NieR Replicant ver. 1.22474487139… recensione

0

Una scelta sicura per i fan, questa leggera rivisitazione trasforma una partita debole in una buona.

A causa dello stato assoluto

di game reiusses, devo spiegare cos’è Nier Replicant prima di poterti dire com’è. Nier, sviluppato da Cavia, è stato rilasciato nel 2010 in due versioni: Nier Replicant per il mercato giapponese e Nier Gestalt per i territori occidentali. Entrambi sono quasi identici, tranne che per il loro protagonista. L’Occidente ha ottenuto “Dad Nier”, un uomo adulto con un guardaroba Ikea da qualche parte nel suo albero genealogico, e il Giappone ha invece ottenuto un giovane, per la preoccupazione che il protagonista più vecchio non piacesse al pubblico giapponese.

Entrambi i protagonisti hanno lo stesso obiettivo, salvare Yonah, che è la loro figlia o sorella, da una misteriosa malattia chiamata Black Scrawl. Nier Replicant ver. 1.22474487139… porta per la prima volta la versione giapponese in occidente. Il numero di versione, la radice quadrata di 1.5, significa che questo non è né un remake né solo un remaster, è una via di mezzo.

Nier Replicant inizia con una scena in cui il protagonista Nier cerca di difendere sua sorella malata Yonah da un gran numero di mostri invadenti chiamati Shades, prima che un improvviso salto temporale ti porti oltre 1000 anni nel futuro. Il giovane che controlli ora condivide il suo nome con il suo contrappunto del passato, e anche lui ha una sorella malata che vuole salvare. Prima di poter scoprire come sono collegate queste due cose, devi seguire una rudimentale storia JRPG per circa dieci ore.

Nier (o qualunque nome tu decida di dargli) passa il suo tempo essere diretto da A a B da una donna di nome Popola, che sì, grande spinta, è uno dei personaggi che collegano questo gioco a Automata. In un vecchio tempio, Nier incontra un libro parlante chiamato Grimoire Weiss, che gli dà il potere di sconfiggere anche Shades contro cui in precedenza era impotente. Gli viene quindi detto che se raccoglie più abilità per il grimorio sotto forma di cosiddetti Versi sigillati e trova un altro libro chiamato Grimoire Noir, questo salverà sicuramente sua sorella. Nel corso della storia, incontra una giovane donna di nome Kainé, che impreca come un marinaio e combatte in mutande che mostrano tutto il suo sedere (le sue uniche caratteristiche distintive fino a molto, molto tempo dopo), ed Emil, che deve tenere gli occhi nascosto perché basta uno sguardo da lui per trasformarti in pietra.

11

Visiti più volte sei luoghi durante un tempo di gioco iniziale di 15 ore, ciascuna delle quali raggiungi attraversando un pezzo di terra quasi completamente vuoto. Sì, queste posizioni dovrebbero essere vuote perché Nier si svolge in un futuro post-apocalittico, ma ciò non oscura il fatto che non ci sono punti di riferimento interessanti, ogni dungeon è lineare in modo aggressivo e non c’è quasi nessuna varietà di nemici. Nier è un gioco molto vuoto.

Dove l’originale era inoltre dotato di brutte immagini che si basavano su ambienti grigi e marroni, il remaster eleva l’intero pacchetto a un gioco vuoto con ambienti grigi e marroni , texture sbiadite e scene tagliate, animazioni ed effetti di luce molto buoni. Come Automata, Nier non si limita a un genere nel suo gameplay, ma ti offre combattimenti hack and slash, piccole sequenze platform e un gameplay infernale. Questi elementi sono ancora unici per Nier e mostrano una dedizione a mantenere le cose interessanti e varie, ma sfortunatamente l’idea era agli inizi per Nier, quindi queste sequenze sono tutte brevi, facili da superare e possono perdersi in un lavoro noioso. C’è anche un quarto genere di gioco che fa la sua apparizione nella Foresta del Mito, anche se è così inaspettato che non voglio viziarvi se ancora non lo conoscete. Nier gioca anche con le angolazioni della telecamera in modi davvero interessanti: alcune parti del gioco saranno isometriche, un maniero spettrale fa uso della famigerata telecamera di Resident Evil, mentre per i puzzle e le sequenze di proiettili infernali potrai vedere le cose da un’angolazione dall’alto verso il basso .

