I tester QA di Raven Software, lo studio di Activision Blizzard, hanno vinto il voto sindacale

0

“Anche un piccolo gruppo di persone… può affrontare un gigante degli studi AAA come Activision e uscirne vittorioso”

Un gruppo di 28 tester QA presso lo studio Raven Software di Activision Blizzard, con sede nel Wisconsin, nonostante i continui sforzi antisindacali dell’editore, ha vinto il proprio voto per la sindacalizzazione.

I tester della Quality Assurance di Raven Software hanno annunciato formalmente la loro intenzione di sindacalizzarsi sotto il nome di Game Workers Alliance a gennaio – tra le azioni di sciopero in corso a seguito del licenziamento di 12 membri del team QA dello sviluppatore – ma quando Activision Blizzard non ha rispettato la scadenza per il riconoscimento volontario del sindacato, il gruppo ha presentato una petizione all’agenzia governativa indipendente National Labor Relations Board (NLRB) per avviare le elezioni sindacali.

Activision Blizzard ha contestato la richiesta, ma le sue argomentazioni sono state respinte dall’NLRB, per cui l’editore avrebbe iniziato a intensificare i suoi sforzi antisindacali.

I dirigenti di Activision Blizzard avevano già contattato il personale durante la spinta iniziale della Game Workers Alliance per la sindacalizzazione, affermando che i sindacati “potrebbero danneggiare la nostra capacità di continuare a creare grandi giochi” e che erano inferiori a un “dialogo attivo e trasparente tra leader e dipendenti”, ma con le elezioni sindacali che incombevano, la dirigenza di Raven ha iniziato a organizzare incontri e sale cittadine in cui, secondo quanto riferito, la sindacalizzazione avrebbe “ostacolato lo sviluppo dei giochi e influito su promozioni e benefit”. Ai dipendenti dello studio è stata anche inviata un’e-mail con un allegato che recitava semplicemente “Per favore, votate no”.

Tuttavia, è ormai chiaro che gli sforzi di Activision non hanno avuto l’effetto desiderato. Come riportato dal Washington Post, l’ufficio di Milwaukee del National Labor Relations Board ha contato oggi le schede elettorali inviate per posta dai tester QA di Raven; il conteggio finale ha visto 19 voti a favore della sindacalizzazione e tre contrari, rendendo la Game Workers Alliance uno dei primi sindacati legalmente riconosciuti presso un grande editore di videogiochi negli Stati Uniti.

Dopo i risultati di oggi, Becka Aigner, una tester QA di Raven Software che ha partecipato alla votazione, ha dichiarato al Washington Post: “L’esito di questa elezione, la voce delle persone che si sono riunite per votare sì a questo sindacato, è un’ulteriore conferma del fatto che anche un piccolo gruppo di persone di Madison, nel Wisconsin, che si uniscono per solidarietà, può affrontare un gigante degli studi AAA come Activision e uscirne vittorioso”.

“Ora che la lotta per il riconoscimento è terminata, possiamo concentrare i nostri sforzi sui negoziati. Lotteremo per il rispetto, lotteremo per ottenere salari migliori, benefit migliori, un migliore equilibrio tra vita privata e lavoro, lotteremo per la sostenibilità e la sicurezza del posto di lavoro, e continueremo a lottare per i nostri colleghi lavoratori in modo solidale.”

Un tester QA senza nome ha aggiunto: “Ciò che è ancora più eccitante di ciò che questo significa per noi di Raven è il precedente che questo crea per l’industria dei videogiochi. Il fatto che i tester del controllo qualità siano sottopagati e sfruttati è la norma e con i sindacati possiamo cambiare le cose. Spero che il nostro sia il primo sindacato di molti altri per i lavoratori del QA e non vedo l’ora di vedere quale sarà il prossimo studio”.

Activision Blizzard, tuttavia, si è dimostrata meno entusiasta della notizia odierna, dichiarando al Washington Post che, pur “rispettando e credendo” nel diritto di tutti i dipendenti di decidere se sostenere o meno un sindacato, “crediamo che una decisione importante che avrà un impatto sull’intero studio Raven Software, composto da circa 350 persone, non debba essere presa da 19 dipendenti Raven. Siamo impegnati a fare ciò che è meglio per lo studio e per i nostri dipendenti”.

La storica vittoria di oggi arriva mentre Activision Blizzard – che a gennaio è stata acquisita da Microsoft per 69 miliardi di dollari – continua a cercare di lasciarsi alle spalle gli ultimi nove mesi di accuse scioccanti sulla sua cultura del lavoro e sul trattamento dei dipendenti sotto la sua sorveglianza.

A seguito di una causa intentata dallo Stato della California lo scorso luglio, che descriveva l’editore come un “terreno fertile per le molestie e le discriminazioni nei confronti delle donne”, l’amministratore delegato Bobby Kotick è stato al centro di un rapporto schiacciante in cui si afferma che era a conoscenza di comportamenti sessuali scorretti all’interno dell’azienda “da anni”. Più di recente, i genitori di un’ex dipendente di Activision Blizzard, suicidatasi nel 2017 durante un ritiro aziendale, hanno avviato una causa contro l’editore per morte ingiusta, sostenendo che il suicidio sia stato il risultato di molestie sessuali da parte dei colleghi di lavoro.

A marzo, un giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti ha dichiarato di essere “pronto ad approvare” il controverso accordo di 18 milioni di dollari di Activision Blizzard per una causa separata per molestie sessuali intentata dalla Equal Employment Opportunity Commission l’anno scorso, nonostante le obiezioni di altre parti, ma gli eventi hanno preso un’ulteriore svolta drammatica ad aprile, quando il governatore della California è stato accusato di aver interferito per sostenere Activision Blizzard nella causa statale per discriminazione e molestie che ha dato il via ai guai dell’editore.

Read More

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.