Norman Reedus sembra confermare che il sequel di Death Stranding è in fase di sviluppo

0

“Abbiamo appena iniziato il secondo.”

Norman Reedus ha apparentemente confermato che un sequel di Death Stranding è in fase di sviluppo.

In una nuova intervista con Leo, Reedus – l’attore che interpreta il ruolo principale, Sam Porter Bridges – ha parlato di Death Stranding e ha detto semplicemente: “Abbiamo appena iniziato il secondo”.

Ha poi spiegato come è nato il suo ruolo.

Death Stranding Director’s Cut: Ripartizione grafica tra PC e PS5.

“Guillermo Del Toro, che mi ha dato il mio primo film, mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Ehi, c’è un tizio di nome Hideo Kojima, ti chiamerà, digli di sì’ E io: “Cosa vuol dire “di’ di sì”?” E lui: “Smettila di fare lo stronzo, di’ di sì” Poi ero a San Diego e Hideo è venuto con un grande gruppo di persone, lui è di Tokyo, e mi ha mostrato quello a cui stava lavorando su un gioco chiamato Silent Hill.

“Sono rimasto sbalordito da quello che mi stava mostrando e ho pensato: “Sì, facciamolo” Non è Ms. Pacman; è così realistico, così futuristico, così complicato e bello, e sono rimasto completamente sbalordito”, ha detto.

“Mi ci sono voluti forse due o tre anni per finire tutte le sessioni di MoCap e tutto il resto. Ci vuole un sacco di lavoro. Poi il gioco è uscito, ha vinto tutti i premi ed è stato un successo enorme, quindi abbiamo iniziato la seconda parte”.

Death Stranding, uscito originariamente su PS4 nel 2019, è stato un gioco divisivo.

La sua Director’s Cut per PlayStation 5 è uscita l’anno scorso, seguita da una versione per PC all’inizio di quest’anno.

Finora non era noto che fosse in lavorazione un sequel.

Eurogamer ha contattato Kojima Productions per avere conferma.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.