Come abilitare i flag in Chrome per testare le funzioni beta

0

Grazie a Chrome Flags potremo sperimentare funzioni che non sono ufficialmente aperte in Chrome, ma che sono presenti. Questo è qualcosa di interessante se volete sapere cosa potrebbe venire in futuro nel browser di Google e provare voi stessi in anticipo. Vediamo come si fa.

Il fatto di poter attivare i diversi Flags in Chrome, ci permette di testare diverse funzioni sperimentali (beta) del browser di Google .

Alcune di queste funzioni, in futuro, diventeranno parte dello strumento, ma altre saranno rifiutate dagli ingegneri della grande G e spariranno dal software.

Questa è una pratica comune in Google con il suo browser, ma ciò che non è così comune è che gli utenti le inseriscono per testarle, poiché non è un’area molto comune se non sei una persona più o meno esperta in questo software.

Soprattutto perché entrare nei Flags è facile, ma trovare quelli che sarebbero interessanti da provare, non lo è tanto e la maggior parte degli utenti che sono entrati in questa parte di Chrome sono a tiro fisso e sanno quale vogliono aprire.

Cosa sono i Flags?

I Flags sono pagine interne del browser di Google che ci danno accesso a parti nascoste e sperimentali di questo, come vi abbiamo già detto.

Queste funzioni sperimentali sono lì come un modo per testare e raccogliere dati su come funzionerebbero, ma senza metterle esplicitamente lì. Come abbiamo già detto, molti di loro non saranno mai incorporati nella versione stabile di Chrome.

Se sappiamo come cercare, possiamo avere caratteristiche che non sono presenti nella versione normale, anche se dobbiamo avvertire che essendo sperimentale e beta, la sua affidabilità può essere abbastanza limitata e può generare problemi, soprattutto di stabilità.

Nei casi più gravi, i problemi potrebbero essere legati alla sicurezza o privacy dei dati, quindi non dovremmo entrare nei Flags se non sappiamo veramente dove stiamo entrando.

La grande maggioranza dei Flags sono condivisi tra diversi dispositivi, cioè, avremo praticamente gli stessi, indipendentemente dal fatto che siamo su un dispositivo Windows, Android o iOS.

Tuttavia, ce ne sono alcuni che sono specifici per ogni tipo di sistema operativo , quindi possiamo averne alcuni che saranno solo su ognuno. Cioè, possiamo usare un flag in Android che non è presente in Windows e viceversa.

L’uso di queste bandiere è molto più semplice di quanto si possa immaginare, dato che si può andare a vedere uno per uno come funzionano per vedere se è possibile lasciarli attivi per voi. In ognuno di essi c’è una piccola descrizione di ciò che serve, così avremo un’idea di ciò che stiamo attivando.

Prima di sapere come si attivano e funzionano i Flags, vi consigliamo che se non siete sicuri di quello che state facendo o non capite le funzioni che attivano è meglio lasciare tutto com’era, poiché da questa mancanza di conoscenza possiamo eseguire qualche azione che fa sì che Chrome non funzioni più come ha fatto finora.

Se vuoi ancora sperimentare con le Bandiere, ma non sei sicuro delle tue conoscenze puoi sempre scaricare la versione Canary di Chrome, che puoi usare per tutti questi esperimenti, in modo che quello che usi come browser ogni giorno rimanga intatto e fuori pericolo.

Flags: inserire e attivare

La verità è che il modo di inserire i Chrome Flags è così estremamente semplice che se non l’avete mai visto prima, sarete addirittura sorpresi.

Dobbiamo solo aprire il browser Google Chrome e poi scrivere quanto segue nella barra di ricerca: chrome://flags

Una volta apparsa la finestra delle bandiere, vedrete che siete già all’interno della parte sperimentale di Chrome. Naturalmente, tutto sarà in inglese, quindi se non siete particolarmente fluenti nella lingua di Shakespeare, potreste avere qualche problema, specialmente con le descrizioni.

Nella finestra vedrete un mucchio di Flags, ognuno con il suo nome e una breve descrizione di cosa fa e cosa cambia quando è operativo.

L’unica cosa che dobbiamo fare è andare a destra di quello che vogliamo e aprire il menu a discesa. Ci sono solo due opzioni e sono molto semplici. Da un lato, avete Enabled per attivare il Flag o Disabled per fare il contrario, cioè disattivarlo.

Quando si esegue qualsiasi modifica in un Flag si sarà costretti a riavviare Google Chrome per rendere effettive le modifiche che provoca tale attivazione, poiché se continuiamo senza spegnere il programma, la modifica non sarà operativa.

Per rendere più leggero il processo di ricerca di un particolare Flag, di cui già si conosce il nome, abbiamo in alto un motore di ricerca che è estremamente efficace. Proprio lì è dove dobbiamo scrivere il nome o un termine, in modo da poter poi vedere tutti gli esperimenti che hanno lo stesso nome o direttamente quello che stavamo cercando.

Questo è il modo più veloce per trovare una parte sperimentale che hai letto in qualsiasi web e vuoi sapere come funziona, per vedere come si comporta nel tuo browser. Una volta trovato, attivatelo, riavviate e tutto sarà pronto.

Possiamo anche usare la ricerca per disattivare un flag che non vogliamo più essere operativo. Cioè, li cerchiamo, li mettiamo Disabili, li riavviamo e non appaiono più.

Da qui la grande importanza del motore di ricerca in tutto ciò che ha a che fare con le bandiere, poiché è il modo più semplice per trovare quelle che vogliamo.

Ora che sapete cosa sono, come funzionano e come possiamo approfittare di loro, sicuramente siete curiosi di sapere quali sono le migliori bandiere per attivare in questo momento, qualcosa che vi diciamo in questo articolo.

Da ora in poi sarete in grado di sapere che parte sperimentale incorpora Google nel vostro browser Chrome e vedere se è qualcosa che funziona per voi o, tuttavia, è meglio rimanere dove è. Non avrete mai più dubbi su Chrome Flags.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.