Austin Butler non riesce a smettere di parlare come Elvis

0

Austin Butler afferma di aver iniziato a parlare come Elvis Presley dopo averlo interpretato nel nuovo film biografico.

L’attore trentenne interpreta il re del rock and roll nel film di Baz Luhrmann ma ha rivelato che non può scuotere i toni distintivi della leggenda della musica ora che ha finito il film.

Parlando a Entertainment Tonight, Austin ha spiegato: “A questo punto, continuo a chiedere alla gente, ‘ È questa la mia voce?’ perché questo mi sembra il mio vero… è una di quelle cose in cui certe cose lo innescano e anche altre volte lo è, non lo so.

“Quando vivi con qualcosa per due anni , e non fai nient’altro, penso che non puoi farne a meno. Diventa una fibra del tuo essere.”

Oltre a parlare e cantare come Elvis, Austin ha dovuto muovere i fianchi per imitare i movimenti dell’icona della musica durante il film e ha rivelato che “aveva lavorare sodo” per perfezionare la fisicità di Elvis.

La star di ‘C’era una volta a Hollywood’ ha detto: “Il fatto con lui è che non erano mosse, stavano uscendo dalla sensazione della musica. Quindi, per me, doveva trattarsi di trovare la sensazione della musica, commuovendomi in quel modo. È stato davvero divertente. È stato liberatorio.”

Austin ha rivelato di voler catturare le stranezze del re, ma non voleva nemmeno che il suo ritratto fosse comico.

Ha detto: “C’è così tante cose là fuori che sono diventate queste caricature, quindi anche parlando di lui che arriccia il labbro, è qualcosa che non ha fatto tanto quanto pensiamo che abbia fatto. Lo faceva per una foto.

“Stava scoprendo quanto puoi andare con le cose in modo sottile e avere ancora l’essenza. Era questa costante avanti e indietro, ed è questa la cosa difficile, andare avanti e indietro tra cose incredibilmente tecniche e poi non perdere mai l’umanità. Tipo, quello era l’obiettivo, avere sempre la sua anima lì dentro.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.