Scott Derrickson ha rifiutato di rivelare il retroscena di The Black Phone

0

Scott Derrickson ha rifiutato di fornire più retroscena per The Grabber in ‘The Black Phone’.

Il regista 56enne è al timone del nuovo film horror – interpretato da Ethan Hawke ed è basato sull’omonimo racconto di Joe Hill – e non si sarebbe tirato indietro nonostante lo studio e il pubblico volessero maggiori dettagli.

Ha detto The Daily Beast: “Quando abbiamo provato il film, tutti tra il pubblico hanno detto che volevamo saperne di più su The Grabber.

“Lo studio mi ha davvero chiesto: ‘Puoi a almeno provare a scrivere qualcosa che potremmo ripetere che lo spiegherebbe di più?’

“E ho detto: ‘No, non lo farò’. Ho detto: ‘È fantastico che voglio saperne di più su The Grabber – è meraviglioso”. Ma ho detto che se spieghi chi è, sarà molto meno interessante.”

Il regista di “Doctor Strange” ha sottolineato agli iconici cattivi del grande schermo come The Joker e Hannibal Lecter come esempi perfetti dell’idea che meno può essere di più.

Ha spiegato: “Per la creazione di un buon iconico cattivo horror, penso che sia un requisito . Sai, il Joker di Heath Ledger è un ragazzo con una maschera, essenzialmente, e quando dice alle persone che sta terrorizzando, ‘Vuoi sapere come ho avuto queste cicatrici?’, la risposta è no!

“Voglio sentire le molteplici bugie. Voglio sentire cinque versioni diverse, quindi non sapremo mai come hai ottenuto quelle cicatrici. Questo è più spaventoso, perché ti fa inferire o immaginare qualcosa, e qualunque cosa tu potrebbe dedurre o immaginare o semplicemente pensare che sia la cosa peggiore possibile.

“Immagina se ci fosse una scena in ‘Il silenzio degli innocenti’ che spiegasse perché Hannibal Lecter mangia le persone? Rovinerebbe quel cattivo. C’è mistero di cui hai bisogno, e c’è mistero in personaggi come questo.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.