Dakota Johnson ha trascorso mesi a praticare l’accento britannico per la persuasione

0

Dakota Johnson ha passato mesi a perfezionare il suo accento britannico prima dell’inizio delle riprese di Persuasion.

Nell’adattamento cinematografico di Netflix del romanzo classico di Jane Austen, Johnson interpreta Anne Elliot, che è stata persuasa a rompere il suo fidanzamento al suo vero amore Frederick Wentworth perché gli mancava un titolo e una fortuna. Il film riprende otto anni dopo, quando Wentworth ritorna e riaccende i loro vecchi sentimenti.

Essendo l’unico americano nel cast, Dakota era determinato a inchiodare l’accento britannico e dedicare molto tempo per farlo bene.

“Ho iniziato ad allenarmi, come la formazione dialettale, alcuni mesi prima di iniziare”, ha detto a Vanity Fair in un video retrospettivo sulla carriera. “Quella era la cosa più importante per me, assicurarmi di essere almeno d’accordo, sai, parlare con un accento inglese. Se fossi stato trascinato per quello, sarei saltato fuori dal pianeta. Penso ancora che potrebbe essere migliore, ma è così che sono per tutto”.

Nel film, Anne rompe spesso la quarta parete e parla direttamente al pubblico, cosa che per Dakota è stata una strana sensazione poiché la tecnica va contro la regola che gli attori non dovrebbero mai guardare la telecamera.

“La sceneggiatura è stata scritta in un modo, un po’ come Fleabag, in cui il personaggio principale rompe il quarto muro e parla al pubblico, quindi è stato divertente”, ha spiegato. “È stato molto, molto interessante… Non avevo mai lavorato con quella dinamica su un set con una telecamera prima. Mi ha fatto sentire un po’ più connesso sapendo che era OK includere la telecamera. È stato davvero strano. Era tutto ciò che ti è stato insegnato a non fare.

Persuasion è ora in streaming su Netflix.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.