Paradox, sviluppatore di Crusader Kings, accusato di “bullismo e discriminazione di genere”

0

Lo sviluppatore di Crusader Kings Paradox è stato accusato di “bullismo e discriminazione di genere”.

Pubblicazione svedese Breakit (tramite GamesIndustry.biz) ha riferito di un sondaggio condotto dai sindacati sui dipendenti condotto ad agosto che ha rilevato che quasi la metà dei 133 dipendenti che hanno partecipato ha subito “maltrattamenti “.

Secondo Breakit, i risultati dell’indagine mostrano che i problemi riguardano principalmente il bullismo e la discriminazione di genere”, e “peggio per le donne”.

Il 69 percento delle donne che hanno risposto ha dichiarato di aver subito maltrattamenti. La cifra corrispondente per gli uomini è stata del 33 percento.

“Il maltrattamento è un problema sistemico e fin troppo comune a Paradox”, hanno affermato i sindacati. in conclusione.

Un’altra lamentela sollevata è che “gli autori di alto livello sono percepiti come protetti dall’azienda”. L’indagine evidenzia anche una cultura del silenzio in Paradox.

Breakit ha detto che i risultati del sondaggio, che sono stati condotti dai sindacati svedesi SACO e Unionen, sono stati presentati al responsabile delle risorse umane di Paradox e poi al CEO Ebba Ljungerud lo scorso lunedì, prima che lo staff venisse informato mercoledì. Lo stesso giorno, 1 settembre, Paradox ha annunciato Ljungerud si è dimesso da amministratore delegato “a causa delle diverse opinioni sulla strategia dell’azienda in futuro”, con l’ex amministratore delegato Fredrik Wester diventa di nuovo capo.

Wester ha detto a Breakit che l’uscita di Ljungerud non aveva nulla a che fare con i risultati del sondaggio. Questo punto è stato ribadito a Eurogamer da un rappresentante dei consigli di amministrazione SACO e Unionen di Paradox, che ha anche sottolineato che il sondaggio riguardava solo l’operazione in Svezia di Paradox.

Paradox, che è meglio conosciuto per il suo grande giochi di strategia come Crusader Kings, Europa Universalis e Stellaris, hanno dichiarato a Breakit che ora agirà, combinando il sondaggio tra i dipendenti con il proprio sondaggio interno, che sarà condotto da una società esterna.

Paradox ha rilasciato oggi una dichiarazione a Eurogamer, definendo i risultati del sondaggio “non soddisfacenti”. Di seguito il comunicato:

“Siamo a conoscenza di un’indagine condotta all’interno dell’azienda su questo tema, e dei risultati, che ovviamente non sono soddisfacenti. Il team di gestione vuole garantire questi dati viene dato seguito, ma intraprendere un’azione immediata e diretta è legalmente difficile a causa della natura informale dell’indagine (e grazie alla condivisione dei risultati poco prima di questo cambio di CEO, che è stato per noi abbastanza impegnativo). per conciliare l’indagine informale con la nostra ricerca interna, e siamo ansiosi di agire.

“Paradox sta ora coinvolgendo un’azienda esterna e neutrale per condurre un audit approfondito di i nostri processi e un sondaggio completo tra i dipendenti. Questo ci aiuterà a far avanzare i nostri sforzi verso tutti gli argomenti per cui abbiamo lavorato per migliorare negli ultimi anni: molestie e abusi saranno fondamentali tra questi, ma esamineremo anche argomenti come assunzioni e compensi imparziali, consapevolezza dei pregiudizi in corso, inclusione e altro ancora.”

Le accuse mosse contro Paradox seguono la causa dello Stato della California contro Activision Blizzard su quella che si presume essere una cultura “frat boy” che ha creato “un terreno fertile per molestie e discriminazioni contro le donne”, principalmente presso Blizzard Entertainment, il creatore di World of Warcraft, Diablo e Overwatch.

A luglio, oltre 1000 dipendenti Ubisoft attuali ed ex in 32 studi hanno firmato una lettera aperta in solidarietà con lo staff Activision Blizzard . Le “vuote promesse” della leadership di Ubisoft in risposta alle accuse di “discriminazione sistemica, molestie e bullismo” all’interno dell’azienda e hanno proposto un’industria wid e collaborazione per concordare una serie di “regole e processi per la gestione delle segnalazioni di tali reati”.

Lo Stato della California ha inoltre depositato una causa contro il produttore di League of Legends Riot Games per “discriminazione di genere nelle decisioni di assunzione, retribuzione e promozione; molestie sessuali; e ritorsioni da parte di Riot Games contro le sue dipendenti”.


Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.