2

Il più grande cambiamento a Nier Replicant, a parte il suo aspetto, arriva attraverso il combattimento. Nell’originale Nier questo era un affare apparentemente semplice che si è rivelato complicato da controllare. Ottenendo i controlli in linea con lo schema di controllo di Automata, le battaglie ora sono molto più divertenti. Nuovi attacchi e animazioni combo rendono il tutto fluido, anche se il combattimento è più lento e non raggiunge mai le vette delle eleganti combo a catena di Automata. Mi sono comunque divertito, in particolare nella seconda metà del gioco, dove dopo un altro salto temporale il tuo eroe cresce e diventa più abile nel combattimento, il che ti dà accesso a un nuovo set di armi.

Quella seconda parte del gioco, che inizia dopo un altro salto temporale di cinque anni, consiste nel tornare indietro attraverso quasi tutte le località, luoghi che hai già visto più volte durante il primo tempo. Non sono contrario a tornare indietro se vengo ricompensato guardando i luoghi in un modo diverso o se incontro nuovi personaggi, ma Nier ti rimanda indietro attraverso le stesse sale per risolvere enigmi minimamente diversi e combattere gli stessi boss.

3

Nier Replicant fa fatica a essere un gioco uscito in un mondo post-Automata: è più remaster che remake, quindi fondamentalmente non può sradicare gli aspetti che è andato storto nel gioco originale. È un gioco a cui ho giocato per ore in una frenetica ricerca dei pezzi buoni. Per essere onesti, tutto ciò che può essere migliorato senza partire da zero è stato aggiornato: la grafica non è ancora eccezionale ma è sicuramente migliore, il design dei personaggi è pulito, la colonna sonora – una delle migliori in circolazione – è stata ri-registrata ma per il resto funzionalmente lasciato in pace, le linee sono state ri-registrate utilizzando gli stessi doppiatori per il doppiaggio (piacevole) ed è stata aggiunta un’opzione in lingua giapponese. Due missioni principali ti consentono di saltare parti notoriamente fastidiose di cui le persone amavano lamentarsi in passato. Anche nuovi frammenti di tradizione si sono fatti strada nel gioco, tra cui un nuovo boss e una (1) sequenza completamente nuova che collega Nier al suo sequel come promesso. Ma non sopravvalutare la quantità di nuove cose: non sono un esperto di tradizioni di Nier, ma la maggior parte del gioco è come me lo ricordo.

Le parti migliori di Nier sono nascoste dietro i suoi diversi finali , per il quale dovrai giocare più volte la seconda parte del gioco. Ma i finali non sono così diversi l’uno dall’altro e, a causa della natura del resto del gioco, non darei la colpa a chi si stanca prima.

3

Sì, c’è una svolta narrativa, ma se hai giocato ad Automata, ti aspetti che ce ne sia uno, e aspettando che sia un po’ come il meme dei Simpson “pronuncia la battuta”. Probabilmente ti sentirai diverso se non hai mai toccato Automata, ma io l’ho fatto, e questo mi fa solo raccomandare Automata su Nier sotto ogni aspetto. Fondamentalmente, Nier non è mai stato un grande gioco. Aveva una promessa, ma non c’era ancora.

Questa non è solo la mia affermazione, Nier: Automata è stato un chiaro sforzo per implementare il feedback del primo gioco e migliorare i punti di forza di Nier e sradicare le sue debolezze, secondo i suoi sviluppatori. Considero Nier: Automata essenziale, in quanto tale penso che se sei un fan leggermente curioso di Automata, uscirai da Nier deluso. Hai già giocato al miglior gioco di Nier. Questa reiusse è pensata per i nerd della tradizione, per i fan più accaniti, per i completisti, gli evangelisti Nier della vecchia scuola, praticamente tutti coloro che hanno già deciso di acquistare il gioco prima di leggere questo.

2
Leggi di più

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.