Sonic Colors Ultimate: Switch è un problema, ma per quanto riguarda PlayStation e Xbox?

0

I titoli dei giornali si sono concentrati sui problemi che circondano la versione Switch di Sonic Colors Ultimate – e diciamolo chiaramente, ci sono dei problemi – ma noi voleva dare un’occhiata al remaster da una prospettiva più globale. Dopotutto, il gioco è giocabile su tre diverse PlayStation e su un totale di quattro sistemi Xbox, quindi come si comporta complessivamente il gioco? il lavoro di rimasterizzazione è di qualità decente? Queste sono tutte domande a cui vale la pena rispondere perché fondamentalmente, l’originale Sonic Colors era un eccellente titolo Wii ed è un gioco che vale la pena migliorare e modernizzare per i sistemi di oggi.

Rilasciato nel novembre 2010, Sonic Colors si basa in modo spettacolare sulle fondamenta formate da Sonic Unleashed: le fasi passano senza interruzioni tra le sezioni 3D complete e le sezioni a scorrimento laterale 2D mentre giochi. Sonic ha un blocco, un pulsante boost e uno scivolo, tra le altre cose. Può sembrare un po’ opprimente a prima vista, ma una volta che ti sei abituato ai controlli e al design dei livelli, inizia a fluire magnificamente. Mentre inchiodi pad di potenziamento, trampolini e rimbalzi sui nemici in rapida successione, è molto soddisfacente. È questo ritmo che definisce i giochi boost di Sonic: è diverso dal classico Sonic ma ottieni lo stesso ronzio mantenendo una corsa pulita. Questo è anche completato da una fantastica colonna sonora con una vasta gamma di compositori che contribuiscono alla sua produzione.

C’è molto spazio per la rimasterizzazione per migliorare l’esperienza: il frame-rate era limitato a 30 fps ed essendo un gioco Wii, la qualità dell’immagine era limitata a 480p – la fotocamera spesso ingrandisce per mostrare lo scenario e su Wii, questo rende difficile persino tracciare la posizione di Sonic a volte a causa della bassa risoluzione. Quando accendi il remaster per la prima volta, ti viene presentato un logo che strombazza l’uso del Blind Squirrel Engine, ma cosa significa? Bene, secondo

‘Skyth’, che ha scavato un po’ nei file di gioco , utilizza ancora il codice C++ originale e il motore Hedgehog ma il backend grafico è gestito dal motore Godot. Godot è completamente gratuito e open-source sotto la licenza molto permissiva del MIT.

Sonic Colors è un gioco che vale la pena rimasterizzare, ma come si comporta il gioco attraverso lo spettro delle console disponibili? E la qualità del lavoro di rimasterizzazione?

È un configurazione strana, ma ciò che è chiaro è che Blind Squirrel è tornato indietro e ha rifatto molte risorse, con trame e modelli migliorati in modi evidenti. Il gioco sembra nel complesso migliore, credo, ma ci sono anche alcuni problemi. Il video copre tutto questo in modo approfondito, ma fondamentalmente i miglioramenti grafici sono decenti: la qualità delle texture è migliorata, l’illuminazione è radicalmente migliorata, la geometria è anche più ricca in alcune aree. Il fatto che vengano aggiornate così tante maglie è un indicatore diretto della quantità di lavoro che è stata dedicata a questa produzione. Chiaramente è stato progettato per mantenere l’aspetto, nella tua memoria, di come appare l’originale mentre ripulisci alcuni degli spigoli. Anche la musica è stata rinnovata, ma se ti piacciono le nuove tracce, tutto dipende dal tuo apprezzamento per l’originale: reggono ancora molto bene.

I filmati dell’originale sono problematici per il remaster . Solo gli originali a bassa risoluzione sembrano esistere per gli sviluppatori, quindi sembra che l’upscaling dell’IA sia implementato su quelle risorse per aumentare la risoluzione per il remaster, con un diverso livello di successo. Il problema principale qui è che l’aspetto fondamentale dei livelli è cambiato sostanzialmente rispetto all’originale Wii, portando a una disconnessione tra i filmati e i contenuti di gioco rimasterizzati.

