla a che fare con il POCO M3 di qualche mese fa. Qui quel cognome ‘Pro’ si adatta perfettamente a una finitura in plastica lucida che sì, è tremendamente sporca, ma che dà una sensazione più premium .

È in competizione, nel design, con i fratelli “più grandi” come il Redmi Note 10 S e Pro, quindi non male in questo senso. Il modulo della fotocamera, nel frattempo, non è affatto mascherato ed è quello che abbiamo detto, un modo per attirare l’attenzione sul logo piuttosto che sull’identità del marchio. Le telecamere non sporgono troppo e con la custodia inclusa sono protette.

È un design comodo in mano e la verità è che non sono scivolato su una superficie piana, ma come ho detto è un terminale che cattura avidamente impronte digitali e polvere.

Parlando del caso, è il tipico silicone Xiaomi che ci dà la sensazione di coprire gli angoli molto bene, ma ha qualcosa che non mi piace affatto, la copertura USB-C, qualcosa che alcuni Xiaomi includono e altri no e che, onestamente, fastidioso.

Tutto il pannello dei pulsanti è sul lato destro e il sensore di impronte digitali funziona così… corretto. Non è il più veloce che abbiamo visto e penso che sia dovuto all’ottimizzazione della MIUI per i processori MediaTek, come è successo anche a noi sul Redmi Note 10S. Abbiamo anche lo sblocco delle foto che funziona bene.

E sì, in un cellulare Xiaomi mid-range non manca né il jack per cuffie da 3,5 mm nella parte superiore (io sono un sostenitore di questa porta, ma in basso) né l’emettitore IR. Brava Xiaomi in questo senso.

Ma andiamo allo schermo, dato che è l’elemento con cui interagiremo di più e, qui sì, il pannello comincia a dare segni del prezzo del terminale, anche se c’è una sorpresa.

Abbiamo uno schermo IPS che ha angoli di visione… corretti. Non sono male, ma penso che da 45 ° perde luminosità chiaramente. Non è logico in questa tecnologia, ma succede nelle gamme inferiori.

E penso che manchi anche un po’ di forza nel contrasto, avendo colori un po’ slavati che sono più evidenti che nei video di YouTube (che anche) nelle stesse icone del dash.

La riproduzione del colore manca qualcosa fuori, ma si sta andando ad essere in grado di configurare la tavolozza da software e, alla fine, si sta andando a guardare video e giocare video giochi comodamente sia per il colore (che senza essere ottimale, non è male) e per la risoluzione di 2.400 x 1.080 pixel .

Xiaomi ci parla di una luminosità di 400 nits tipico e 500 nits in modalità alta luminosità. L’abbiamo misurato, come al solito, e non è il pannello più luminoso o uniforme. Inoltre, dovrai sforzare un po’ gli occhi all’aperto durante il giorno.

Inoltre, il sensore automatico di luminosità non è molto preciso e, anche se è veloce, ci costringerà a regolare manualmente dal pannello delle impostazioni rapide.

Ora, ha qualcosa che mi è piaciuto, ed è un refresh di 90 Hz. Non che stiamo andando a giocare a 90 Hz a giochi potenti perché il SoC non permette con facilità, ma in applicazioni che supportano questo aggiornamento (quasi tutti i social network e applicazioni di vita quotidiana) è un miglioramento.

Il suono è mono e manca di forza nei medi e nei bassi . Non mi mancano due altoparlanti in questa gamma perché sarebbe irrealistico e credo anche che nessuno deve aspettarsi il suono meglio dimensionato, ma qualcosa che ha catturato la mia attenzione è che il volume massimo non è troppo alto.

È un altoparlante per togliersi di mezzo nei video di YouTube e nei videogiochi, ma ehi, almeno abbiamo il jack da 3,5 mm per migliorare, molto, questa sezione.

Tutti dentro per il 5G con una Dimensity 700 che si comporta bene, ma non sposa la MIUI

MediaTek si sta affermando come un produttore che, ora sì, è degno di fiducia sia dalle marche che, soprattutto, dagli utenti. Sono finiti i giorni in cui era il vecchio AMD di microprocessori mobili con prestazioni inferiori a Snapdragon e temperature e consumo molto superiore a quelli di chip Qualcomm.

