Marchio di qualità: il valore dei giochi Nintendo

0

La qualità dei giochi esclusivi di Nintendo è indiscutibile. Fin dalla sua comparsa nel settore, l’azienda e i suoi utenti hanno apprezzato le sue proposte. Così, quello che era iniziato con il Game & Watch, con un piccolo eroe che schivava barili e molti altri esempi che avrebbero riempito migliaia e migliaia di pagine, è diventato oggi uno dei marchi più riconoscibili al mondo.

Indubbiamente, gran parte della colpa è del suo prodotto di punta: i videogiochi. Molto prima di fare il salto di qualità con i propri sistemi, la Grande N era una delle stelle delle sale giochi. Quindi nessuno fu sorpreso dal successo del NES (Famicom in Giappone) quando arrivò sul mercato. Se erano già bravissimi a lavorare su quelle enormi macchine, come potevano non esserlo a produrre per i propri sistemi domestici?

Ecco perché oggi vogliamo lanciare “Seal of Quality”, una serie episodica in cui passeremo in rassegna alcuni punti che, come vedrete in questa e nelle prossime puntate, enfatizzeranno i punti che hanno costruito ciò che la Grande N è oggi. E, naturalmente, è il momento di iniziare con l’aspetto più importante del marchio: la qualità dei giochi Nintendo.

L’eccellenza nella sua fase più primitiva

Il successo del NES e del Game Boy non è un caso. Dopo aver conquistato le sale giochi con Donkey Kong e aver fatto lo stesso nell’arena delle console portatili con il Game & Watch, la società ha pensato che sarebbe stata una buona idea puntare sulla produzione di idee per il proprio sistema. Così, dopo anni di esperienza nel settore, a metà e fine anni ’80 nacquero il NES e il Game Boy, le prime console che l’azienda considerava tali.

Molte delle licenze che conosciamo oggi sono nate su queste console. Anche se l’attenzione è stata catturata da proposte come Super Mario o The Legend of Zelda, due idee capaci di rivoluzionare i loro generi e di portarli in una nuova dimensione, questi sistemi sono stati la prima casa di altri franchise come Pokémon, Kirby o Metroid che sono ancora vivi oggi.

Tuttavia, anche se questi sono gli esempi più ripetuti, non sono stati gli unici a debuttare negli anni Ottanta. Opere come Ice Climber, Kid Icarus o Punch-Out!!!, oggi un po’ ostracizzate, stupirono i giocatori dell’epoca. Inoltre, queste console ricevettero anche i primi giochi sportivi della società, idee che anni dopo avrebbero gettato le basi per quelle che oggi sono serie come Mario Golf.

La qualità dei giochi Nintendo progredisce di pari passo con la tecnologia

Fortunatamente, la società fu in grado di tenere il passo con le innovazioni e il progresso tecnologico. Nonostante un forte inizio nel settore, questo improvviso successo non li ha indotti a riposare sugli allori. Mentre l’industria progrediva a ritmo sostenuto, l’azienda giapponese ne seguì l’esempio, adattandosi con sorprendente rapidità.

Al NES seguì il SNES, un sistema noto come “Il cervello della bestia” per tutto ciò che aveva da offrire. Con essa, la Grande N ha fatto un salto in avanti che ha dato impulso a tutte le proposte in cui era immersa. Seguì Nintendo 64, una console di minor successo che, nonostante l’accoglienza tiepida, ospitò due titoli che sono le fondamenta dell’industria attuale: Super Mario 64 e The Legend of Zelda: Ocarina of Time.

Nel corso degli anni, l’azienda ha puntato sul minimalismo e sulla tecnologia d’avanguardia con GameCube, una console che non ha venduto quanto previsto. Tuttavia, questa delusione ha aiutato l’azienda a credere nella Wii, una delle più grandi rivoluzioni nella storia del settore. Purtroppo ha toccato nuovamente il fondo con Wii U, una console che alla fine è servita come punto di svolta per Nintendo Switch, la macchina in cui casa e console portatile sono andate a braccetto.

In quest’ultimo ambito, da Game Boy a Game Boy Color, un piccolo passo avanti che ha dato nuova vita all’offerta del sistema. Da lì è passato a Advance, un sistema tanto amato quanto di breve durata. Nonostante la sua qualità, sono bastati pochi anni perché il testimone passasse al Nintendo DS, la più grande rivoluzione portatile della storia. In seguito, Nintendo 3DS ha fatto la sua comparsa sulla scena e, come ormai saprete, il testimone è passato a Nintendo Switch.

Pionieristica sotto molti aspetti

Parallelamente all’uscita di ogni console, sono arrivate le proposte di marchi noti, adattate per sfruttarle al meglio. I titoli di Mario, capaci di eccellere sulle console domestiche, erano la scommessa preferita per l’arena portatile. E, come nel caso dell’idraulico, lo stesso vale per Link, Samus e altri personaggi di marca.

A prima vista, sembrava che l’azienda fosse stata toccata da una bacchetta magica. Tuttavia, grazie alla qualità dei suoi giochi, Nintendo era riuscita a far sembrare facile il difficile . Se ogni nuovo gioco è stato un successo di mercato e ha entusiasmato sia la stampa che i giocatori, non può essere una coincidenza. E, non appena si analizzava ciò che si aveva tra le mani, il risultato smetteva di essere sorprendente e diventava di routine (con i meriti che questo comporta).

Con i giochi dell’idraulico, la Grande N pose le basi del platform. Link, dal canto suo, ha mostrato come dovrebbe essere presentato un gioco d’avventura ricco di azione. Samus e Metroid ci hanno insegnato che per imparare bisogna tornare sui propri passi. E Pokémon, per fare un esempio, ci ha stupito con la ricerca del più grande allenatore di tutti i tempi.

Nintendo, fin dalla sua nascita, ha offerto giochi che trasudano qualità e amore per il medium. I suoi utenti, molti dei quali con decenni di fedeltà alle spalle, hanno risposto sostenendo i franchising per decenni. E, visti i numeri milionari di Nintendo Switch, sembra che la storia si ripeterà per molto tempo.

E voi, pensate che uno dei tratti distintivi più importanti di Nintendo sia la qualità dei suoi giochi? Quale franchise vi piace di più dell’azienda? Vi leggeremo nei commenti.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.