Allora, che ne dici della qualità di ogni singola versione di Sonic Colors Ultimate? Almeno, in termini di qualità dell’immagine e numero di pixel, è piuttosto semplice. Su PS4 Pro e PS5, il gioco esegue il rendering a 1440p mentre la PS4 base è invece a 1080p. Il gioco non supporta nativamente PlayStation 5, va notato, né offre effetti visivi 4K come suggeriscono i materiali pre-release. Su Xbox, le cose sono migliorate sulle console di fascia alta: su Series X e One X, il gioco viene effettivamente renderizzato a 4K nativo e sembra super nitido. La serie X in particolare offre la presentazione più bella in quanto applica anche il filtro anisotropico 16x alla grafica. L’Xbox One base, tuttavia, è a 900p, ma almeno la Serie S offre 1080p.

Switch, tuttavia, è una storia diversa. In modalità docked ottieni 900p mentre il portatile è solo 600p, ma Switch offre molto di più di una risoluzione inferiore. Gli asset di gioco sono di qualità inferiore, un po’ deludenti considerando il taglio alla risoluzione e al frame-rate. Sembra a posto, suppongo, ma non proprio quello che avrei sperato. Sfortunatamente, non è qui che finiscono i guai: dobbiamo menzionare i bug, ma è un po’ complicato. La scorsa settimana, sono iniziati ad apparire dei rapporti che suggerivano che il gioco avesse alcuni seri problemi visivi, specialmente su Switch. Durante il mio tempo di gioco, ho riscontrato cose minori qua e là: sfarfallio, pop-in e problemi di erba oltre a bug come questo in cui Sonic veniva buttato fuori dal palco. Tuttavia, altri utenti hanno riscontrato problemi più eclatanti: le acque si sono confuse a causa del filmato di emulazione condiviso come rappresentativo dei problemi del gioco. In generale, la mia esperienza è stata per lo più molto positiva su PS5 e Series X e ho riscontrato pochi bug, ma uno sguardo a vari video là fuori suggerisce che il tuo chilometraggio può variare.

Prestazioni- saggiamente, la storia qui è relativamente semplice. Le console Xbox e PlayStation eseguono il gioco a 60 frame al secondo mentre Switch ne mira solo a 30, ma come regge davvero? PlayStation 5, Xbox Series X e Xbox Series S eseguono il gioco in modo impeccabile a 60 fps. È veloce e fluido in tutto. Onestamente, questo non dovrebbe essere una sorpresa. Tuttavia, su PS4 Pro e PS4, ho notato piccoli intoppi e salti mentre ti muovi attraverso il palco, il che può essere sconcertante e non dovrebbe essere lì. La storia su Xbox è la stessa: Xbox Series X e Series S si alimentano senza problemi con un caricamento super veloce e un frame rate perfetto. Tuttavia, le cose sono piuttosto disastrose su Xbox One X. In tutto, ho riscontrato balbuzie e intoppi ancora più gravi che interrompono davvero il flusso del gioco. Non credo che questo sia affatto ottimale e debba essere corretto, e lo stesso si può dire della vaniglia Xbox One.

Il punto è che le nuove console hanno abbastanza sovraccarico per risolvere eventuali problemi, ma le macchine di ultima generazione in realtà non dovrebbero presentare tali problemi per cominciare. Ha sicuramente bisogno di un po’ di lavoro sia in termini di tempi di caricamento, che sono stranamente lenti, sia in termini di fluidità generale. Switch raggiunge l’obiettivo dei 30 fps, ma ci sono dei singhiozzi ovunque e i tempi di caricamento sono troppo lunghi per un gioco come questo – seriamente, sono più lunghi della versione Wii che gira da un vero disco ottico. Non è proprio accettabile.

In definitiva, gli effettivi sforzi di rimasterizzazione sono piuttosto buoni e l’aumento a 60fps è il benvenuto, ma ci sono una serie di singhiozzi tecnici, bug e problemi con versioni specifiche che gli utenti dovrebbero essere consapevoli. Se hai intenzione di giocare su una nuova Xbox o una PS5, te lo consiglio vivamente: Sonic Colors è ancora molto divertente e funziona ancora meglio ora, ma se stai usando una macchina di ultima generazione o, soprattutto , lo Switch (che è di gran lunga la versione meno raffinata) potresti voler aspettare un aggiornamento.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.