Aaron Paul si scrolla di dosso i commenti sull’età dopo il cameo di Better Call Saul

0

Aaron Paul è pienamente consapevole di sembrare più vecchio nel ruolo di Jesse Pinkman rispetto a quando ha iniziato oltre un decennio fa.

L’attore 42enne ha fatto un ritorno trionfante alla parte nell’ultima stagione di Better Call Saul – il prequel di Breaking Bad, la serie che lo ha reso una star nel 2008.

Lui e il suo co-protagonista di Breaking Bad Bryan Cranston hanno deliziato i fan con i loro cameo, interpretando versioni più giovani di se stessi insieme alla star di Saul Bob Odenkirk in scene di flashback, ma Aaron ha insistito sul fatto che gli spettatori non hanno bisogno di far notare che è invecchiato.

“Non sono invecchiato un po’ , siamo onesti”, ha riso a The Hollywood Reporter. “Ci saranno sempre persone che prendono in giro qualcosa. Ovviamente, sono invecchiato; siamo invecchiati tutti. Ma è divertente, quindi lascia perdere.

” Ho avuto il tempo del mio la vita di allora, e quando sono saltato nella sua pelle ora, ho avuto di nuovo il tempo della mia vita. Quindi è stato interessante essere il più giocoso possibile con lui. Pinkman era senza preoccupazioni al mondo in quel momento, specialmente se lo confronti con ciò che lo aspetta nel suo prossimo futuro. Quindi è stata una bella sfida.”

I suoi commenti arrivano dopo che Thomas Schnauz, uno dei produttori e sceneggiatori dello show, ha spiegato a Variety perché hanno deciso di non far de-invecchiamento digitalmente Aaron e Bryan.

Ha rivelato che, nel complesso, il team non ha fatto molti de-aging in Better Call Saul nonostante la serie fosse ambientata prima di Breaking Bad e presentasse parte dello stesso cast.

“C’è un po’ di roba sui volti dei ragazzi per tirare fuori qualche riga qua e là, ma a parte questo, Aaron non sembrerà un ragazzo di 18 anni o comunque il vecchio Jesse è stato durante questo periodo”, ha dichiarato.

“Ho una sorta di paura che le persone taglino questa scena nel mondo di Breaking Bad e cerchino di abbinare il loro aspetto allora e adesso, ma non è così qualcosa di cui puoi preoccuparti troppo. È quello che è.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.