Untamed Isles è una storia cautelativa sullo sviluppo di giochi finanziati da investitori in criptovalute

0

Untamed Isles, un MMORPG simile a Pokémon con elementi di gioco “opzionali”, è stato messo in pausa a tempo indeterminato.

Il gioco aveva una data di uscita Early Access fissata per il 6 ottobre, ma non sarà più così.

“Sono successe molte cose nelle ultime 72 ore. È stata una corsa sfrenata”, così Joshua Grant, CEO di Phat Loot Studios, ha aperto il suo stream su Twitch il 12 agosto. Lo stream si è tenuto per rispondere alla dichiarazione appena pubblicata da Phat Loot, in cui veniva annunciata la sospensione di Untamed Isles, e per rispondere alle domande della comunità.

Teaser trailer di Untamed Isles, pubblicato il 18 luglio.

Lo sviluppo di Untamed Isles è iniziato più di due anni fa presso la società indie neozelandese Phat Loot Studios. All’epoca, Grant definiva il gioco e il suo studio “il suo sogno”, e quest’ultimo è cresciuto enormemente per lavorare su Untamed Isles. Sono state assunte più di 70 persone, che saranno tutte licenziate tra meno di due settimane.

Il progetto ha raccolto 841.000 dollari neozelandesi (circa 420.000 sterline) attraverso Kickstarter, più di quattro volte l’obiettivo iniziale di 200.000 dollari neozelandesi. Nonostante la raccolta di quasi 1 milione di dollari da parte dei finanziatori, questo dato scalfisce appena la superficie dei costi e degli investimenti che Untamed Isles ha sostenuto durante lo sviluppo.

Uno dei problemi che ha portato allo stato attuale di Untamed Isles è la sua portata e i suoi costi sempre più elevati, ha dichiarato Grant, che ha affermato che i salari settimanali del team si aggirano intorno ai 100.000 dollari neozelandesi (50.000 sterline) a settimana. Il denaro ottenuto attraverso il Kickstarter ha coperto circa due mesi di stipendi per il team che lavora a Untamed Isles. Grant ha ammesso che l’ammontare dei fondi necessari è stato “enormemente sottovalutato”.

Guardando le pagine di Steam e di Kickstarter, è difficile credere che il primo titolo di un piccolo sviluppatore indie sarebbe stato un enorme MMORPG open-world con “1,5 milioni di combinazioni possibili” di animali da addomesticare, PvP, meccaniche di riproduzione, dungeon e incursioni, un sistema meteorologico dinamico e nuove isole che appaiono costantemente, e una serie di libri fisici. Man mano che il Kickstarter raggiungeva un numero sempre maggiore di stretch goal, dovevano essere aggiunte sempre più funzioni promesse, il che significava più tempo e più denaro necessario per pagare il personale.

Untamed Isles Kickstart stretch goals
La tabella di marcia per gli stretch goal pubblicata su Kickstarter di Untamed Isles.

Lo sviluppo di Untamed Isles non avrebbe potuto essere finanziato solo su Kickstarter. Grant ha dichiarato che lui, insieme agli azionisti e al consiglio di amministrazione di Phat Loot, ha finanziato personalmente la società per tenerla a galla, senza che nessuno di loro prendesse uno stipendio.

Per il resto, i finanziamenti del gioco provengono da investitori in criptovalute, il che rappresenta ora il principale ostacolo all’uscita del gioco. Untamed Isles è intrinsecamente legato alle criptovalute e alla blockchain, il che ha attratto molti investitori di criptovalute nel progetto. Tuttavia, con il recente crollo delle criptovalute, i nuovi investitori in criptovalute che ci si aspettava aggiungessero altri fondi si sono invece ritirati. Al momento, la società non ha fondi per mantenere le luci accese, per questo motivo lo sviluppo di Untamed Isles è in pausa fino a quando gli investitori di criptovalute non avranno maggiore fiducia nel mercato.

Grant ha ribadito nel corso del suo streaming che lo sviluppo di Untamed Isles riprenderà e il gioco sarà lanciato al “momento giusto”, quando il mercato delle criptovalute sarà in una situazione migliore. Quando questo avverrà esattamente, nessuno lo sa.

