Simon Pegg ha lasciato Twitter quando ha iniziato a sentirsi “come una zona di guerra”

0

Simon Pegg ha deciso di chiudere il suo account Twitter e di allontanarsi dal sito di social media quando ha iniziato a sentirsi come una “zona di guerra”.

L’attore inglese è ancora un appassionato utente di Instagram, ma è diventato diffidente nei confronti delle cattiverie che possono esistere sul sito di microblogging, alcuni dei quali vengono creati negli allevamenti di troll in paesi contraddittori da persone che fingono di essere qualcun altro per avviare discussioni.

“In realtà ho lasciato Twitter. Mi piace Instagram, sembra un bel posto. Ma Twitter sembrava solo una zona di guerra”, ha detto durante il programma per la colazione Good Morning Britain.

Il 52enne può attualmente essere visto nella miniserie britannica The Undeclared War, dove interpreta Danny Patrick, parte di una squadra immaginaria del quartier generale delle comunicazioni del governo che sta segretamente lavorando per scongiurare un cyber-attacco straniero al sistema elettorale del paese.

Lo spettacolo “ha fatto esplodere la sua mente” su ciò che accade davvero quando si tratta del mondo online.

“L’ho fatto tempo fa (a sinistra di Twitter)”, ha continuato. “Il discorso aveva iniziato a degradarsi leggermente.

“Non avevo avuto problemi lì, non c’era come se stessi andando a traina in particolare. Mi sentivo solo come, ‘Voglio lasciare questa festa.’ Sai quando arrivi al punto in una festa quando tutti sono un po’ troppo ubriachi e sono iniziate alcune discussioni e pensi: “Ora vado a casa”. Questo è quello che ho fatto.”

In un esempio di arte che imita la vita, lo scrittore di The Undeclared War Peter Kosminsky ha immaginato un momento in cui Boris Johnson è stato estromesso dalla carica di Primo Ministro, cosa che si è avverata giovedì come leader britannico ha annunciato ufficialmente la sua decisione di dimettersi.

Alla domanda sulla sua interpretazione, Simon ha azzardato: “Un leggero timore nel modo, solo perché sapendo quanto è intelligente Peter, mi chiedo solo quanto più di sta per diventare realtà. È così perspicace quando si tratta di politica e società britannica.

“Penso che questa sia una storia che deve essere raccontata – penso che le persone dovrebbero saperne di più sui pericoli della sicurezza informatica e su cosa ci sta succedendo online e con chi stai parlando quando “sta discutendo. Potresti parlare con qualcuno in una fattoria di troll russa.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.