Pratica con la nuova console della serie PlayStation 5 CFI-1100

0

La nuova revisione della serie CFI-1100 di PlayStation 5 sta ora arrivando sul mercato, portando con sé un’ondata di polemiche. È iniziato con l’intrigante notizia che oltre al WiFi rivisto e una nuova vite per il supporto, il modello CFI-1100 pesa 300 g in meno dell’originale: un puzzle interessante che potrebbe essere risolto solo andando sul campo. Il primo giornalista a farlo è stato Austin Evans , il cui smontaggio e analisi risponde a molte domande, ma ne solleva altre. Ieri sera, mi sono procurato un’unità da solo, quindi posso aggiungere alcune informazioni iniziali basate sulle mie prime ore con la macchina.

Il video di Evans merita una visione perché a prescindere da come vedi la sua interpretazione delle prestazioni termiche della macchina, puoi vedere esattamente come Sony ha cambiato il design – e altrettanto importante, dove non lo ha fatto – e questa è un’informazione cruciale. Sì, il WiFi ha un aspetto diverso (la misura in cui le prestazioni cambiano non è testata) ma la perdita di peso di 300 g apparentemente si riduce principalmente a un nuovo design più fresco. Non ci sono se e ma al riguardo: questo è chiaramente e ovviamente un esercizio di riduzione dei costi, che arriva in un momento in cui il titolare della piattaforma può aspettarsi di spostare milioni di console mentre le festività natalizie iniziano a pieno regime. Il mostruoso dispositivo di raffreddamento del modello originale – con un peso di 1639 g – viene sostituito con un’alternativa da 1368 g, quindi essenzialmente 277 g della riduzione di peso di 300 g sono rappresentati con il dispositivo di raffreddamento più piccolo. Il dissipatore di calore ha meno tubi di calore (quattro contro sei) ed è costruito con una riduzione complessiva del contenuto di rame: l’alluminio ha solo il 60 percento della conduttività termica del rame. C’è un’altra modifica interessante nel design: la ventola è stata sostituita da un’altra con più pale, potenzialmente in grado di far uscire più aria alle stesse velocità.

Ma cosa c’è di più interessante è l’evidenza che circonda ciò che non è cambiato, in base ai dati di Evans. Soprattutto, l’assorbimento di potenza della macchina sembra molto simile al modello di lancio PS5 in un mondo in cui le riduzioni dei costi sui gruppi di raffreddamento vengono generalmente implementate solo quando il processore principale viene trasferito a una tecnologia di processo più piccola ed efficiente. Quindi, a prima vista, ci sono domande a cui rispondere qui e fondamentalmente si riduce a questo: se il chip non è più freddo e se i requisiti di alimentazione sono gli stessi, cosa è cambiato che giustifica un taglio così significativo la massa e i materiali del refrigeratore? È una domanda perfettamente ragionevole e ho chiesto a Sony un commento.

Austin Evans e i suoi amici smontano la nuova PlayStation 5 della serie CFI-1100, rivelando una soluzione di raffreddamento più piccola e più attenta ai costi.

Il punto cruciale della controversia che circonda il video di Evans deriva dalla sua opinione che la nuova PS5 sia peggiore di quella vecchia – è sua opinione che un dispositivo di raffreddamento più piccolo fatto da meno materiali efficienti producono una macchina più calda. Non è affatto una teoria stravagante quando si osservano le riduzioni di massa e materiale, ma la domanda se è più caldo o meno non può essere determinata misurando la potenza termica dello scarico da solo e anche se funziona di qualche grado più caldo, potrebbe ancora rientrare nelle tolleranze del produttore. Nel video di Evans, c’è stata una piccolissima riduzione del rumore del nuovo modello, che sembra in contrasto con l’idea di una macchina più calda. Questo può essere spiegato in diversi modi: in primo luogo, se la nuova macchina si scalda più, va assolutamente bene in base al suo firmware e non c’è nulla di cui preoccuparsi. Dopotutto, se ci fosse un problema di surriscaldamento, penseresti che la ventola accelererebbe per espellere meglio il calore. In secondo luogo, la nuova ventola potrebbe fare un lavoro migliore nell’espellere l’aria calda e potrebbe essere semplicemente più silenziosa dell’originale in primo luogo. È una parte nuova, dopotutto. L’ultima teoria – forse un po’ meno plausibile – è che un dissipatore più piccolo basato su materiali con una conduttività termica complessiva inferiore sia stato riprogettato in modo tale da renderlo più efficiente.

