Lettera dell'editore: il problema con i premi dei giochi

0

I giochi non sono mai stati così diversi, ma questo si riflette raramente nelle liste dei giochi dell’anno. Come mai?

È quel periodo dell’anno in cui ogni pubblicazione di giochi pubblica le sue liste migliori dell’anno e i Game Awards in cima al calendario incombono. Non è certo un fenomeno unico per i giochi; ogni sezione di cultura del grande giornale è impegnata a ricapitolare e classificare libri e programmi TV in questo momento (sebbene i premi siano diversi: l’industria cinematografica, per esempio, fila la sua stagione di premi laboriosa e intensamente politica fino all’anno successivo).

Personalmente, lo adoro. Mi diverto in modo superficiale l’argomento, la speculazione e il posizionamento che accompagnano la classificazione delle cose e la selezione dei vincitori, per quanto spuri possano essere i criteri e i confronti – certo che lo faccio, sono solo umano. Ma quello che amo davvero è il processo più importante e utile che sta dietro: fare il punto, unire i puntini, trovare le tendenze, celebrare la grande abilità artistica. Mettere in pausa la marcia incessante verso la prossima cosa per prendersi un momento per godersi ciò che abbiamo avuto.

Leggi di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.