L’Helio G95 (che esegue grande in terminali come il realme 8) o questi Dimensity che consentono 5G ad un prezzo accessibile sono chip che, infine, non siamo annoiati di provare. In questo caso abbiamo un SoC con un processore a otto core con due a 2,2 GHz e sei a 2 GHz, configurazione di 4 o 6 GB di RAM (la nostra è la 6 ed è quella che consigliamo) e la GPU è la Mali-G57 MC2.

POCO M3 Pro 5G realme 8 5G realme 8 realme 8 Pro Redmi Note 10 Pro realme 7 Oppo Reno 4Z Oppo reno 4 Pro Redmi Note 9T
Procesador Dimensity 700 Dimensity 700 MTK G95 SD 720G SD 732G MTK G95 Dimensity 800 SD 765 Dimensity 800U
AnTuTu 327.891 360.810 355.548 287.264 290.775 291.085 309.446 323.134 294.894
PC Mark 8.430 10.917 10.083 8.999 8.186 9.690 7.720 7.803 8.780
Geekbench 5 Single 562 572 535 568 537 518 598 601
Geekbench 5 Multi 1.764 1.775 1.717 1.707 1.678 2.161 1.765 1.794

L’archiviazione è UFS 2.2 e troviamo una velocità in linea con altri terminali con questo standard:

Prestazioni di memoria POCO M3 Pro 5G realme 8 5G realme 8 realme 8 Pro Redmi Note 10 Pro Redmi Note 9 Pro Poco X3
Escritura secuencial 349,74 MB/s 152,22 MB/s 157,31 MB/s 167,72 MB/s 209,29 MB/s 102,88 MB/s 200,24 MB/s
Lectura secuencial 631,81 MB/s 611,80 MB/s 457,41 MB/s 239,25 MB/s 415,19 MB/s 420,32 MB/s 495,76 MB/s
Escritura aleatoria 20,33 MB/s 24,12 MB/s 8,33 MB/s 14,78 MB/s 19,38 MB/s 19,29 MB/s 14,73 MB/s
Lectura aleatoria 21,70 MB/s 15,93 MB/s 13,17 MB/s 11,84 MB/s 17,25 MB/s 14,06 MB/s 19,03 MB/s
Velocidad de copia en memoriia 5,75 GB/s 6,14 GB/s 5,01 GB/s 4,89 GB/s 4,83 GB/s 4,75 GB/s 4,76 GB/s

I numeri sono molto buoni, ma ciò che conta è il giorno per giorno e qui abbiamo luci e ombre. All’interno delle applicazioni, e con il cellulare a 90 Hz, la verità è che le prestazioni sono sembrate adeguate.

Nel sistema è un’altra storia. Non abbiamo, ancora, la MIUI 12.5 e si presume che questi bug saranno risolti quando arriverà quella versione.

Ora ho MIUI 12.0.8 e ho già commentato che la luminosità automatica non funziona abbastanza bene, così come alcuni errori come non chiudere tutte le applicazioni quando vogliamo, scatti in Scopri, che la lentezza nello sblocco e qualcosa di curioso come in auto, il Bluetooth è disconnesso a caso.

È un po’ fastidioso in un viaggio di circa 15 minuti in cui normalmente si ha il tempo di ascoltare tre o quattro brani. E sì, è successo a me nel bel mezzo di una chiamata che stava usando gli altoparlanti dell’auto e il microfono.

E dico che le prestazioni sono corrette in app e giochi (a condizione che non chiediamo molto) e mi piace che c’è NFC in un cellulare così economico così come la caratteristica stella del 5G, ma torniamo a un Xiaomi in cui MIUI non è completamente ottimizzato.

Due giorni di utilizzo per quasi tutti gli utenti con 18 W di carica

Abbiamo già visto che lo schermo non è molto luminoso e la verità è che la Dimensity 700 si comporta bene in termini di consumo, quindi autonomia con questi 5.000 è garantito .

Sì, sono 1.000 mAh in meno rispetto al M3 di qualche mese fa, ma abbiamo anche uno schermo a 90 Hz, il 5G e migliori prestazioni complessive ad un prezzo molto simile, quindi penso che la concessione sia comprensibile.