Ci sono state chiamate per testare il profilo termico interno della nuova PS5 in funzione, soprattutto dopo i test di Steve Burke presso Gamers Nexus sul modello di lancio hanno rivelato preoccupazioni su come un chip di memoria funzionasse a temperature molto elevate, senza molto in termini di dissipazione termica. Tuttavia, le temperature sul processore principale e sui regolatori di tensione sembravano a posto. Alla fine, però, se il chip centrale si surriscalda troppo, ti aspetteresti che la ventola si avvii. Questo apparentemente non è successo con l’unità di Austin Evans e non sta succedendo nemmeno con la mia. Sto eseguendo Remedy’s Control da diverse ore sulla mia unità CFI-1100. In modalità ray tracing, il gioco si blocca a 30 fps e nel gameplay standard, la PS5 assorbe circa 170 W dal muro. Tuttavia, visitando l’ormai famigerato Corridor of Doom – un’area notoriamente pesante del gioco ben nota al pubblico di DF – l’utilizzo della potenza aumenta a 200W. L’accesso alla modalità foto rimuove il limite del frame rate di 30 fps, aggiungendo ulteriore potenza assorbita, con un picco di 214 W.

Questo è più o meno lo stesso assorbimento massimo della mia PS5 di lancio, il che suggerisce fortemente che il processore principale non è stato modificato, ma soprattutto l’acustica della nuova console non è stata modificata a tutti in un grado evidente nelle ore in cui la scena è stata in esecuzione il processore a pieno regime. Se la macchina è più calda o meno è ancora da testare, ma la logica suggerisce che se il nuovo gruppo di raffreddamento non fosse all’altezza del compito, la ventola aumenterebbe di velocità e volume per espellere l’accumulo di calore. Questo non sembra accadere e anche dopo ore, anche l’assorbimento di potenza è costante.

cooler
Foto di Austin Evans che mostra il vecchio gruppo di raffreddamento PS5 (a sinistra) accanto al versione semplificata nel modello CFI-1100.

Quindi se PlayStation 5 può funzionare bene con un dispositivo di raffreddamento più economico e più snello, perché non spedirlo con esso in primo luogo al momento del lancio? Senza parole da parte di Sony, non possiamo dirlo con certezza, ma in termini di processo di produzione, è importante rendersi conto che quando una console arriva sul mercato per la prima volta, i componenti separati della macchina vengono creati contemporaneamente, in parallelo, non in serie. Man mano che il silicio esce dalla linea di produzione, vengono realizzati anche i dissipatori di calore. Nessuno vuole un altro anello rosso o luce gialla della morte, quindi ha senso creare ridondanza nel design. C’è un esempio documentato di questo nell’Xbox One originale di Microsoft: gli architetti hardware hanno visto che c’era margine nella loro soluzione termica, quindi hanno aumentato i core clock del processore stesso. La GPU è passata da 800 MHz a 854 MHz, mentre la CPU ha goduto di un balzo a 1,75 GHz dall’originale 1,6 GHz. Avrebbe reso la macchina più calda? Probabilmente. Importava? Chiaramente no. Forse con il vantaggio di una maggiore esposizione al silicio di produzione e a tutta la telemetria dei milioni di unità disponibili, Sony è abbastanza sicura da ridurre il dispositivo di raffreddamento e ridurre il costo di costruzione della macchina.

Ci sono alcune teorie che circolano sul potenziale di surriscaldamento che penso debbano essere affrontate. PlayStation 5 funziona a un limite di potenza prestabilito, con i core clock della CPU e della GPU che si spostano su e giù in base ai loro requisiti di alimentazione, come divulgato in Mark Cerny’s Road to PlayStation 5 parla l’anno scorso. C’è la preoccupazione che una PlayStation 5 più calda vedrebbe la macchina incapace di raggiungere i clock di boost ottenibili in un modello di lancio nozionalmente più fresco. Sì, le prestazioni sul nuovo modello dovrebbero essere testate, ma trovo estremamente improbabile che la nuova PS5 funzionerà diversamente

anche se fosse più calda di quella vecchia . Gli orologi si regolano secondo un algoritmo basato su un singolo processore ‘modello’. Sony ha profilato come funziona quel singolo chip con una moltitudine di carichi di lavoro diversi e ha applicato quell’algoritmo a ogni PlayStation 5 in produzione, per garantire che anche se gli orologi cambiano, lo faranno in modo identico su ogni sistema disponibile. In breve, il boost non è controllato dalle temperature di una determinata PlayStation 5, quindi il sistema dovrebbe funzionare in modo identico a qualsiasi altro.

Secondo le fonti, i nuovi arrivi al dettaglio sono attualmente un misto di macchine CFI-1000 e CFI-1100. Mentre le possibilità di essere in grado di scegliere quale si ottiene sono incredibilmente piccole a meno che non si prenda la strada dello scalper, qui c’è una potenziale finestra di opportunità per ottenere una macchina originale o una nuova. In questo momento, la nuova macchina sembra essere più o meno la stessa di quella vecchia in termini di esperienza di utilizzo effettivo e Sony ha certamente la fiducia necessaria per sostenere il nuovo design: possiamo presumere che CFI-1000 sia in via di uscita e dei milioni di PlayStation 5 vendute nel periodo che precede il Natale e oltre, saranno tutte basate sul nuovo design. Trascorreremo più tempo con la nuova macchina e produrremo una revisione completa a tempo debito.

Per saperne di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.