DF Direct Weekly parla delle patch definitive di GTA e delle perdite di hardware del CES

0

Inoltre: il mistero del lancio stealth di RTX 2060 da 12 GB.

Di fronte a un accumulo di contenuti la prossima settimana, DF Direct Weekly sarà reso pubblico un giorno prima – con me e Alex Battaglia uniti da nientemeno che il ragazzo di hardware e affari Will Judd per discutere le ultime notizie di gioco e tecnologia. E questo inizia con i nostri pensieri e piani per la prossima copertura di Halo Infinite. Un gioco che ha iniziato lo sviluppo prima di Xbox One X e viene lanciato un anno dopo l’arrivo di Xbox Series X è un argomento importante e nel nostro spettacolo di questa settimana, discutiamo di come scomporremo questo, con vari contenuti tra cui un completo recensione tecnica, un approfondimento sull’attenzione al PC e, naturalmente, confronti multipiattaforma per console. Entrando in questo, il fascino è sempre stato su come un gioco progettato per mostrare l’hardware della serie Xbox apparirà su Xbox One e se l’ambizioso mondo aperto è persino possibile. Può 343 eguagliare la scalabilità mostrata in Forza Horizon 5? Non vediamo l’ora di condividere i nostri risultati.

È stato fantastico anche avere il quinto Beatle di DF – Will Judd – nello show questa settimana! Novembre rappresenta l’apice della frenesia dell’acquisto delle festività natalizie e la nostra filosofia non è stata solo quella di concludere ogni affare che emerge, ma piuttosto di curare il meglio del meglio, le cose che considereremmo di acquistare noi stessi. Will ci aggiorna su questa gigantesca impresa e il team condivide i suoi acquisti di BF, che sostanzialmente non equivale a nulla da Alex, colossali dischi rigidi per l’archiviazione dei dati per me e una macchina da caffè di fascia alta per Will!

Approfondendo le notizie, sembra che ci siano segni di miglioramento nelle diffamato GTA Trilogy Definitive Editions attraverso una serie di patch per i tre giochi che sembrano correggere molti dei problemi più eclatanti, ma al di là della questione di come quelli i giochi sono riusciti a essere spediti in quello stato, la grande domanda è ancora se l’approccio adottato dagli sviluppatori fosse la strada giusta da percorrere. L’estetica di base dei giochi originali è andata persa, mentre alcuni dei problemi originali – come il bavaglio visivo della ciambella Tuff Nut low poly che è stato rovinato – sembrano suggerire che gli sviluppatori non capiscono il gioco o la sua essenza principale. Il Tuff Nut è ora tornato al suo low poly best, orribili errori di battitura in varie trame sono stati corretti e la pioggia non si manifesta più all’interno (!) semplicemente non sembra funzionare.

È il Digital Foundry Direct Weekly #40, con Rich Leadbetter, Alex Battaglia e Will Judd ai microfoni, che perpetrano questo .

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.