Su base giornaliera ho ottenuto tra 7:30 e 8 ore di schermo con luminosità automatica , 5G, NFC abilitato, Spotify, reti, Bluetooth acceso, il gioco occasionale e che si traduce in una giornata di uso molto intenso senza un problema. Nel test sintetico ci lascia 9 ore 14 minuti ore di schermo con la luminosità al 100%, che non è affatto male.

Non credo che sia il pubblico di destinazione per questo terminale e penso che praticamente tutti gli utenti che scommettono su questo cellulare raggiungerà l giorno e mezzo / due giorni di utilizzo.

Il carico supportato è di 18 W, ma curiosamente Xiaomi include un caricatore da 22,5 W nella scatola. Avremo il 50% in 46 e il 100% in 110 minuti.

Tripla telecamera per compromesso

Ora, per il prezzo che stiamo pagando abbiamo componenti molto interessanti, ma dove dobbiamo tagliare per offrire il miglior prezzo possibile è nelle telecamere.

L’applicazione MIUI funziona bene e non ho avuto problemi di stabilità e risultati… beh, diciamo che non è il suo forte. Non è il miglior telefono per scattare foto e termina 200 euro peccato un po’ per avere telecamere che lasciano a desiderare.

Spendendo un po’ di più abbiamo molto interessante mobile , ma qui abbiamo un principale 64 Mpx con apertura f/1.8 e un sensore di mezzo pollice con un pixel di 0,8 micron. Abbiamo bisogno di abbastanza luce per ottenere risultati interessanti, ma anche se abbiamo quella buona luce, i colori mi sembrano un po’ slavati.

Non è qualcosa che mi dà fastidio perché mi piace modificare i colori in seguito, ma non è qualcosa che piace a tutti ed è qualcosa che capisco, ma non sono solo colori poco vivaci, ma alcuni elementi sottoesposti e sovraesposti in altre foto, e questo è un problema perché sarà più complicato recuperare quelle immagini.

Al chiuso e di notte c’è molto rumore, ma con la modalità notturna non sono così male, davvero.

Ora, le altre due fotocamere sono ciò che chiamiamo “filler”, in quanto è una fotocamera che calcola la profondità per i ritratti (e che non funziona perché la maggior parte del lavoro è fatto dal software) e l’altro è un macro, anche 2 Mpx f/2.4, che non offre risultati che ti fanno venire voglia di condividere.

Il selfi mi sembra corretto e abbiamo un sensore da 8 megapixel f/2.0 che pecca di scattare foto un po’ scure e con una modalità ritratto aggressiva, ma penso che si comporta molto correttamente per il suo prezzo.

E, per finire, abbiamo la sezione video con 1080p30 massimo . I colori sono un po’ più saturi, e va bene, ma abbiamo ancora 1.080p30 che, onestamente, non danno per troppo.

Come ho detto, non è un cellulare per fare foto e video. Potete trovare i diversi esempi di fotocamera senza compressione o perdita in questo link.

La scommessa sicura solo se avete bisogno di 5G sì o sì

Alla fine, il processo di analisi del POCO M3 Pro 5G mi ha lasciato più sensazioni positive che negative. È innegabile che è un terminale terribilmente semplice in alcuni aspetti come le telecamere, soprattutto le prestazioni a volte e la qualità del pannello IPS dello schermo.

Tuttavia, le prestazioni sembrano essere risolte con MIUI 12.5 e non sono sicuro, ma penso che torniamo ad avere il sensore di prossimità fisica perché non ho avuto alcun problema in questo senso, qualcosa che ho sofferto in tutti gli ultimi Xiaomi (anche nel Mi 11 Ultra), quindi buon punto per l’azienda.

Le prestazioni del telefono all’interno di applicazioni, schermo 90 Hz, design e autonomia mi è piaciuto e, aggiunto al 5G, non c’è azienda che, in questo momento, si ottiene più per meno se consideriamo che il terminale è venuto in un’offerta di lancio di 160 euro.

Che è già scaduto ed era per la versione 4 GB (che non consiglio affatto, meglio andare per il 6 GB) , ma è ancora un prezzo molto interessante se avete bisogno di un terminale 5G. Se il 5G non è necessario, meglio spendere un po ‘di più per avere qualcosa di qualità superiore come il realme 8 o nota 10S e nota 10 Pro Redmi.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.