Huawei ha un nuovo piano per schivare le sanzioni americane.

0

I rapporti dei media sostengono che con questa soluzione Huawei potrebbe ottenere l’accesso a componenti critici che le è proibito ottenere da sola, come i processori e altre parti chiave degli smartphone.

Da quando l’amministrazione Trump ha messo un freno a Huawei, al gigante cinese è stato vietato di fare telefoni e tablet con prodotti e software americani. E questo li ha fortemente limitati .

Per combattere questo problema, Huawei ha fatto di tutto, come vendere Honor a un consorzio in modo che il marchio potesse tornare sul mercato e quindi ottenere un buon taglio finanziario lungo la strada.

Ora, secondo Bloomberg, Huawei ha un nuovo piano in atto per aggirare parte del divieto dell’amministrazione USA: dare in licenza i suoi design di smartphone a produttori terzi.

Bloomberg sostiene che con questa soluzione Huawei potrebbe ottenere l’accesso a componenti critici che è vietato ottenere se stesso, come i processori e altre parti chiave di smartphone (il sistema operativo stesso, per esempio)

La terza parte in questione sarebbe la statale China Postal and Telecommunications Appliances Co. che vende già telefoni come il Huawei Nova 9, che per inciso è quasi identico all’Honor 50, il primo telefono Google-powered che Honor sta commercializzando fuori dalla Cina dopo il divieto.

Huawei e PTAC avrebbero approfondito il loro rapporto per consentire la vendita di telefoni a marchio proprio basati sui progetti hardware su licenza di Huawei.

Dato che il business consumer di Huawei è quasi mortalmente ferito dopo le ultime sanzioni, la mossa potrebbe essere l’unica opzione per l’azienda di rimanere rilevante , mantenendo la sua importante unità di ricerca e sviluppo mobile.

Huawei vede questa soluzione come un’ancora di salvezza prima di dover chiudere le sue divisioni smartphone e tablet, un business che era leader due anni fa e dove ora hanno a malapena una presenza.

Análisis Huawei Mate 40 Pro

Huawei Mate 40 Pro

Cellulare Huawei con connettività 5G e processore Kirin 9000, accompagnato da 8 GB di RAM e 256 GB di memoria. Uno dei migliori dispositivi del produttore ad un prezzo imbattibile.

In effetti, Huawei si aspetta che i partenariati potrebbero far risalire le sue vendite, con più di 30 milioni di unità che dovrebbero essere vendute l’anno prossimo.

Tuttavia, né Huawei né i suoi partner hanno fatto alcun commento ufficiale, quindi resta da vedere se l’affare va effettivamente in porto.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.