A cosa abbiamo giocato

0

Alcuni dei giochi che ci hanno appassionato al momento.

3 dicembre 2021

Ciao! Bentornati alla nostra rubrica regolare in cui scriviamo un po’ di alcuni dei giochi a cui ci siamo trovati a giocare negli ultimi giorni. Questa volta: mondi alieni, strane rovine e un vero classico.

Se hai voglia di recuperare alcune delle vecchie edizioni di What We’ve Been Playing, ecco il nostro archivio.

Exo One, Xbox Series S (Game Pass)

Il trailer della data di uscita di Exo One

Non so se lo fai mai, ma a volte quando prendo in mano un gioco, di solito per la prima volta, tutto ciò che voglio fare è muovermi. Non mi interessano le missioni o gli obiettivi o cose del genere, voglio solo vederlo e sentirlo in movimento. E raramente un gioco è stato così direttamente mirato a me di Exo One.

Il gioco è movimento, è tutto ciò che fai veramente. Sei un pezzo di tecnologia aliena (credo) in grado di rotolare come una palla e poi appiattirsi in una forma di frittella e scivolare nel cielo. Quando premi il grilletto destro, tiri sulla gravità e puoi precipitare giù per le colline per prendere slancio. Quando premi il grilletto destro, ti alzi in aria e plani. Questo è tutto ciò che sai.

Questo è tutto ciò che devi sapere. Il tuo senso del gioco fa il resto. Quanto velocemente puoi far andare questo mestiere? Quanto in alto puoi farlo andare? Con quanta fluidità puoi farlo volare senza tempi morti di caduta? Questo è tutto ciò di cui ti preoccuperai per cominciare. È solo dopo un po’ di tempo che inizierai a chiederti dove sei (Giove?) e cosa stai effettivamente facendo, e il gioco fornisce indizi su questo più o meno nello stesso momento.

È così liberatorio essere in grado di iniziare un gioco come questo, ed essere in grado di andare così veloce, senza doversi preoccupare dei punti interrogativi. Solo per essere, solo per giocare, solo per muoversi. È quasi ipnotizzante. In realtà è un po’ un peccato quando inizia ad emergere una sorta di struttura di gioco.

Bertie

Hyper Light Drifter, Switch

Il trailer di Hyper Light Drifter

Solar Ash è un gioco molto diverso da Hyper Light Drifter, ma una settimana con l’ultimo di Heart Machine mi ha rimandato al debutto della squadra solo per avere un aggiornamento su com’è effettivamente. Ed è meraviglioso, ovviamente, un sogno in pixel art: antiche rovine, strana tecnologia, delicata fauna selvatica e un eroe che assomiglia un po’ a un gufo.

È uno di quei giochi magici in cui il mondo racconta tanto quanto ci passi attraverso. Non in modi pesanti, con e-mail da leggere e registri vocali e tutto quel jazz. Proprio nei piccoli dettagli. Un’area segreta avrà uno scheletro accasciato in un angolo. Un complesso sotterraneo avrà stanze il cui scopo preciso è un piacere chiedersi.

E il combattimento è un sogno. In Solar Ash, il combattimento è davvero lì per darti qualcosa in più a cui pensare mentre ti muovi: è un elemento di movimento, quasi, come parte di una routine di danza. In Hyper Light Drifter puoi metterti nei guai se non controlli lo spazio intorno a te e il tuo arsenale si lega insieme in modi semplici e soddisfacenti: la mischia ricarica la tua arma a distanza, la tua arma a distanza ti dà un po’ di spazio e un po’ di tempo.

È un piacere tornare e vedere che prima che Heart Machine padroneggiasse lo spazio 3D, il team ha fatto un ottimo lavoro con lo spazio 2D. Incredibile.

Donlan

G-Dario

Quanto tempo ci vuole per capire davvero un gioco? Ho avuto G-Darius seduto sul mio Switch sin dalla sua uscita sull’eShop giapponese alcuni mesi fa, tornando a questa versione poligonale della maestosa serie shmup di Taito a singhiozzo prima di andare a dormire nell’ultimo anno. È una cosa curiosa, con idee raccolte generosamente dai giochi di Darius del passato ma presentate in una nuova estetica, e devo ammettere che mi ha lasciato indifferente per un po’ – non è così veloce da farti innamorare come il brillante Darius Gaiden, e la sua colonna sonora non ha lo stesso aspetto inquietante.

Eppure! Dopo mesi e innumerevoli sessioni brevi con G-Darius, sto davvero iniziando ad amarlo: la sua energia e l’abbondanza di idee lo fanno sembrare come Gradius 5 di questa serie, un grande che potrebbe rivelarsi il mio preferito Dario gioco. È una cosa divertente: sarei stato felice di voltare le spalle a G-Darius dopo il primo playthrough, ma dopo tutti questi mesi è molto probabile che sia diventato uno dei miei giochi preferiti dell’anno.

Martin

Sosterrai Eurogamer?

Vogliamo rendere Eurogamer migliore, e questo significa migliore per i nostri lettori, non per gli algoritmi. Puoi aiutare! Diventa un sostenitore di Eurogamer e potrai visualizzare il sito completamente senza pubblicità, oltre ad avere accesso esclusivo ad articoli, podcast e conversazioni che ti avvicineranno alla squadra, alle storie e ai giochi che tutti amiamo. Gli abbonamenti partono da £ 3,99 / $ 4,99 al mese.

Sostienici

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.