Pochi giochi mi hanno ossessionato come SSX Tricky

0

Se l’industria videoludica mi concede un ultimo remaster prima che le sue macchine per la rimasterizzazione si esauriscano, che sia SSX Tricky. Dal punto di vista odierno, quando molti grandi publisher puntano ancora su uno stile realistico e su prestazioni serie, probabilmente non è così semplice fare un caso per SSX Tricky come lo è stato per una serie come quella di Tony Hawk. Entrambi possono avere una colonna sonora da urlo e sono sicuramente giochi sportivi amati dai giocatori della mia generazione, ma SSX Tricky non potrebbe mai fungere da veicolo per il suo sport o per le personalità sportive che vi stanno dietro. Manca fondamentalmente il marketing e la storia della vita reale che sono così importanti in FIFA, F1 e altri giochi sportivi con uscite annuali e grandi accordi di licenza.

Tuttavia, il suo stile ultra-arcade, completamente slegato da come funzionano realmente gli eventi di snowboard (non saprei, ma dubito che i tunnel di ghiaccio e le rotaie altissime siano una realtà), si è rivelato il suo grande punto di forza. Tutto in SSX Tricky è rumoroso e disobbediente, ma a differenza di Jet Set Radio, si presenta ancora come una competizione sportiva, solo una in cui buttare fuori pista gli avversari è apertamente incoraggiato e premiato.

Sono pochi i giochi che ho giocato in vita mia con l’ossessione che avevo per SSX Tricky. Volevo perfezionare ogni percorso e sbloccare tutti gli abiti per ogni personaggio, e credo di esserci riuscito perché SSX Tricky è il tipo di gioco che ti fa sentire figo in diversi modi, tutti ugualmente importanti. C’è il basso limite di abilità: ci si sente fighi con poco e si può investire nella propria abilità e diventare davvero bravi nel gioco, una sensazione che non avevo mai provato in altri giochi sportivi fino a quel momento. In SSX Tricky è facile realizzare un bel trick, in parte grazie agli ottimi controlli, ma anche perché anche il trick più semplice ha un aspetto fantastico. Il personaggio e l’annunciatore reagiscono, il numero di punti, per quanto alto, appare bello e grande, e poi c’è naturalmente il grido “Tricky!” che celebra il successo dell’atterraggio. Il tutto è ancora più bello quando si ha un bel po’ di tempo per volare, cosa che il gioco prevede in ogni pista con rampe gigantesche e imperdibili almeno una volta. Per un attimo non si sente altro che l’ululato del vento, e si è solo voi e il cielo.

Shredders è un gioco adorabile, ma non è SSX.

Nei videogiochi c’è sempre qualcosa nel lanciarsi da una grande altezza, ma è ancora meglio quando lo si può usare per realizzare un trick ridicolo, come il Propeller, durante il quale i rider fanno girare le loro tavole come eliche davanti ai loro volti, o il LaLaLa Lock Step, in cui i rider fanno girare la loro tavola in senso orario e si fanno girare in senso antiorario. Questi trick sono ovviamente troppo selvaggi per essere reali, ma mi sembra che siano stati progettati in modo tale da far pensare che possano essere reali. Hanno origine da prodezze atletiche o da passi di danza, e hanno un aspetto così elegante che mi piacciono ancora molto per le animazioni, anche se il resto del gioco purtroppo non è invecchiato con la stessa grazia.

SSX Tricky ha capito qualcosa sui personaggi che i giochi su licenza possono dare per scontato: i giochi sportivi sono spesso più divertenti se si può giocare nei panni di qualcuno che ci piace. In FIFA, si gioca nei panni della propria squadra preferita, e vedere l’alter ego digitale di Tony Hawk invecchiare in Tony Hawk 1+2 è stato un momento glorioso sia per quelli di noi che sono cresciuti con il vero skater sia per quelli per cui era solo un avatar digitale. Ma la scena dello snowboard e Tricky come gioco arcade, come già accennato, non avevano volti così riconoscibili, quindi si sono fatti da soli.

