Motorola Moto G50, analisi e opinione

0

Per molti, il lancio di un nuovo telefono Motorola è sempre qualcosa di bello. Era una delle aziende leader qualche anno fa, di quelle che sorprendevano con diversi design in un momento in cui gli smartphone non esistevano e che, soprattutto, ha conquistato un posto in molti cuori grazie alla famiglia Moto G.

Il Moto G è stato uno dei miei primi smartphone e l’esperienza con quell’Android così pulito dopo essere venuto dall’originale Samsung Galaxy era incredibile e, poco a poco, stavano espandendo la famiglia con diversi terminali per generazione, anche se con l’arrivo di Xiaomi e altre aziende nella fascia media, sono caduti un po’ indietro.

Ora abbiamo un Moto G30, un Moto G50 e un Moto G100 di cui parleremo presto, e vediamo che, almeno nel G50, l’azienda è rimasta un po’ in quei bei tempi passati.

Hanno aggiornato i componenti e offre una performance che ci è piaciuto, ma ci sono alcuni dettagli da migliorare per la prossima generazione e vi diciamo la nostra opinione in questa recensione del Moto G50.

Moto G50
Display Pannello IPS 6.5″ | 90 Hz refresh rate | Risoluzione di 1.600 x 720 pixel | 269 pixel per pollice | 83,2% della parte anteriore è schermo | 20:9
Procesador Snapdragon 480G
Memoria RAM 4 GB
Almacenamiento 128 GB
Cámaras principales Principal de 48 Mpx f/1.7 | Macro di 5 Mpx f/2.4 | Profondità di 2 Mpx f/2.4
Fotocamera frontale 12 Mpx f/2.2
Batteria 5.000 mAh | Caricatore in scatola 10 W | Compatibile con 15 W di ricarica
Sistema operativo Android 11
Dimensioni e peso 164,9 x 74,9 x 9 mm | 192 grammi
Prezzo 249 euro su Amazon

Sezioni dell’analisi del Moto G50:

Finitura sorprendente e molto comodo in mano, ma con uno schermo singolare

Il design è uno dei punti che mi è piaciuto. Appena lo si toglie dalla scatola si ha la custodia in silicone trasparente che permette di vedere la finitura (blu scuro nel mio caso) ed è sempre apprezzato che ci sia una custodia nella scatola per lasciarlo così com’è o per metterlo mentre ne compriamo uno che meglio si adatta alla nostra personalità.

Il Moto G50 è costruito in plastica e Non ho trovato che sia una plastica particolarmente premium, potremmo dire che è nella media e ha una finitura lucida che rende la polvere e le impronte digitali sono impostate molto.

Sì, mi piace la finitura, i riflessi che si verifica sul retro e come ben integrato sia il modulo della fotocamera – che non sporge troppo – e il sensore di impronte digitali.

Ed è che, sì, abbiamo sensore sul retro, in quel logo Motorola ed è una situazione strana in un primo momento perché non siamo abituati a che (e così diciamo che ha piccole cose a poche generazioni fa), ma la verità è che funziona molto bene.

Visto che stiamo parlando di sblocco, quello che non funziona così bene è lo sblocco tramite foto, molto più erratico e ha bisogno di più luce della maggior parte dei telefoni che abbiamo testato con questo sistema 2D.

In mano, il Moto G50 è sembrato comodo nonostante le sue dimensioni e il peso di 192 grammi . Penso che il peso sia ben distribuito e i lati curvi sul retro consentono una presa con cui non ho lamentele.

Se ci spostiamo sul davanti, abbiamo tacca tipo goccia e cornici laterali che vengono sfruttati, ma un mento che abbiamo trovato abbastanza ampio. Lo schermo è di 6,5″ e qui cominciamo a vedere elementi che non capiamo troppo bene.

Abbiamo una risoluzione di 1.600 x 720 pixel, HD+ che ci lascia 269 pixel per pollice . Ci si abitua sì, ma i pixel si vedono perfettamente. La prima cosa che ho notato è stato il pulsante ‘Telefono’, dove ci sono dei denti di sega esagerati che non vediamo su un telefono FullHD+.

Se fosse il Moto G30, a 180 euro, si potrebbe capire, ma su un telefono che attualmente costa 250 euro, costa un po’ di più.

Abbiamo anche una frequenza di 90 Hz che è grande, sì, e tutto è molto fluido, ma avrei preferito più risoluzione e 60 Hz piuttosto che quei 90 Hz che, come ho detto, rendono questo strato molto speciale di Motorola molto fluido anche con 4 GB di RAM.

La sensibilità del pannello è buona, abbiamo tre profili di colore che possiamo selezionare e alcune opzioni software (come mantenere lo schermo acceso quando guardiamo o una schermata di blocco dinamico con alcuni collegamenti alle notifiche che certamente amo, ma questo pannello è costantemente dando una calce e una sabbia.

Un altro dettaglio è che la luminosità massima è solo 321 lux con una deviazione di 11 lux.

