Google avrebbe nascosto le impostazioni della privacy in Android, in modo da renderle difficili da trovare

0

Un’indagine in una causa contro Google porta alla luce pratiche immorali per impedire agli utenti di nascondere la loro posizione su Android. Al punto che persino i suoi stessi dirigenti non sapevano come funzionasse.

In questi giorni si sta tenendo in Arizona un processo sulle pratiche di raccolta dati privati di Google , promosso dal procuratore generale dello Stato.

Sotto la pressione delle organizzazioni che lottano per la privacy degli utenti contro le grandi aziende, il giudice ha reso pubblicialcuni documenti dell’indagine, secondo Business Insider.

Questi documenti portano alla luce presunte pratiche immorali di Google, come nascondere le opzioni di privacy nei menu profondi di Android, efare pressione su produttori come LG per fare lo stesso nei loro strati Android. In questi documenti, gli stessi dirigenti della privacy riconoscono che non erano chiari sul funzionamento di queste opzioni.

Secondo Business Insider, questi documenti mostrano come Google ha presumibilmente tracciato la posizione degli utenti non solo attraverso GPS, ma WiFi, e anche attraverso applicazioni di terze parti non affiliate a Google.

Spiega anche come ha continuato a tracciare gli utenti anche dopo aver spento alcune opzioni di tracciamento, e come ha nascosto le opzioni di privacy in menu profondi che erano difficili da accedere per la maggior parte degli utenti.

Presumibilmente Google ha anche fatto pressione su produttori come LG per fare lo stesso , e nascondere la personalizzazione della privacy in aree inaccessibili.

Google Home Mini

Google Home Mini

Il Home Mini è l’altoparlante più conveniente di Google, ed è ideale se hai già il Google Home e vuoi diffondere più altoparlanti intelligenti intorno alla tua casa. È perfetto per la cucina, il bagno o la camera da letto.

Jack Menzel, un ex vice presidente che supervisiona Google Maps, ha ammesso durante una deposizione che l’unico modo in cui Google non potrebbe capire la posizione di casa e lavoro di un utente è se quella persona ha intenzionalmente ingannato Google utilizzando dati falsi su dove vivono.

Jen Chai, un senior product manager di Google responsabile dei servizi di localizzazione, non sapeva come la complessa rete di impostazioni di privacy dell’azienda interagisse, secondo i documenti.

Mostrano anche come alcuni dipendenti si lamentavano che Apple “ha rubato il loro pranzo (vendite mobili)” non tenendo traccia delle posizioni degli utenti.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.