I personaggi di SSX Tricky non sono solo avatar con gusti molto diversi in fatto di moda, ma hanno storie, amicizie, rivalità e film preferiti. Devo dire che alcuni dei design dei personaggi rasentano la caricatura: per quanto sia bello avere un personaggio latino in Marisol Diez Delgado, venezuelana, è descritta come un “mix di innocenza e cruda sessualità, una persona che non riesce a tenere sotto controllo il suo temperamento e a cui piace fare festa tutta la notte”. Tipico stereotipo latinoamericano. Allo stesso modo, l’afroamericana Seeiah Owens è “una sistah autosufficiente” che ama l’R&B e i film di Spike Lee. All’inizio degli anni Duemila era semplicemente bello vedere l’esistenza di questi personaggi, oggi vorrei scambiare due parole con i loro designer. Come disse all’epoca il produttore esecutivo Steve Rechtschaffner, “la sottigliezza probabilmente non sarebbe stata una buona cosa con i personaggi”.

Anche questi personaggi, per quanto stereotipati, sono resi vivi dai loro doppiatori. SSX Tricky, un gioco di snowboard, è stato doppiato da un gruppo di persone che potrebbe rivaleggiare con il cast di un film Pixar dei primi anni 2000. Ok, forse Dreamworks, ma avete capito il senso. Il gioco ha un’ottima sezione extra su DVD, in genere un’idea carina per raccogliere materiale bonus, in cui ogni doppiatore viene presentato e dice doverosamente frammenti di PR come “non sapevo che i videogiochi potessero essere così” e “sì, ci gioco molto”, mentre sembra che una persona con una telecamera li abbia assaliti alle 5 del mattino con un piede fuori dalla porta. Celebrità come Macy Gray, Oliver Platt e David Arquette e quella leggenda che era l’allora senior marketing manager di EA Nick Malapariman stavano improvvisamente doppiando i personaggi dei videogiochi (o, nel caso di Malapariman, dando la sua migliore imitazione di un tifoso del Chelsea sugli spalti), e anche se in realtà non facevano altro che urlare un mucchio di latrati a volume altissimo, ero così affascinato da ciò che stavano vendendo che sono diventato un fan sfegatato del doppiaggio dei videogiochi in quel momento, e lo sono ancora oggi.

Timeless stuff!

Come suggerisce il nome, SSX Tricky è SSX, un gioco di corse di snowboard, con più trick, perché i suoi creatori si sono resi conto che la parte dei trick era quella più interessante per la gente. Forse non è così per altri sport, anche se mi piacerebbe che qualcuno si cimentasse nuovamente in un gioco di calcio con trick-shot in stile Captain Tsubasa. Ma sembrava chiaro che il grande punto di forza di SSX Tricky fosse proprio quello che c’era scritto sulla scatola, ed è per questo che continuo a non capire l’incentivo a riportare la serie a qualcosa di relativamente blando con i capitoli successivi. Sembra che EA sia tornata a qualcosa di più facile da spiegare e da commercializzare per un ampio gruppo di persone, che ironicamente era quello che nessuno voleva.

SSX Tricky è stato il prodotto dell’incontro di molti grandi artisti, persone che conoscevano molto bene le loro materie, che si trattasse di recitazione, animazione o musica, prodotta da Mixmaster Mike dei Beastie Boys. È una ricchezza di talenti che oggi diamo quasi per scontata nell’industria dei videogiochi, viste le sue dimensioni e il suo valore monetario, e SSX Tricky per me è un esempio di come tutte queste risorse potrebbero essere utilizzate.

Forse, invece di un remake di un gioco in stile anni 2000, dovremmo avere un nuovo SSX Tricky: realizzato da un gruppo eterogeneo di persone con le risorse di cui dispone ora EA, potrebbe essere un ottimo richiamo allo spirito del gioco originale e di EA Sports BIG, l’etichetta che voleva offrire un’esperienza diversa. In un momento in cui EA non è nota per essere particolarmente avventurosa, sarebbe bello vedere qualcosa di un po’ selvaggio.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.