Si nota perfettamente che è più luminoso nella metà inferiore che in quella superiore e, inoltre, il contrasto e la luminosità calano molto quando non si guarda il pannello dal davanti. È un IPS, sì, ma in questo senso mi ricorda un monitor TN.

Giocando contenuti come YouTube o giochi non penso che i colori sono male, tutt’altro, e infatti il contrasto sembra corretto, ma non cambiare l’angolo perché l’esperienza peggiorerà.

Se andiamo al suono, abbiamo un singolo altoparlante che offre un volume notevole e manca di punch nei bassi, ma offre una buona esperienza per guardare video, giocare a un gioco e giocare a Spotify.

Se hai bisogno di qualcos’altro, puoi sempre ricorrere al jack da 3,5 mm.

Lo Snapdragon 480G sorprende mano nella mano con un Android 11 molto pulito

All’interno del dispositivo abbiamo un chip che promette di sorprenderci questo 2021. MediaTek ha avuto il monopolio dei chip con 5G per il mobile grazie a una Dimensity che ci piace abbastanza (sia la Dimensity 700 e 800), come offrono buone prestazioni, buon consumo e anche la capacità di connettersi alle reti 5G.

La risposta di Qualcomm è un chip SD 480G che può farci diffidare della famiglia 4XX a cui appartiene, ma che è davvero molto, molto solido in praticamente tutte le condizioni in cui abbiamo provato.

Si tratta di un SoC con Adreno 619 e una CPU a otto core con due core con clock a 2 GHz e sei core con clock a 1,8 GHz. In questo caso, abbiamo 4 GB di RAM che sì, ti avverto che cadere breve non appena abbiamo messo canna al telefono, tuttavia pulito è lo strato di Motorola su Android 11.

Prima di dirvi l’esperienza, lasciamo una tabella con alcuni dati per voi per individuare questo SoC:

Moto G50 Nokia X20 realme 8 5G realme 8 realme 8 Pro Redmi Nota 10 Pro realme 7 Oppo Reno 4Z Oppo reno 4 Pro
Processore SD 480G SD 480G Dimensity 700 MTK G95 SD 720G SD 732G MTK G95 Dimensity 800 SD 765
Geekbench 4 Single 2.336 2.314 2.705 2.581 2.647 2.551 2.525 2.844
Geekbench 4 Multi 6.494 6.455 7.001 6.821 6.902 7.612 8.696 7.237
Geekbench 5 Single 508 499 572 535 568 537 518 598
Geekbench 5 Multi 1.685 1.687 1.775 1.717 1.707 1.678 2.161 1.765
3D Mark 2.476 2.426 2.326 2.762 2.596 2.810 3.284
PC Mark 8.695 7.137 10.917 10.083 8.999 8.186 9.690 7.720 7.803

E la memoria è di 128 GB nella nostra unità con una buona velocità:

Rendimiento de memoria Moto G50 Nokia X20 realme 8 5G realme 8 realme 8 Pro Redmi Note 10 Pro Redmi Note 9 Pro Poco X3
Escritura secuencial 321,09 MB/s 326,77 MB/s 152,22 MB/s 157,31 MB/s 167,72 MB/s 209,29 MB/s 102,88 MB/s 200,24 MB/s
Lectura secuencial 435,78 MB/s 436,60 MB/s 611,80 MB/s 457,41 MB/s 239,25 MB/s 415,19 MB/s 420,32 MB/s 495,76 MB/s
Escritura aleatoria 19,38 MB/s 17,87 MB/s 24,12 MB/s 8,33 MB/s 14,78 MB/s 19,38 MB/s 19,29 MB/s 14,73 MB/s
Lectura aleatoria 18,60 MB/s 22,86 MB/s 15,93 MB/s 13,17 MB/s 11,84 MB/s 17,25 MB/s 14,06 MB/s 19,03 MB/s
Velocidad de copia en memoriia 5,64 GB/s 5,64 GB/s 6,14 GB/s 5,01 GB/s 4,89 GB/s 4,83 GB/s 4,75 GB/s 4,76 GB/s

Come potete vedere, sono buoni numeri e, naturalmente, questo Snapdragon occupa una posizione molto interessante, ma la cosa importante è il giorno per giorno e, anche se questo cellulare non è rotondo, la verità è che praticamente tutto ciò che riguarda il software mi è piaciuto molto.

L’esperienza è stata molto buona in tutti i tipi di compiti con la massima fluidità (grazie a quei 90 Hz in parte) e con applicazioni stabili in ogni momento con un’interfaccia Android 11 estremamente pulita che assomiglia molto al più puro Android, ma con alcune aggiunte Motorola che migliorano l’esperienza.

Uno di quelli che mi piace di più è la schermata di blocco dove abbiamo notifiche che possiamo vedere in anteprima se premiamo su di esse, qualcosa di molto utile per vedere un messaggio senza dover sbloccare il telefono ed entrare nell’app.