A prima vista, non è chiaro se il gioco abbia a che fare con la tecnologia blockchain. La prima menzione degli elementi di gioco su Kickstarter si trova a circa 3/5 della descrizione della campagna. È facile non accorgersene o saltarla perché c’è molto da scorrere prima di raggiungerla, e non è visibile nemmeno se si va in fondo alla pagina.

Nell’elenco di Steam non c’è alcun riferimento al play-to-earn o alla blockchain, nascondendo il fatto che il gioco sembra aver violato il severo divieto di Valve sulla blockchain. Alla regola 13 dei contenuti che non possono essere pubblicati su Steam si legge quanto segue: “Applicazioni costruite sulla tecnologia blockchain che emettono o consentono lo scambio di criptovalute o NFT”.

Il Kickstarter di Untamed Isles afferma che il progetto è “prima di tutto un gioco, poi una criptovaluta” e dichiara che gli aspetti blockchain non sono necessari per giocare. Nonostante ciò, è innegabile che il play-to-earn sia destinato a essere una parte fondamentale del gioco, dato che, nel suo livestream, Grant ha dichiarato che la sua visione è quella di un “mercato funzionante dal vivo che permetta ai giocatori di scambiare e godere dei loro asset tra loro, per consentire loro di fare soldi mentre giocano o di acquistare le cose che desiderano con la valuta del mondo reale”. (Le risorse in questione sono le versioni tokenizzate delle creature dei giocatori).

Grant sembra anche appassionato dell’uso della blockchain. “Non ho rimpianti per essere entrato nella parte crittografica”, ha aggiunto nel suo stream, “perché l’opportunità c’era”. Grant ha dichiarato di credere che l’integrazione delle criptovalute in Untamed Isles avrebbe aggiunto valore alla comunità del gioco e al gioco nel suo complesso.

Molti membri della comunità del gioco dicono di sentirsi truffati e ingannati. Sebbene pensassero di impegnare i loro soldi in un tributo a Pokémon per PC o in un rivale di TemTem, dicono di non aver capito che il gioco avrebbe incorporato il play-to-earn o che gli investimenti in criptovalute sarebbero stati un’enorme fonte di finanziamento per Untamed Isles.

Phat Loot ha rilasciato un’altra dichiarazione poco fa in cui ribadisce di non aver investito in criptovalute i fondi ricevuti per lo sviluppo del gioco e che “tutti i fondi raccolti attraverso il crowdfunding e gli investimenti tradizionali” sono stati destinati ai costi di sviluppo. Secondo i dipendenti di Untamed Isles sul server Discord ufficiale del gioco, “la maggior parte” dei fondi utilizzati per costruire il gioco sono stati acquisiti tramite investimenti tradizionali.

A prescindere da ciò, i fan sostengono che Phat Loot stia comunque investendo nella tecnologia blockchain come settore, sviluppando un gioco basato sull’idea di scambiare e vendere versioni tokenizzate di mostri addomesticabili.

Quando un telespettatore ha chiesto se fosse possibile rimuovere gli elementi blockchain del gioco, Grant ha dichiarato di non essere disposto a farlo, perché sarebbe ingiusto nei confronti degli investitori di criptovalute che hanno già finanziato il progetto. Fin dall’inizio di Untamed Isles, il commercio di criptovalute è sempre stato inteso come una meccanica, ha continuato Grant, e la rimozione completa della blockchain significherebbe la fine del progetto. “Sarei seduto qui a dirvi che è finita”, ha concluso.

Grant ha anche criticato l’impressione che la gente ha avuto dell’uso della blockchain nel gioco, citando la stampa negativa che ha ricevuto dalla stampa tradizionale come uno dei motivi per cui la parte del gioco che prevede il guadagno ha ricevuto il contraccolpo della comunità.

Grant non ha riconosciuto come Phat Loot non fosse chiaro nelle sue intenzioni sulla blockchain.

A prescindere da ciò, alcune parti della comunità del progetto semplicemente non vogliono impegnarsi con un gioco che abbraccia la blockchain, sia perché si rendono conto delle preoccupazioni generali sulla redditività a lungo termine delle criptovalute, sia perché non sono d’accordo con il loro impatto ambientale.

