EA starebbe valutando opzioni di acquisizione e fusione con “un certo numero di potenziali pretendenti”

0

Tra le aziende contattate ci sarebbero Amazon, Apple, Disney e NBCUniversal.

Electronic Arts starebbe valutando opportunità di acquisizione e fusione con “diversi potenziali pretendenti”.

Questo secondo Puck (£), che ieri ha rivelato che EA è stata “insistente nel perseguire una vendita” con una serie di aziende, tra cui Amazon, Apple, Disney e NBCUniversal, “incoraggiate dalla scia dell’accordo Microsoft-Activision“.

“Negli ultimi anni, con il crescente interesse delle aziende del settore dei media per l’industria dei videogiochi in rapida crescita, [CEO Andrew Wilson] ed Electronic Arts hanno avuto colloqui con diversi potenziali pretendenti, tra cui Disney, Apple e Amazon, come mi hanno riferito fonti a conoscenza di tali colloqui”, ha scritto il giornalista di Puck, Dylan Byers.

Eurogamer Newscast: Cosa succederà a EA e FIFA?

“Diverse fonti che hanno familiarità con queste trattative affermano che EA è stata ostinata nel perseguire una vendita, e si è fatta più forte sulla scia dell’accordo Microsoft-Activision. Altri sostengono che EA sia principalmente interessata a un accordo di fusione che permetta a Wilson di rimanere come amministratore delegato della società combinata”.

Non è chiaro se un accordo sia attualmente in fase di negoziazione, ma il giornalista ha lasciato intendere che l’accordo con NBCUniversal è quello che ha fatto più progressi, prima di fallire il mese scorso dopo che le parti non sono riuscite a trovare un accordo sulla struttura o sul prezzo.

“Non commentiamo le voci e le speculazioni relative alle fusioni e acquisizioni”, ha dichiarato il portavoce di EA John Reseburg ai media in un comunicato (grazie, Kotaku).

“Siamo orgogliosi di operare da una posizione di forza e di crescita, con un portafoglio di giochi straordinari, costruiti attorno a potenti IP, realizzati da team di incredibile talento, e una rete di oltre mezzo miliardo di giocatori. Vediamo un futuro molto luminoso davanti a noi”.

La notizia arriva dopo che è stato riferito che fino a 100 persone potrebbero perdere il posto di lavoro a causa della riduzione del personale di assistenza clienti presso la sede statunitense di Austin e quella europea di Galway. EA ha confermato i licenziamenti e ha dichiarato che la perdita di posti di lavoro avrebbe finito per “ridurre la complessità e aumentare la nostra efficienza, flessibilità e scalabilità”.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.