Non ho avuto, come ho detto, nessun tipo di esperienza negativa con il software, ed è qualcosa che apprezzo. Sì, anche se è più la colpa dell’hardware, la mancanza di RAM fa quando abbiamo molte applicazioni aperte il telefono è un po’ più pesante e dobbiamo andare a chiudere alcuni.

E se giochi, la SD 480G ci dà anche una buona risposta . Asphalt o Call of Duty vanno benissimo, così come, ovviamente, i giochi più leggeri, ma saremo anche in grado di eseguire Genshin Impact. Con le impostazioni di default non si comporta molto bene, ma se regoliamo i parametri otterremo un’esperienza molto buona.

Due giorni di utilizzo praticamente assicurato e caricabatterie nella scatola

In autonomia non c’è sorpresa, come siamo sempre più abituati al 5.000 mAh ed è quello che troviamo nel Moto G50. Con questa capacità, ho tra 8:30 e 9 ore di schermo con luminosità automatica e 90 Hz.

Questa è una grande cifra con il mio uso e permetterà a qualsiasi utente di raggiungere facilmente un giorno e mezzo o due giorni di autonomia. Naturalmente, questo è grazie sia alla capacità della batteria che al basso consumo della SD 480G, ma soprattutto “grazie” alla bassa luminosità dello schermo e alla risoluzione HD+.

Il carico massimo che supporta è di 15 W e il caricatore che viene fornito nella scatola è di 10 W. Raggiungeremo il 100% in quasi due ore, qualcosa che contrasta con i caricabatterie di 33 W e 65 W di altri produttori con telefoni cellulari allo stesso prezzo come questo Moto G50 che ci permette di 100% in meno di un’ora.

Tripla fotocamera che non è all’altezza

La storia con le telecamere è un altro. Prima di tutto, mi piace molto l’esperienza con l’app. Bisogna abituarsi, soprattutto nella sezione ‘più’ dove abbiamo diverse modalità, ma una volta che ci si abitua, è stabile, veloce e confortevole.

Il peccato è che i sensori non incoraggiano troppo a scattare foto. Quello principale ha 48 megapixel con apertura f/1.7 e un sensore da mezzo pollice.

Si tratta di un piccolo sensore che ha bisogno di molta luce per fare buone foto e, in questo senso, abbiamo un risultato molto simile al POCO M3 Pro 5G –analisi-, notevolmente più economico di questo Morotola.

Alcuni colori slavati, buona esposizione quasi sempre, ma in generale immagini un po’ piatte che, beh, potremo toccare nei programmi di editing per renderle più attraenti.

Di notte e in interni, la pellicola è un’altra. Il software fa un buon lavoro, ma si nota che la dimensione del sensore è quello che è e i risultati….conformi, lasciamo stare.

Questa principale è accompagnata da una macro da 5 megapixel, un sensore molto piccolo da 1/5″ che, sì, è una macro, ma non offre risultati che vorremmo condividere sulle reti o che risvegliano la nostra creatività

E il terzo sensore è il classico 2 megapixel f/2.4 che serve per la fotografia di ritratto. Sul davanti abbiamo un sensore da 13 megapixel f/2.2:

Per quanto riguarda il video, abbiamo la registrazione a 1080p massimo e una modalità a 30 fps stabilizzato con un altro a 60 fps in cui la stabilizzazione elettronica è rimosso.

Esempio di video a 60 fps:

E a 30 fps:

È chiaramente uno dei punti più deboli di questo Moto G50, in quanto non è un terminale che ci invita a scattare foto.

Tranne il processore, è un mid-range di qualche generazione fa

Raggiungiamo la fine dell’analisi del Motorola Moto G50 con un sentimento agrodolce. È un terminale che, nonostante il suo design un po’ datato con quel sensore di impronte digitali sul retro e quella tacca a goccia, mi è piaciuto perché è comodo in mano, ma quando lo abbiamo davanti a vedere i contenuti ci imbattiamo in un mento piuttosto largo.

Le telecamere non invitano a scattare foto e lo schermo non è all’altezza con la sua bassa luminosità, la sua perdita di contrasto non appena cambiamo l’angolo di visualizzazione e, soprattutto, dalla risoluzione HD +. í, ha 90 Hz e consuma pochissima batteria , ma ci sono esponenti molto meglio per gli stessi soldi (e per meno) con un elemento che non dovrebbe essere tagliato, come è fondamentale in uno smartphone.

Le prestazioni, l’autonomia e l’esperienza con Android, d’altra parte, sì mi è piaciuto molto e penso che, anche se non è all’altezza della concorrenza in potenza grezza e altre sezioni già discusse, se sei un utente che stai cercando stabilità, un livello di Android più puro possibile, autonomia e 5G, questo può essere un telefono per voi.

Se il 5G e lo strato Android più ‘stock’ è qualcosa che non ti interessa troppo, realme e Xiaomi hanno alcune alternative nella stessa fascia di prezzo.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.