Stix, uno YouTuber che gestisce il canale MMOByte, ha avuto questo preciso problema con il gioco. Consigliato da alcuni spettatori, Stix ha pubblicato un video di elogio del gioco il 20 luglio. Il giorno successivo, ha pubblicato un aggiornamento per scusarsi per aver inconsapevolmente coperto un gioco che conteneva elementi di criptovaluta da giocare, cosa che ha dichiarato di essere fortemente contrario. Stix ha anche sottolineato di ritenere che Phat Loot non sia stata sincera riguardo all’inclusione della tecnologia blockchain in Untamed Isles e che, se se ne fosse reso conto, non avrebbe mai coperto il gioco.

Nel suo stream su Twitch, Grant ha incolpato il video di scuse di MMOByte come il punto di partenza della perdita di supporto pubblico del progetto. In seguito, Grant ha dichiarato che “praticamente tutte le altre principali società di stampa videoludica si sono ritirate dal volerci seguire”.

Untamed Isles ha perso anche la trazione che aveva ottenuto con gli influencer. Phat Loot aveva assunto Wolfe Glick, meglio conosciuto come Wolfey, un ex campione del mondo di Pokémon, per “aiutare a supervisionare e progettare” il sistema di combattimento del gioco. Grazie alla rete di Wolfey, l’azienda era riuscita a coinvolgere affiliati e influencer, che però si sono ritirati. Grant ha attribuito la colpa dell’esodo a un tweet di Wolfey. Si pensa che si riferisse al tweet qui sotto, in cui Wolfey afferma che il gioco originariamente avrebbe avuto le NFT, ma che i piani sono stati abbandonati.

In origine il gioco intendeva implementare le NFT, ma dopo che ho parlato con il team (e con alcuni fattori esterni) hanno deciso di allontanarsene. Non ci sono criptovalute o NFT implementate nel gioco stesso – l’unico residuo è un mercato esterno (opzionale)

– Wolfey (@WolfeyGlick) 5 agosto 2022

Con la mancanza di copertura da parte della stampa e di dati di vendita solidi, Phat Loot afferma che non è il momento di rilasciare il gioco, e che così facendo si correrebbe solo il rischio di incorrere in costi ancora maggiori per l’hosting dei server e per un team di supporto, senza alcuna garanzia di guadagno.

Grant ha dichiarato che il gioco ha avuto 50 prevendite, mentre la società sperava di averne tra le due e le tremila. Con il rinvio dell’uscita dell’Early Access, tutte le prevendite e i gettoni Phat Loot (la blockchain dell’azienda) sono stati rimborsati.

I finanziatori su Kickstarter, invece, non riceveranno alcun rimborso. Grant ha dichiarato che al momento la società non può permettersi di rimborsare i finanziatori perché non ha i soldi. I finanziatori sono furiosi, avendo pagato per lo sviluppo di un gioco che ora è in un limbo indefinito. Ai finanziatori era stata inizialmente promessa una data di uscita per il dicembre 2021 e Grant aveva ammesso che le lamentele per i continui ritardi erano giuste. Ora, i finanziatori non sanno se riceveranno mai il gioco per cui hanno pagato, 10 dei quali hanno versato fino a 12.000 dollari neozelandesi.

Molti finanziatori ritengono che la dichiarazione di Phat Loot sia priva di tono. Alcuni dicono di aver apprezzato la trasparenza di Grant sulla situazione, ma la maggior parte è arrabbiata per aver scoperto che i loro soldi sono stati usati per creare un sistema con cui non sono d’accordo senza rendersene conto, e che un gioco promesso loro mezzo anno fa non è più in programma.

Phat Loot dice che ora aspetterà che il mercato delle criptovalute si stabilizzi in modo che i suoi investitori possano tornare e iniettare i fondi di cui lo sviluppatore dice di avere ancora bisogno per portare a termine il gioco.

Parlando alla fine del suo livestream, Grant è rimasto fermamente contrario a rimborsare i finanziatori e a rilasciare il gioco così com’era. Infine, ha promesso di fare tutto ciò che è in suo potere per garantire che il gioco venga rilasciato. “Abbiate fiducia in me, abbiate fiducia nel progetto”, ha chiesto.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.